Home » Approfondimenti » Big data » Istat, industria, Big Data
Big data innovazione Post

Istat, industria, Big Data

L’approccio Big Data si sta facendo strada in Italia. In un percorso parallelo, l’industria riunita alla Luiss ha dimostrato la fattibilità e l’opportunità di usare i dati come un patrimonio da valorizzare (Luiss), e l’Istat ha dichiarato che ci crede e ci investe, dopo le sperimentazioni già effettuate (Forumpa).

La statistica ufficiale ha qualcosa da dire anche nell’ambito dei Big Data. È evidente che il vecchio sistema a base di sondaggi, ottimo per quando i dati erano scarsi, si deve adattare e integrare nel nuovo contesto nel quale i dati sono abbondanti. Ma è pure chiaro che non bastano tanti dati a fare buona conoscenza. Resta il compito di promuovere e valorizzare la cura dei dati, la visione critica del loro significato, la profondità della loro interpretazione. Nel mondo dei dati abbondanti la qualità scientifica è ancora scarsa.

La raccolta di dati e il loro confronto con informazioni di origine non omogenea, il riconoscimento di pattern, il senso delle correlazioni, la profondità scientifica delle teorie e delle ipotesi, la disponibilità all’approccio sperimentale, sono cose che non si risolvono con una tecnologia. Ci vuole scienza.

L’industria comincia a chiederlo. Le esperienze raccontate ieri alla Luiss lo testimoniano. Ormai si decide a base di dati non solo il marketing, ma anche la produzione, la localizzazione dei negozi, la struttura dell’offerta, la velocità di reazione al cambiamento e così via. Non bastano buone tecnologie di raccolta dei dati interni alle aziende. Vanno connessi con i dati che vengono dal contesto. E vanno interpretati correttamente. L’Istat potrà dare una mano. E diventare un motore di qualità per l’innovazione.

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video