L’innovazione nella riflessione. Milano e l’inclusione sociale

L’innovazione nella riflessione. Milano e l’inclusione sociale

Non è insensato ritenere che la politica si vada concentrando sulla costruzione del consenso e abbia dimenticato la necessità di riflessione. In qualche modo l’elaborazione delle policy era un tempo interna ai partiti mentre oggi è apparentemente, almeno in parte, esternalizzata. Occorrono nuovi metodi per dare alla politica una struttura di approfondimento delle policy. Molti ricorrono alla logica dei barcamp, leopolde e tavoli di lavoro. Altri si affidano a intellettuali ed esperti. Altri ancora formano task force e avviano consultazioni. Il metodo civico è al centro dell’innovazione in questo settore.

Un’idea ulteriore viene fuori a Milano: una call per idee e la formazione di una sorta di think tank sui temi dell’innovazione e dell’inclusione sociale.

“Sviluppare a Milano il primo laboratorio metropolitano espressamente dedicato all’analisi e all’approfondimento delle varie tematiche dell’inclusione e dell’innovazione sociale significa poter contare su un bacino costituito da 8 università con 6296 tra docenti e ricercatori oltre a 13 istituti di ricerca riconosciuti dal Ministero in grado di aiutare a capire come intercettare e interpretare i cambiamenti sociali ed economici in atto”: così l’assessore alle Politiche per il Lavoro, Sviluppo economico, Università e Ricerca Cristina Tajani che prosegue: “Questo Laboratorio sulla conoscenza pubblica, grazie anche alla collaborazione con Fondazione Feltrinelli, ha lo scopo di mobilitare il sapere cittadino su problemi di governo e sull’analisi delle trasformazioni della città. Il Laboratorio si articolerà in una campagna, un ciclo di incontri e un luogo di dibattito sempre aperto volti a far emergere le migliori esperienze di una città che innova e include”.

  • 08/10/2017 Due scenari per il lavoro del futuro Sono passati quasi vent’anni dalla pubblicazione de “Il lavoro nell’epoca della fine del lavoro” di Ulrich Beck. Il sottotitolo dell’edizione italiana curata da Einaudi era “Tramonto delle sicurezz...
  • 20/06/2015 Nòva AJ – La nuova versione L'idea è venuta fuori chiacchierando con Paolo Valdemarin. E forse ci ricordavamo di quello che aveva fatto il nostro vecchio amico Loïc Le Meur con Seesmic. Ma ormai era l'epoca delle app. Mobile ...
  • 20/08/2017 Il lavoro del futuro. Una ricerca. (Vuoi contribuire?) Il Sole 24 Ore sta da tempo conducendo una campagna di sensibilizzazione sulla necessità di operare nuove policy per aumentare l'accesso al lavoro, specialmente dei giovani, e per migliorare le pol...
  • 03/06/2015 Corollario 1: la strana alleanza tra Wow e Chissenefrega Se hai letto il post di ieri, questo ne è una chiosa. Se la retorica del Grande Wow non trova sostanza fattuale ma riesce a illudere una minoranza della società che potrebbe cambiarla si salda c...
  • 25/03/2017 Il metodo democratico. La governance di internet. La credibilità dei politici Non è una grande scoperta. I politici faticano a essere credibili. Da una parte ce la mettono tutta per disperdere il loro capitale di credibilità, adottando una serie di comportamenti criticabili,...
  • 15/09/2010 Impresa sociale, impresa culturale, impresa economica In preparazione del workshop sull'impresa sociale che comincia domani a Riva del Garda, grazie a IrisNetwork, si cercano riflessioni. Ecco due appunti.Il valore, nell'epoca della conoscenza, è conc...

3 Commenti su “L’innovazione nella riflessione. Milano e l’inclusione sociale

  1. progetto interessante che spero soddisfi le aspettative. Da utizzatore di aggregatori di notizie penso però che questo tipo di app sia “chiuso”; nel senso che le si utilizzar per leggere una sola fonte, in questo caso Nóva. Gli approfondimenti sono utili, ma la lettura su dispositivo mobile è veloce e frammentata. Ultima cosa riguarda le notizie che si aprono sul sito di Nóva e contrastano con la grafica dell’applicazione. Un’impaginazione dedicata renderebbe l’esperienza di lettura più piacevole.

Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *