Città come regola in un mondo con politica meno potente

La potenza delle enormi banche e istituzioni economiche globali, le vittorie dei giganti cinesi o le autolimitazioni di policy all’europea sono tra le tendenze che sembrano aprire un’epoca nella quale la politica occidentale è più simbolica che potente.

In un contesto simile le regole implicite nella costruzione di entità umane stabili come le città sembrano destinate ad assumere un’importanza crescente nel dare forma alla convivenza. In proposito: Jan Gehl, Cities for people (2010).

Analogamente le regole implicite nelle grandi piattaforme sociali stanno assumendo compiti di autoregolazione piuttosto importanti. Ma non necessariamente civici. La cosa merita una discussione critica. Imho.

Articoli Correlati

  • 25/07/2009 La parola delle azioni Mauro Magatti. «La crescente disponibilità di discorsi e l'espansione degli spazi dell'interpretazione soggettiva rendono sempre più difficile la condivisione intersoggettiva di significati; d'altr...
  • 07/04/2012 Le mani sulla smart city Abituati al livello di attenzione ed efficienza della classe politica, gli italiani possono nutrire qualche dubbio su chi avrà il potere sulle smart city. Di fronte ai venditori di soluzioni inform...
  • 04/04/2012 L’intelligenza delle smart city Esperienza. "We shape our buildings; thereafter they shape us". Queste citazioni che si trovano decontestualizzate su internet non sono una sicurezza dal punto di vista filologico. Ma questa citaz...
  • 31/03/2012 Smart city – letture Questo post serve solo per fissare qualche link nella speranza che i commentatori aggiungano segnalazioni per poter affrontare meglio un discorso sul tema della smart city previsto per giovedì a Ve...
  • 07/12/2011 FP: i pensatori più influenti Secondo Foreign Policy, tra i cento pensatori più influenti sull'agenda mondiale, attualmente i primi sono nel mondo arabo. Obama non è che undicesimo (come pensatore...). Non mancano i ragazzi che...
  • 09/03/2012 Strategie nella complessità: banalità, facilità, semplicità Un sistema complesso non è un sistema difficile: è un sistema nel quale ogni elemento interagisce con ogni altro e coevolve in maniera non facilmente prevedibile con gli altri elementi. Ma di certo...

2 Commenti su “Città come regola in un mondo con politica meno potente

  1. su questo penso tu sia proprio fuori strada. L’ingigantirsi e intrecciardi di poteri e rischi globali potrà essere affrontata solo da un’accelerazione di adeguati processi costituenti globali, e non dà citta stato con grande autonomia …

  2. non ho detto che questo sia giusto, ma solo che sta avvenendo.. e sono convinto che proprio perché sta avvenendo, il potere di multinazionali e piattaforme, rende un processo costituzionale globale sempre più importante (anni fa ho scritto in proposito “in nome del popolo mondiale”, fazi editore)

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>