Home » partecipazione » Sant’Anastasia a pagamento
partecipazione perplessità

Sant’Anastasia a pagamento

Sant'anastasiaSi parla di far pagare i giornali online con qualche sgomento. Come ogni volta che si affronta un tabù. Per consolarsi ci si ricorda che un tempo la tv era gratis e ora milioni di persone la pagano. Ma è una consolazione insufficiente: mi ricordo di quando si entrava in chiesa gratis. E oggi invece ho visto…

Sant’Anastasia è una chiesa meravigliosa. Un gotico leggero e maestoso. Si può immaginare quando la costruirono proprio sulla strada romana che dal centro di Verona portava a quel ponte sull’Adige che oggi non esiste più. Ricordo la mia fantasia di bambino che correva, entrando in quella chiesa, salutato dai due strani gobbi che sorreggono i bacini dell’acqua santa. Qui e là, opere straordinarie. La fama sorride a quelle del Pisanello. E in fondo, sull’abside, la tomba di Cortesia Sarego, un ufficiale degli Scaligeri. Anche lui aveva affascinato il grandissimo storico Alberto Tenenti, autore di una storia della morte senza paragoni. Perché sulla sua tomba lo si vede a cavallo. Come sulle Arche Scaligere, sono a cavallo i suoi signori. Fino ad allora, le tombe raffiguravano i morti come addormentati: da allora diventano monumenti alla maestà della loro vita.
Per vedere Cortesia Sarego oggi ho dovuto sbirciare tra enormi veli di plastica. Restauri coprono quasi tutto l’abside. Un computer servirebbe a mostrare quello che non si può vedere. Ma per ammirare le foto ad alta definizione del Pisanello occorre digitare un codice noto solo alle guide ufficiali. Che si pagano. E che oggi non c’erano.
Del resto, anche per entrare in chiesa, a Sant’Anastasia, si paga. I residenti a Verona no. Gli altri sì. 

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video