Home » innovazione

innovazione

innovazione perplessità persone Post visioni

Joi Ito e Singularity: i limiti dell’esponenziale

Una delle discussioni più appassionanti degli ultimi tempi è quella che oppone la Singularity University al Media Lab del Mit guidato da Joi Ito. E per quanto mi riguarda, sto con Joi (Nòva). Da molto tempo, la Singularity appare troppo orientata a sfruttare l’intuizione intellettuale che deriva dall’osservazione della crescita esponenziale della capacità di elaborazione dei chip e troppo poco intenta a sviluppare il senso critico intorno a quell’intuizione. Insomma: l’idea esponenziale rischia di diventare un dogma. E per questo la sua scienza rischia di diventare una religione. Scientology...

innovazione News

Un futuro assicurato

Quello delle assicurazioni è un futuro in piena mutazione. Non solo perché i regolatori si stanno interessando al loro business e stanno prendendo decisioni piuttosto stravolgenti: è il caso della decisione della Cassazione che impone un cambio di regime sulle polizze vita; sono tali solo quelle che garantiscono la restituzione del capitale investito; altrimenti sono normali contratti di investimento; questo ne cambia il regime fiscale ed ereditario, modificandone la convenienza (Sole 24 Ore di oggi, versione cartacea per ora). In realtà, big data, internet delle cose e sensoristica diffusa...

innovazione partecipazione persone Post ricerche visioni

Dino Pedreschi. È possibile una politica con una visione?

Sarebbe magnifico discutere di come si potrebbe sviluppare una visione in grado di costituire un contesto più concreto e orientato al futuro per le scelte politiche (dei cittadini e dei politici). Dino Pedreschi offre uno spunto con un testo che ha inviato a questo blog. Dino è un grande data scientist: è consapevole della profondità del cambiamento che sta attraversando l’organizzazione sociale ed economica sulla scorta delle enormi trasformazioni alimentate dai Big Data, dall’intelligenza artificiale, dalla robotica (queste le sue pubblicazioni scientifiche). Opportunità epocali che si...

innovazione News partecipazione ricerche

JEDI per la conoscenza in Europa

JEDI è un’associazione di scienziati che chiedono un impegno europeo più forte nella ricerca – in particolare sull’intelligenza artificiale – per dare al Vecchio Continente la forza di contrastare la leadership di americani e cinesi (Bloomberg, Guardian). Si chiama JEDI come acronimo di Joint European Disruption Initiative. Evidentemente vuole mantenere l’indipendenza europea, ma ha trovato un nome che viene dalla recente mitologia americana di Star Wars…
Intanto:
FDA chief moves to promote artificial intelligence in health care

innovazione Post visioni

Le regole cambiano Google

Un pezzo del Financial Times (in abbonamento), “Google under fire over tactics for EU data regulation”, è costruito intorno ai tentativi dell’azienda americana di aggirare le nuove regole europee sulla protezione dei dati personali e mantenere il suo attuale modello di business. Non stupisce. Ma un argomento che merita riflessione, finora sottovalutato, è nelle ultime righe: «Google has also said it will create a new advertising service not based on any personalised targeting.» C’è una parte del nuovo regolamento europeo che va assolutamente preso in considerazione. L’articolo 18...

innovazione News ricerche

Come sarà usato l’enzima che libera il mare dalla plastica

John McGeehan, Università di Portsmouth, ha guidato un team internazionale di scienziati che ha scoperto il modo di rendere più efficace un enzima capace di degradare la plastica PET che era stato scoperto in un batterio mutante nel 2016. L’enzima può essere usato per produrre bottiglie di plastica a partire da bottiglie di plastica senza usare altro petrolio e soprattutto evitando di buttare le bottiglie in mare (Guardian).

innovazione News partecipazione perplessità

«Senator…» Facebook è leggermente ingovernabile

La testimonianza di Mark Zuckerberg al Senato americano ha messo in luce una profonda difficoltà. È chiaro che Zuc si assume le sue responsabilità. Non è chiaro che cosa possa fare per rimediare. In parte non può e non vuole controllare troppo i suoi utenti. In parte non sa proprio come evitare certi abusi. Investirà in persone che supervisionano e forse in tecnologie che non esistono ancora per controllare l’uso dei dati raccolti da Facebook dopo che sono usciti dai suoi server. Ci vorrà tempo perché davvero «non succeda più» come promette Zuc. I senatori non hanno dimostrato di avere idee...

innovazione News perplessità visioni

Le conseguenze della tecnologia nella farmaceutica

Giuseppe Curigliano, parlando a Sum2018, il convegno dell’Associazione Casaleggio, oggi a Ivrea, dà una risposta in più al tema posto nel post intitolato “modelli di adozione tecnologica“. Tra i modelli che tengono conto delle possibili conseguenze delle tecnologie prima di adottarle c’è storicamente la farmaceutica e il sistema della cura delle malattie: prima di consentire la commercializzazione dei farmaci occorrono analisi codificate e lunghe per evitare danni alla salute della popolazione; perché questo non dovrebbe essere usato anche per le intelligenze artificiali applicate...

innovazione perplessità Post

Modelli di adozione tecnologica

Jameson Wetmore, uno scienziato sociale che lavora alla Arizona State University, osserva che gli Amish non rifiutano la tecnologia. Ma la adottano solo dopo una discussione generale nella comunità e una votazione unanime. Vogliono adottarla solo se capiscono che non stravolgerà i loro valori (Quartz). In un kibbutz dove ho lavorato nel 1975, una comunità di socialismo realizzato per l’epoca tecnologicamente avanzatissima nei sistemi produttivi, compravano una televisione o un’auto per uso comune solo dopo un’assemblea e un voto generale. Al kibbutz tentavano di comprendere le conseguenze...

innovazione News

Meno investimenti nel Fintech

Secondo Boston Consulting Group, gli investimenti nelle startup fintech sono scesi a 570 milioni di dollari nel 2017, meno della metà di quanto si era investito nel 2016 e nel 2015.

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video