Category innovazione

Internet aiuta a trovare un lavoro, anche in Calabria

Secondo il Censis, anche i ragazzi in Calabria sono convinti che con internet aumentino le opportunità di lavorare. Il Jobs Act e il piano digitale dovrebbero andare nella stessa direzione e avere la stessa attenzione. E’ tempo di smettere di pensare a internet con cura. (Ecco qui sotto il comunicato)

Anche al Sud il lavoro è digitale

L’89,7% degli studenti calabresi, 16-18 anni, ritiene che Internet aumenti la possibilità di trovare lavoro. Il 97% partecipa ai social network

Roma, 9 ottobre 2014 – Il lavoro che verrà. Gli studenti, prossimi al completamento del ciclo di studi superiore – anche in una regione disagiata come la Calabria – pensano che l’evoluzione tecnologica avrà un impatto rilevante sul lavoro, e sulle loro chances di trovarne uno: l’89,7% reputa che l’innovazione in corso sia destinata a favorirli sul mercato dal momento che i nativi digitali hanno conoscenze e competenze che saranno sempre più richieste dalle aziende. Anche le modalità di occupazione cambieranno in positivo: il 73,6% dei calabresi tra i 16 e 18 anni pensa che le condizioni di lavoro miglioreranno, perché sarà possibile riuscire a conciliare meglio vita privata e professionale. E anche la propensione a fare impresa troverà con le tecnologie nuovo impulso, grazie alle opportunità offerte dalle tecnologie e dalla rete nel promuovere la nascita di nuove imprese.
L’immagine del futuro del lavoro «ad alta intensità di tecnologia» non è però tutto rosa e fiori: una discreta quota di studenti, il 53,4%, pensa che sarà sempre più difficile nel futuro riuscire a conservare un lavoro, perché la rapidità del processo innovatore accelererà l’invecchiamento delle competenze; e un altro 52,3% pensa che un maggiore impiego di tecnologie sarà comunque destinato a sostituire il lavoro dell’uomo con effetti rilevanti sugli stessi livelli occupazionali.

Le chance occupazionali e la rete. Il 45,8% degli intervistati ritiene la rete uno strumento oggi imprescindibile per alcune attività, mentre per il 9,9% il web rappresenta quanto di più reale e stimolante possa esserci non solo in termini di innovazione ma anche come vettore di sviluppo della propria vita sociale, della propria carriera lavorativa, della comunicazione.
Il diffuso interesse che i giovani calabresi hanno mostrato di fronte alla possibilità di svolgere un lavoro in rete assume forme e caratteri ben precisi, e a sua volta si canalizza verso profili professionali determinati. Ben il 21,9% dei giovanissimi è interessato a svolgere in futuro un lavoro in rete perché ne è profondamente appassionato, e con tutta probabilità cercherà di realizzare questa ambizione; ad esso si aggiunge un ulteriore 15,9% che non esclude a priori tale possibilità. Due i profili verso i quali converge il loro interesse: da un lato, la figura dello sviluppatore (24,9%), attualmente molto ricercata sul mercato e ambita specialmente dai ragazzi (32,6%), dall’altro lato, la professione del graphic designer (22,5%), che interessa di più le ragazze (44,5%).

Essere imprenditori in rete. La rete è forse la sola scintilla oggi in grado di riattivare il desiderio di mettersi in proprio, di indipendenza e creatività dei giovani più intraprendenti. A ben guardare sono proprio i ragazzi che si dichiarano interessati a svolgere in futuro un lavoro in rete che appaiono molto più propensi a scrollarsi di dosso i timori e accettare la sfida del mercato: il 48,5% di questi è interessato ad avviare in futuro un’attività in proprio e cercherà di farlo.

Questi sono i principali risultati della ricerca «Verso il Lavoro 2.0. Creare valore con le competenze in rete» realizzata dal Censis con il contributo della Regione Calabria, che è stata presentata oggi a Roma da Andrea Toma, Responsabile del settore Formazione e Innovazione del Censis, e discussa, tra gli altri, da Pippo Pagano, membro della Commissione Lavoro del Senato, Mario Caligiuri, Assessore alla Cultura della Regione Calabria, e Giuseppe Roma, Direttore Generale del Censis.

Internet delle cose emerge dalle startup

Secondo Gartner, per il 2017, il 50 per cento delle soluzioni relative alla internet delle cose sarà generato da startup che avranno meno di tre anni: cioè appena nate o che stanno nascendo in queste settimane… (Ecco qui sotto il comunicato)

Gartner Says By 2017, 50 Per Cent of Internet of Things Solutions Will Originate in Start- Ups That Are Less Than Three Years Old

Analysts Explore Major Business and Technology Trends at Gartner Symposium/ITxpo 2014 in Orlando
Gartner’s Maverick Research Sparks New, Unconventional Insights

ORLANDO, FL., October 9, 2014 — Makers and start-ups, not tech providers, consumer goods companies or enterprises, will drive acceptance, use and growth in the Internet of Things (IoT) through the creation of a multitude of niche applications, according to Gartner, Inc. Gartner predicts that by 2017, 50 per cent of IoT solutions (typically a product combined with a service) will originate in start-ups that are less than three years old.

Gartner defines “makers” as inventors, tinkerers and entrepreneurs who create and manufacture products using traditional tools and new digital design and rapid prototyping and manufacturing technologies. “Start-ups” are fledgling businesses that are often technology-focused and have the potential for high growth.

“Conventional wisdom is that the growth of the IoT is driven by large organisations. As is always the case, there is an element of truth in conventional wisdom and major consumer goods companies, utilities, manufacturers and other large enterprises are, indeed, developing IoT product offerings,” said Pete Basiliere, research vice president at Gartner. “However Gartner’s Maverick research finds that it is the makers and the start-ups who are the ones shaping the IoT. Individuals and small companies that span the globe are developing IoT solutions to real-world, often niche problems. They are taking advantage of low-cost electronics, traditional manufacturing and 3D printing tools, and open- and closed-source hardware and software to create IoT devices that improve processes and lives.”

Gartner’s Maverick research is designed to spark new, unconventional insights. Maverick research is unconstrained by Gartner’s typical broad consensus-formation process to deliver breakthrough, innovative and disruptive ideas from the company’s research incubator to help organisations get ahead of the mainstream and take advantage of trends and insights that could impact IT strategy and the wider organisation.

“Managers often assume the IoT is about business-to-business and business-to-consumer opportunities, relying on technologists within their enterprises to develop the necessary systems and connected items. However, these firms are slow-moving elephants that cannot react quickly to what is happening underneath their feet,” said Mr Basiliere. “Product development processes within most large enterprises are too ponderous and ROI-driven to produce anything but high-volume, lowest-common-denominator IoT objects. The result is the development of a low number of IoT uses that garner high amounts of revenue, while makers, start-ups and crowdsourcing efforts result in high numbers of low-revenue niche IoT applications.”

For this reason, senior management and emerging technology strategists within large organisations must transform their product discovery processes. Whether at consumer goods companies or in the healthcare, utilities, wireless, manufacturing or other vertical markets, managers must encourage makers within their organisations to develop IoT concepts. They must closely examine the output from these makers and check the feasibility of transferring the underlying ideas into their own organisations.

“Innovation is necessary for an organisation to sustain value over time and create competitive advantage. Yet in many organisations, the corporate culture and processes stagnate and harden, discouraging innovation as a result,” said Mr Basiliere. “In the meantime, makers and start-ups worldwide are charging ahead with identifying numerous, often niche problems and innovating solutions using IoT concepts. They will drive not only consumer and enterprise acceptance of the IoT, but also the creative solutions that organisations could not possibly discern, resulting in an “Internet of Very Different Things.”

Mr Basiliere cited the example of entrepreneurs and individuals who are leveraging the low-cost Arduino open-source electronics platform, entry-level 3D printers, and traditional woodworking and machine tools to build their own IoT devices. Gartner has found that these grassroots projects focus on managing and controlling devices in the home and are more focused on providing convenience (such as turning on the heat before you arrive home) than cost savings (the focus of enterprise-sector and public-sector IoT).

Similar to other technology advances historically, the growth promise associated with the early stages of IoT will lead to the creation and funding of a large number of start-up organisations that will manoeuvre to capture what they perceive to be early opportunities or overlooked product niches. This will lead to creative solutions and a wide range of products, many of which will fail in the market. Nevertheless, the process will lead to growth as the successful solutions are often consolidated by larger suppliers, and the overall market expands. As a result, makers enable people in underserved and niche markets worldwide — people who would not otherwise encounter the IoT offerings of large businesses — to experience and benefit from connected device.

“It won’t all be smooth sailing. Certainly there is no small number of factors working against makers and start-ups, whether they have an IoT offering or a more traditional product or service,” said Mr Basiliere. “Most small businesses fail within five years, and many of the ‘successful’ ones will be lifestyle companies that barely generate enough revenue to support an individual or family.”

Vogue annusa la Apple nel contesto della moda intervistando Jony Ive

Nessuno è profeta in patria. Ma ogni profeta ha bisogno di un contesto. Jony Ive, il designer della Apple, è stato intervistato da Vogue. Qual è la notizia? Il profeta o il contesto?

Nel mondo degli smanettoni, nel contesto della tecnologia, nell’antropologia dell’elettronica, uno come Ive si conquista un ruolo di leader culturale con i risultati. E i risultati di Ive sono indubbiamente straordinari. L’ho visto, insieme a Steve Jobs, dopo una presentazione: mi avevano invitato a dare un’occhiata con loro alle ultime novità delle terze parti che facevano casse e periferiche per l’iPod. Scaffali pieni di oggetti, alcuni sfavillanti altri banali. Si erano fermati a guardare delle Bose. E tra loro si scambiavano occhiate ammirate. Non mi chiedevano che cosa pensassi (e meno male!), volevano solo condividere con me la possibilità di guardare avanti sulla scorta dei prodotti che ci circondavano. Tutto l’ecosistema che era nato attorno al loro prodotto e che sperava di trovare un mercato in futuro era in quella stanza. Avevano il controllo, in un certo senso, anche se non avevano determinato nessun particolare di quei prodotti, salvo probabilmente la forma dei connettori. Avevano conquistato quella leadership con l’innovazione, la fascinazione, la forza intellettuale della loro visione. Il designer era una mente, abilitata dall’imprenditore, che sviluppava un gusto e una capacità realizzativa in un contesto ben preciso. Jobs e Ive si gratificavano tra loro e in relazione a quel contesto.

La visita di Vogue significa l’entrata di Ive in un nuovo contesto. La moda non è molto diversa, per la verità, ma ha i suoi leader culturali, i suoi designer e i suoi materiali, le sue dinamiche di sostituzione dei prodotti. Mentre la linea della tecnologia è – si potrebbe dire – esponenziale, la linea della moda è circolare, stagionale: il frame della prima è forse il progresso, il frame della seconda è certamente il gusto. L’incontro dei due contesti è un confronto.

Anche qui Ive deve conquistarsi una sua leadership. In esordio di intervista, Vogue sembra guardare dall’alto in basso Ive: “When you sit down with Ive, he is eager to chat — too eager, maybe, for the Apple time-minders who are always looking around for him — and will take a while to respond to a question, smiling as he says, ‘This is going to be a kind of oblique answer. . . .'”. Ma poche righe sotto, l’atteggiamento ironico dell’intervistatore si scioglie in una vaga ammirazione: “It may be easier to sneak into a North Korean cabinet meeting than into the Apple design studio, the place where a small group of people have all the tools and materials and machinery necessary to develop things that are not yet things”. Quando comprende che Ive ama fare cose materiali e non è un fanatico della tecnologia. Ma forse la svolta avviene quando l’intervistatore quando si accorge che l’Apple Watch – che ha potuto vedere qualche settimana prima del lancio! – è proprio un orologio. Vuole essere proprio un orologio e riconquistare il polso abbandonato dall’orologio in nome del fatto che l’ora ormai si legge sull’iPhone. Ive è adottato nel nuovo contesto. Il business è riconosciuto, la cultura è compatibile, il gusto è accettabile.

La notizia non è tanto che Ive abbia accettato una tale intervista con Vogue. La notizia forse è che venga adottato, che scompaia il timore dell’alieno tecno, che si accetti una parentela culturale tra la moda e la tecnologia. Condè Nast ha scelto un nuovo contesto per Ive, da Wired a Vogue. Ora un nuovo percorso si è concretizzato per Ive. Forse più difficile. Ma la Apple lo seguirà davvero anche qui? O penserà semplicemente a una nuova fase delle sue pubbliche relazioni? La pragmatica delle risposte aziendali non è sufficiente a rispondere, per un’impresa come la Apple. Pensare differente, anche in un nuovo contesto come questo, può richiedere una nuova profondità di lettura per operare da leader in un insieme di riferimenti diversi, in un sistema critico nuovo. Qui si può vincere o perdere per motivi che non attengono al buon funzionamento dei prodotti o alla loro innovatività tecnologica, ma per elementi come il suono del cinturino che si allaccia o per la stagionalità dei colori o per il capriccio di un maestro di buon gusto.

apple-exec-jony-ive

Diritti umani e “robotici”

In un paese tanto sconnesso come l’Italia non ci rendiamo conto dell’eccellenza della nostra ricerca su argomenti che sembrano costruire il futuro e che di solito consideriamo appannaggio altrui. Nella robotica siamo invece dei costruttori di futuro. Per esempio la scuola di Pisa non perde colpi.

Questa settimana vengono presentati i risultati della ricerca RoboLaw. Il sito è una miniera di studi e conoscenze sull’organizzazione emergente e intelligente della società nei confronti della convivenza con i robot. Uno dei paper più recenti – Diritti umani, valori e nuove tecnologie. Il caso dell’etica della robotica in Europa (pdf) – è un esempio di attenzione in pieno spirito contemporaneo alla materia.

“Le nuove tecnologie rappresentano degli strumenti predisposti più che al dominio del reale, al dominio del sé, della soggettività. (…) Se pensiamo alle tecnologie NBIC (Nanotechnology, Biotechnology, Information technology, Cognitive science), le «tecnologie emergenti», ci accorgiamo che esse non producono cose, ma controllano informazioni necessarie per la riproduzione del reale, influenzando il senso del reale, attraverso la standardizzazione dei comportamenti e delle pratiche sociali, ma anche modificando l’immaginario e il rapporto che l’essere umano ha con se stesso.”

Questo cambia la prospettiva di coloro che ritengono la tecnologia come un semplice strumento che può essere utilizzato dalle persone. Gli umani usano la tecnologia, ma la tecnologia influenza gli umani.

“In virtù del controllo che esercitano sulle informazioni, le nuove tecnologie non rappresentano quindi solo forme di razionalità strumentale che definiscono il rapporto tra uomo e mondo, ma incidono anche su come sentiamo e pensiamo, e influenzano emozioni e giudizi. La vita di tutti i giorni a contatto con macchine e dispositivi è fatta di centinaia di gesti, dal linguaggio al comportamento, da cui traspare quanto le tecnologie entrino a far parte della soggettività. La tecnologia come strumento per raggiungere la felicità, per curarsi dalla malattia, per sconfiggere la sofferenza, per essere riconosciuti più belli e attraenti, sono tutte attese nei confronti dei prodotti tecnologici che li rendono oggetti di desiderio proprio per la loro capacità di mettere in relazione l’individuo con se stesso, di ri-creare un senso interrotto. È questa carica simbolico-affettiva della tecnologia, generatasi a partire dal bisogno umano di stare in rapporto con l’altro (e non da un mera pulsione individualistica e possessiva), che crea nell’uso delle nuove tecnologie i presupposti per nuove dipendenze patologiche (si pensi alla dipendenza da internet). Tecnologia e socialità; tecnologia e performance sportiva; tecnologie e creatività; tecnologia e identità; sono tutti binomi che mostrano quanto la tecnologia sia diventata determinate per la genesi della soggettività.”

Tutto questo aumenta l’urgenza di incrementare la consapevolezza di chi usa la tecnologia e di comprendere la responsabilità di chi la progetta, la insegna, la adatta alle circostanze della vita umana. Il paper è tutto da leggere.

Tra qualche giorno sarà presentato a Bruxelles il rapporto sulla ricerca pisana. Un comunicato stampa ricevuto in materia è un supporto veloce per avere un’idea del contesto pisano e della sua qualità. Eccolo:

Nell’ambito del progetto RoboLaw, la coordinatrice Erica Palmerini della Scuola Superiore Sant’Anna il 24 e il 25 settembre presenterà a Bruxelles le indicazioni delle linee guida europee sulla “regolazione” della tecnologia per garantirne lo sviluppo in conformità con i valori democratici

Robotica, arrivano le prime indicazioni etiche e giuridiche sull’utilizzo di veicoli autonomi, protesi, esoscheletri, sistemi chirurgici e per l’assistenza personale

PISA, 22 settembre. Le applicazioni robotiche saranno sempre più diffuse, lo sviluppo tecnologico non si arresterà e, dinanzi a questi cambiamenti la cui portata avrà un impatto rilevante sulla società, si sente la necessità di raccomandazioni di carattere etico e giuridico, come quelle arrivate dal progetto RoboLaw (FP7-Science in Society) coordinato da Erica Palmerini, docente di diritto privato alla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e sviluppato anche presso gli Istituti Dirpolis (Diritto, Politica, Sviluppo) e di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna. Il “diritto della robotica” diventa quindi più concreto – grazie al progetto RoboLaw appena concluso – e i cui risultati saranno presentati da Erica Palmerini e da Andrea Bertolini, assegnista del Sant’Anna, giovedì 25 settembre presso la Commissione Europea, a Bruxelles. Il documento, su cui verterà la presentazione, è il prodotto finale della ricerca condotta per il progetto RoboLaw. Le linee guida contengono raccomandazioni di tipo etico e giuridico per “regolare” l’uso di applicazioni robotiche come veicoli autonomi, robot chirurgici, protesi, esoscheletri, robot companions, cioè robot usati soprattutto per l’assistenza personale.
Questo del 25 settembre non sarà l’unico impegno della missione a Bruxelles per Erica Palmerini (nel 2013 fu l’unica italiana a ricevere, proprio per RoboLaw, l’“Oscar della tecnologia, a New York) e per Andrea Bertolini, i quali avranno occasione di presentare anche le “Guidelines on regultating robotics”, linee guida per la regolazione della robotica. Il 24 settembre, infatti, Palmerini e Bartolini davanti ai parlamentari e ai funzionari della commissione Juri del Parlamento europeo, competente per gli affari giuridici e legislativi, terranno il seminario “Upcoming issues of EU law”. In quella sede affronteranno i problemi posti dalla regolazione della tecnologia soffermandosi sui profili di responsabilità, standardizzazione tecnologica e disciplina, offrendo indicazioni su come l’Unione europea potrebbe intervenire per favorire lo sviluppo di alcune applicazioni e del relativo mercato in conformità con i valori democratici fondamentali che la caratterizzano.

Area Syriana

È finita che Area Spa ha pagato 100mila dollari (Bis) per aver venduto tecnologie per spiare online al regime siriano proprio mentre gli americani considerano di preudoallearsi con quel regime contro lo stato islamico. Un contratto da 13 milioni che il titolare dell’azienda di Vizzola Ticino, Andrea Formenti, non sapeva fosse illegale (Corriere).

Apple Pay: la banca paga (e le compagnie telefoniche restano fuori)

Ieri si scherzava sul nome: iPay sembrava un po’ “io pago”; uPay era la risposta di chi diceva “paghi tu”; ma oggi Bloomberg racconta che paga la banca. Ed è un notevole risultato di Apple.

In pratica, la transazione effettuata con l’iPhone non costa nulla al consumatore o al negoziante, ma viene ripagata da una fettina della quota che va alla banca. In compenso la banca e il suo ecosistema entrano nei pagamenti col cellulare che per tanto tempo sono restati un problema. Questa sì che è una continuazione del 2007.

Già, perché per tanto tempo, il telefonino è stato pensato come un oggetto che sviluppava il business delle compagnie telefoniche e che dipendeva dalle loro strategie. Fino al 2007 si parlava di pagare col telefonino nel senso che si pagava attraverso la compagnia telefonica, addebitando sulla prepagata o sulla bolletta. Ma questa idea non è mai andata molto avanti. Per difficoltà normative (le banche centrali non erano d’accordo) e per lentezza delle compagnie. Fino al 2007 nessuno pensava di sfidare le compagnie telefoniche sul loro terreno della telefonia mobile e soprattutto nessun produttore di telefonini ci provava. Quando aveva tentato la Nokia l’aveva pagata cara. Nel 2007 è arrivato l’iPhone e le compagnie si sono trovare costrette ad allinearsi.

Ora l’iPhone ha scelto da che parte andare nei pagamenti. E’ andata dalla parte più logica. Ha abilitato le banche e le carte a entrare nella pratica quotidiana dei consumatori con il cellulare. E queste pagano volentieri. Le banche centrali sono ovviamente d’accordo. Le compagnie telefoniche restano vagamente tagliate fuori da un business che avrebbero potuto cercare di conquistare ma che non hanno saputo e potuto affrontare. Imho.

Vedi anche:
Cinque cose che non ho capito dell’Apple Watch (qualcuno mi dà suggerimenti?)
Apple, Google, tecnologie di rete, valore aggiunto…
Apple, Jobs e la parola “health”

Cinque cose che non ho capito dell’Apple Watch (qualcuno mi dà suggerimenti?)

Ci sono alcune cose che proprio non ho capito dell’Apple Watch. Cioè non sono cose sulle quali non sono d’accordo. Dico che non le ho capite.

1. Perché non ha la sim, l’antenna, la connessione autonoma? (Non mi dicano che non ci stava: pensando bene il cinturino ci stavano eccome. Dunque non le hanno volute mettere. Ma così è una periferica dell’iPhone)
2. Come si ascolta la musica dell’Apple Watch? Con le cuffie che penzolano dalle orecchie e si vanno a infilare sull’oggetto attaccato al polso? (Non credo proprio…)
3. Come si parla all’Apple Watch se vuoi che Siri ti risponda? (Tipo avvicinando il polso alla bocca?)
4. A quale applicazione serve lo schermo che riconosce la quantità di pressione che opera con il dito? (Magari lo hanno detto ma mi è sfuggito…)
5. C’è un utilizzo fondamentale e imprescindibile che convincerà tutti a rimettersi qualcosa al polso dopo tanti anni che ne fanno a meno? (La mia idea è che interesserà soprattutto per il fitness, almeno all’inizio. Ma allora c’è una sotto domanda: a che cosa rinuncio quando non porto anche l’iPhone quando vado a correre?)

Nessuno si mette più l’orologio da anni. O meglio chi lo mette è perché è abituato da oltre 50 anni, perché usa quello del nonno o non lo sostituisce con una cosa nuova, perché crede nel lusso di un bellissimo costosissimo orologio, perché gli piace una cosa colorata che cambia ogni giorno… Ma chi vuole sapere che ora è lo scopre col telefono, mi pare. E poiché il telefono me lo devo portare sempre dietro perché l’Apple Watch non vive da solo, finisce che devo scoprire un altro utilizzo fondamentale: credo che questo sia il mondo del fitness. Se non è questo, occorre comunque un motivo sintetico che convinca a mettere l’Apple Watch: la moda? uhmmm. Il buon gusto? uhmmm. Lo show off: roba vecchia. La sintesi viene da una cosa cui tengo: insisto che ha senso sul fitness, ma chissà se i commentatori hanno un’altra idea. E soprattutto se sanno rispondere alle cinque domande… Grazie per ogni aiuto…

ps. Mi suggeriscono una sesta domanda: perché lo hanno annunciato mesi prima dell’uscita? La Apple in passato annunciava nel giorno dell’uscita in negozio (via twitter da @StefanoPace5)…
pps. Non mi pare che abbiano usato la parola “health”: giusto?

Vedi anche:
Apple, Google, tecnologie di rete, valore aggiunto…
Apple, Jobs e la parola “health”

Risposte arrivate fin qui:
1. Perché la batteria sarebbe durata dieci minuti (via twitter da @smnbss)
6. Perché la concorrenza è già in pista (via twitter da @GerolamoFazzini)

Apple, Google, tecnologie di rete, valore aggiunto…

E’ difficile tenere a lungo in piedi un modello di business che faccia elevati margini di profitto a meno che non si sia un monopolista. Ci sono molti modi per avere un monopolio e non tutti sono sbagliati (cioè protetti dallo stato).

Se per esempio un’azienda è la prima a creare una nuova categoria di prodotto e non ha concorrenza è monopolista per un certo tempo. Così come se si produce una tecnologia di rete che molti utilizzano, di fatto si raggiunge una posizione di monopolio che è difficile intaccare.

Ma le due situazioni sono molto diverse. Non sempre gli innovatori riescono a tenere il mercato che hanno creato. Spesso anzi sono inseguiti e superati. E chi usa l’innovazione altrui in modo più intelligente sul piano della costruzione di un lock-in ha anche un modello che dura di più nel tempo. Non si riesce sempre a far bene entrambi i mestieri.

Microsoft ha inseguito sul piano del prodotto ma è riuscita a ottenere un effetto-rete di grande durata: ha ancora le caratteristiche del monopolista di fatto nei pc. I suoi problemi con l’antitrust non si sono verificati sul suo specifico terreno, ma si sono manifestati quando ha tentato di abusare della posizione dominante in un mercato per conquistarne altri.

Google è stata un po’ tutte e due le cose. Ha conquistato con l’innovazione nei motori di ricerca la sua posizione straordinaria nella gestione delle informazioni. Ha inventato poi una nuova interfaccia mobile con le mappe connesse a internet. Quanto ai video ha perso sull’innovazione ma ha comprato la rivale YouTube. La sua tecnologia di rete più redditizia è ovviamente il sistema di gestione della pubblicità, ispirata originariamente da altri. Nei cellulari ha inseguito ma è riuscita a riconquistare terreno e a costruire il suo effetto-rete anche sul mobile. Anche per Google l’antitrust interviene in casi che si avvicinano – secondo l’accusa – all’abuso di posizione dominante.

Apple ha sempre puntato di più sulla prima strategia. Ha creato nuove categorie di prodotto. Prima il Mac. Poi lo smartphone. Poi il tablet. E su quelle innovazioni ha conquistato una capacità di fare profitto straordinaria (soprattutto negli anni Duemila). Il tentativo di costruire un lock-in è stato basato su una forma di effetto-rete interno alle sue tecnologie, all’epoca del Mac. Poi nel tempo di internet ha costruito anche negozi speciali online che tenevano in piedi il lock-in per la musica e per le applicazioni, ma in qualche modo sempre puntando su una sua “autorialità” tecnologica che non consentiva completa compatibilità con altre tecnologie, riconosciuta dalla fedeltà di brand. In questo modo, inseguita si difende, per un po’. Ma poi per ripartire con il ciclo deve trovare una nuova innovazione.

Oggi è stato il giorno giusto per capire se ci può riuscire ancora una volta. Pagare col telefonino o l’orologio e l’impronta digitale. Il nuovo orologio con funzioni per il fitness. Il display che sente la pressione. Impressioni. Si dovrà approfondire il tema Apple Pay – potenzialmente importantissimo – in relazione alla diffusione di negozi attrezzati. Si vedrà l’anno prossimo per l’orologio. La funzione fitness acchiapperà, probabilmente: ci vuole un motivo forte per tornare a mettersi qualcosa al polso dopo anni. Comunque non è bello che abbia bisogno dell’iPhone (ma non si poteva usare il cinturino per mettere la sim e un po’ di aggeggi in più?). Si direbbe che questa innovazione non sia come l’iPhone ma come l’iPod: cioè non crea una nuova categoria di prodotto ma tenta di mettere ordine in un mercato interessante, molto affollato, senza un leader culturale.

Quanto a noi, secondo me, dobbiamo rispettare il profitto che gli innovatori si aggiudicano nel periodo che trascorre tra il momento in cui inventano una nuova categoria di prodotto al momento in cui, inseguiti, se lo vedono erodere. Ma ci dobbiamo porre delle domande sulla strategia usata per difendere l’innovazione fatta in passato attraverso soluzioni che puntano su una forma di lock-in. Sempre rispettando gli innovatori e il profitto che fanno creando nuovi “mondi”, dobbiamo riuscire a stabilire in che modo sostenere il valore dell’interoperabilità che ha reso il web tanto interessante e il valore della net neutrality che ha fatto di internet la tecnologia fondamentale a supporto di chi innova senza chiedere il permesso. Non c’è contraddizione intorno a questi valori in un’ecologia dei media sana e generativa. Imho.

Apple, Jobs e la parola “health”

Ieri, David Agus, un leader nella biomedicina, ha parlato a Cernobbio, all’Ambrosetti. E ha raccontato un aneddoto che riguarda Steve Jobs.

Aveva scritto un libro e lo aveva dedicato al futuro del sistema sanitario usando nel titolo la parola “health”. Ma Steve Jobs, interessato alla distribuzione digitale, ha parlato all’editore convincendolo a cambiare il titolo in “The end of illness”. L’autore ne chiese conto a Jobs che gli disse che il suo mestiere di autore era scrivere non vendere. E che nessuno avrebbe regalato un libro che usava una parola che avrebbe scoraggiato i lettori a comprare e regalare il libro. In effetti il titolo aiutò il libro a diventare un grande bestseller.

Tra pochi giorni Apple farà uscire altre soluzioni sull’uso della rete per la cura e la salute. Le aggregheranno sotto un concetto come iHealth?

Italia-Germania: meno zero virgola due. Ma non è un pareggio. Quali riforme strutturali? Pensiamo digitale

Ok. Ora anche la Germania ha segnato una riduzione del Pil dello 0,2 per cento. E quindi la difficoltà di crescita non è più solo un problema italiano. E poiché la politica economica che ha per obiettivo il controllo dell’inflazione non è quella giusta quando si attraversa una congiuntura di deflazione, qualunque mente ragionevole dovrebbe prendere in considerazione almeno una politica monetaria espansiva. Vediamo se questa volta ci si riesce – a espandere la moneta – senza far saltare i sani vincoli di bilancio pubblico ma indirizzando le risorse verso l’impresa e le riforme strutturali.

Quest’ultimo punto è il interessante per uno stato come l’Italia che non riesce a riformarsi. Vedremo che cosa succederà con il decreto sulla riforma delle regole del lavoro. Vedremo come andranno a finire le riforme istituzionali e il resto.

Ma possiamo anche avviare una politica che è contemporaneamente una “riforma strutturale” e un “investimento per la crescita” e che quindi dovrebbe essere chiaramente accettabile anche dai più accaniti rigoristi. La riforma della modernizzazione digitale – con infrastrutture, connessione e accesso dai luoghi pubblici, riforma del servizio della pubblica amministrazione a favore dei cittadini, e così via – è un investimento e una riforma strutturale nello stesso tempo. Genera crescita subito e crescita a lungo termine. Imho.

Vedi anche:
Agenda digitale, riforma strutturale
Un architetto per la costruzione digitale
Europa digitale. Italia deve cambiare interfaccia
Chiose su “cambiare interfaccia”
Aspettative e realtà: la guida dell’Agid e tutto il resto dell’agenda
Fuffa e manipolazione

La Cina del mercato interno è un po’ più Usa

I prodotti Apple sono dunque banditi dagli acquisti pubblici in Cina per la preoccupazione che vengano usati per spiare (Bloomberg). Di fronte alle pacate proteste americane i cinesi hanno pacatamente risposto che anche gli Usa non ammettono l’importazione di tecnologie per le reti di Huawei per la preoccupazione che vengano usate per spiare. La separazione tra i due mercati sembra destinata ad allargarsi.

Lenovo, che sta recuperando quote negli smartphone, è cresciuta in borsa alla notizia anti-Apple. Lenovo e Huawei stanno aumentando le vendite proprio nel mercato interno. Finora ne ha fatto le spese soprattutto Samsung che non è più prima nel grande mercato cinese. La Cina sta rallentando verso una crescita del 7,5% e come nei piani da lungo tempo annunciati sta tentando di migliorare i consumi interni puntando un po’ meno sulle esportazioni di materiali a basso costo del lavoro. Quindi diventa più un mercato interno importante e un po’ meno una terra di passaggio di idee straniere che si materializzano nelle fabbrice locali per tornare ad essere esportate. Intanto gli Usa tentano di riportare in casa la produzione.

L’Europa farebbe meglio a pensarci a tutto questo. O meglio: certamente in Europa ci pensano, ma non se ne parla abbastanza. Una discussione informata in materia di economie reali internazionali sembrerebbe molto importante in un posto tendenzialmente ombelicale e dominato dagli incubi della finanza pubblica. Imho.

Stellar è una nuova moneta e uno strumento di cambio

Serve a convertire ogni moneta con ogni altra, compreso bitcoin. Serve a trasferire in ogni posto del mondo. E serve a sua volta da moneta. Stellar è il servizio di una fondazione che tra gli advisor ha anche Joi Ito. Le spiegazioni sul sito sono piuttosto esaurienti.

We provide an open-source hosted web client, where the keys are encrypted client-side to your password so we don’t have access to your funds. The supply of stellar will increase at 1% per year.

The network has been initialized with a supply of 100 billion stellars. 5% will be used to fund operations of the nonprofit (its spending, including employee compensation, will be public), and the remaining 95% of the stellars will be distributed for free as quickly as we can manage. We want anyone to be able to get onto the network, and we’re correspondingly going to apportion the giveaway as follows (see our mandate for more details):

50% of the total will be distributed to people who sign up for an account.
25% will be distributed by other nonprofits focused on financial inclusion.
20% will be given to current Bitcoin and Ripple holders—two systems that Stellar owes a lot to.
We’re starting the main giveaway now. Note that we’re still ensuring the stability of our own systems, so we may have to limit the rate of stellar distribution at first.

L’idea fondamentale di Stellar, come in altre monete digitali, è un’architettura distribuita. La strategia è quella di favorire la costruzione di applicazioni che usino Stellar come piattaforma. Il software è open source. Non è pensato come una soluzione necessariamente conflittuale con le istituzioni bancarie tradizionali. Consente, come Ripple, agli utenti di vedere le transazioni in una moneta che conoscono ma di trattarle con l’efficienza di una moneta digitale che funziona nel network.

Vedi anche:
Mt. Gox and Ripple Founder Jed McCaleb Unveils Project ‘Stellar’
Stripe Backs Non-Profit Decentralized Payment Network Stellar, From Mt. Gox’s Original Creator
Mt. Gox, Ripple Founder Unveils Stellar, a New Digital Currency Project

Un inatteso competitor per i paesi che sperano di attrarre capitali alla filiera delle startup

Il Pakistan si presenta. Tenta di apparire come il posto giusto dove investire in startup o aprirne una. In effetti, la connessione umana con Silicon Valley è piuttosto precisa, con tutti i pakistani che ci lavorano. Ma la presentazione riportata qui sotto fa notare un ambiente piuttosto favorevole sul piano della regolamentazione, un mercato interno ampio e crescente, una disponibilità di universitari molto ampia.

Chiose su “cambiare interfaccia”. In vista delle prossime scelte

Grande intuizione quella espressa ieri dal premier: “L’Italia deve cambiare intefaccia“. E’ un modo per dire che il cambiamento necessario non è di facciata, ma di sostanza: l’interazione tra i cittadini e lo stato, come tra il resto del mondo e l’Italia, avviene attraverso un’intefaccia. E quella che c’è stata finora era quella sbagliata. Troppo complicata, soggetta a corruzione, fuffologica. La riprogettazione dell’Italia, la sua modernizzazione da avviare attorno allo strumento dell’agenda digitale, può partire proprio dall’interfaccia: più facile da usare, più orientata al risultato, più piacevole. Più semplice e lineare.

La necessaria semplicità finora è stata spesso ricercata attraverso la banalizzazione. La fuffa della comunicazione ha esaurito gli italiani in una quantità di giochi d’artificio che servivano solo una strategia della disattenzione. Le cortine fumogene dell’ipercomunicazione, l’ottimismo forzoso, l’entusiasmo acritico, il cinismo tecnocratico e burocratico, sono la premessa per l’inazione. Perché la semplicità nasce dalla consapevolezza della complessità e la trasforma.

Può darsi che oggi o nei prossimi giorni il governo voglia decidere intorno alle nomine all’Agid e quello che ci starà intorno. Il percorso delle candidature è stato virtuosamente trasparente. Ma i criteri delle scelte, per ora, non sono stati espressi chiaramente.

Se l’Italia deve cambiare verso, le persone che applicheranno le scelte del governo sulla modernizzazione digitale del paese dovrebbero essere competenti, disinteressate e orientate all’obiettivo definito dalla visione del governo. Questo aiuta a trovare dei criteri per sceglierle. Perché quelle persone si trovano tra coloro che, pur essendo competenti, non sgomitano sguaiatamente mettendo in giro voci sui loro prossimi incarichi, che non hanno un’agenda personale, che non hanno simpatie per particolari aziende che chiedono al governo facilitazioni e protezioni, che non fanno parte di grandi cordate di potere. E in questo settore, gli interessi sono enormi.

Utopia? In un piccolo acquario di squali come il nostro sistema politico, non è facile trovare la gente giusta. Perché la gente giusta non passa il tempo a farsi notare: lavora e se c’è l’occasione si limita a mandare un curriculum o a dichiarare una disponibilità. Poi aspetta con fiducia le scelte di chi decide. Se ha ragione o se sbaglia lo deciderà la saggezza di chi decide.

Vedi anche:
Fuffa e manipolazione
Europa digitale. Italia deve cambiare interfaccia
Un architetto per la costruzione digitale. Francesco Caio ne scrive
Agenda digitale, riforma strutturale
Aspettative e realtà: la guida dell’Agid e tutto il resto dell’agenda

Europa digitale. Italia deve cambiare interfaccia

Matteo Renzi ha dato le sue priorità per le proposte italiane durante il semestre in relazione al digitale:
1. Mercato unico per il digitale e autorità unica per il digitale in Europa. E’ il primo punto nella proposta del governo italiano.
2. Ogni euro investito in infrastruttura digitale è fuori dai limiti. Perché è un investimento per il futuro.
3. Cybersecurity. Cooperazione tra governi e aziende.
4. Open government, open data, trasparenza. Per la democrazia.

Ma questo è per l’Europa. Renzi peraltro sottolinea che l’Italia deve cominciare a riformare sé stessa. La prima riforma è cambiare il sistema per rilanciare le opportunità per i giovani. L’Italia deve smettere di piangersi addosso. E il digitale è la dimensione che crea più opportunità per i giovani.

Neelie Kroes ha confermato che l’investimento nella modernizzazione digitale dovrebbe essere escluso dalle pur sacrosante limitazioni imposte dai vincoli di bilancio europei.

Ma nel caso del digitale, l’investimento non è solo uno strumento per la crescita, da ottenere in cambio della promessa di riforme strutturali. Nel caso del digitale l’investimento sull’architettura internettiana per la pubblica amministrazione e l’ecosistema italiano coincide con le riforme strutturali (come si diceva sul Sole).

E le regole? Jeremy Rifkin ha sottolineato che tutto questo non è possibile e non è generativo senza net neutrality.