Le conseguenze della tecnologia nella farmaceutica

Giuseppe Curigliano, parlando a Sum2018, il convegno dell’Associazione Casaleggio, oggi a Ivrea, dà una risposta in più al tema posto nel post intitolato “modelli di adozione tecnologica“. Tra i modelli che tengono conto delle possibili conseguenze delle tecnologie prima di adottarle c’è storicamente la farmaceutica e il sistema della cura delle malattie: prima di consentire la commercializzazione dei farmaci occorrono analisi codificate e lunghe per evitare danni alla salute della popolazione; perché questo non dovrebbe essere usato anche per le intelligenze artificiali applicate alla cura della salute? Per esempio dice Curigliano per prevenire le derive pericolose per la privacy. E se analizzare preventivamente le conseguenze della tecnologia non frena il progresso nella farmaceutica anzi in fondo lo garantisce, si finirà col pensare qualcosa di simile per le piattaforme digitali usate per la “cura” delle relazioni sociali? Ci si può lavorare… no?

Ps. Speriamo che la vicenda di Jacoboni sia presto chiarita. Non ho notizie di prima mano. Quando ne ho letto ero partito da un pezzo. Qualcuno ha informazioni diverse da quelle già uscite?

  • 07/03/2018 Giovannini: L’utopia sostenibile Un libro importante, di quelli che possono restare nella memoria delle persone che lo incrocino con lo spirito aperto e l'orientamento criticamente costruttivo: Enrico Giovannini, L'utopia sost...
  • 31/07/2016 La sicurezza del software si può valutare. I bachi possono essere dovunque. E Microsoft… Peiter Zatko, hacker conoscito come “Mudge”, ha messo a punto un sistema per valutare la sicurezza intrinseca in un software. Potrebbe rendere possibile quello che un paio d'anni fa era stato propo...
  • 19/06/2016 La cyberguerra della cyberNato Jens Stoltenberg, segretario generale della Nato, ha spiegato che un cyberattacco di notevoli dimensioni a uno stato membro dell'alleanza provocherà una cyberguerra in difesa di quel paese da p...
  • 28/01/2013 La scienza dell’immaginazione Giuseppe Ungaretti si preoccupava nel 1953 delle conseguenze culturali dell'elettronica: un tempo l'immaginazione precedeva il progresso tecnologico; ma se le macchine generano innovazione che va p...
  • 12/04/2015 Clayton Christensen: la finanza come baco di sistema del capitalismo americano Dopo ogni recessione, tra il ritorno al livello di Pil precedente e il ritorno al livello di occupazione precedente c'è un intervallo di tempo crescente. Il ritardo è dovuto secondo Clayton Christe...
  • 20/12/2015 A proposito di storia e storytelling Il rapporto Censis 2015 esordisce con queste parole nelle quali si riconosce la penna di Giuseppe De Rita: «"L'identità di un popolo risiede nella sua storia, in tutta la sua storia, in nien...
Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *