Home » News » Populisti o tecnocrati. Brexit è una questione di punti di vista. Tutti miopi
News perplessità

Populisti o tecnocrati. Brexit è una questione di punti di vista. Tutti miopi

england

Da decenni, la sterlina non andava tanto male come oggi. I mercati registrano dati negativi. Il governo inglese è in crisi. La Scozia pensa a un nuovo referendum per lasciare l’Inghilterra. Diversi paesi europei considerano la possibilità di tenere a loro volta un referendum sulla permanenza in Europa. E i leader europei si domandano che fare. Prevale l’incertezza.

Di certo c’è solo che mentre prima l’integrazione europea era un percorso presentato come ineluttabile ora è palesemente una scelta da compiere ogni giorno. Offrendo una politica e una visione costruttiva del futuro per i popoli dell’Europa. Altrimenti non si vede perché impegnarsi nell’integrazione.

Ma la Brexit ha evidenziato una realtà sottovalutata. I punti di vista divergenti non aiutano a costruire una visione comune. Secondo un punto di vista siamo di fronte al confronto tra il populismo stupido e un governo sovranazionale intelligente. Secondo un altro punto di vista siamo di fronte a un confronto tra un popolo libero e un sistema tecnocratico stupido.

In realtà, probabilmente si sono confrontati un populismo stupido e un sistema tecnocratico stupido. E hanno perso tutti.

Vedi:
A tragic split (Economist)
Brexit live: David Cameron resigns after EU referendum result (Guardian)
Farage’s life’s work comes to fruition with a stunning Brexit vote as he lauds a ‘new dawn’ for Britain outside the EU (Daily Mail)
Le Brexit provoque la panique sur les marchés financiers (Le Soir)
L’UE cherche à éviter un effet domino (Le Monde)
Juncker: chi è fuori sta fuori (Il Sole 24 ORE)
Die neue Wucht des Nationalismus (FAZ)
Turbulence and Uncertainty for the Market After ‘Brexit’ (NYTimes)

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video