Onorevole lei. Ilaria Capua: L’Abbecedario di Montecitorio

l-abbecedario-di-montecitorioIlaria Capua analizza Montecitorio con l’occhio stupito del ricercatore e vagamente indignato del cittadino che però velocemente la butta sull’ironico. Per sopravvivere. E il risultato è una sorta di reportage nel quale si confronta l’occhio pragmatico dell’osservatore e la realtà autoreferenziale del sistema osservato. Se si cerca uno spunto di speranza si resta delusi. Si ha l’impressione che ci si trovi di fronte a un’entità organizzata proprio per restare uguale a sé stessa, esercitando il potere di esistere.

Eppure il Parlamento è il luogo principe della democrazia. E si adatta alla storia. Ma non per il modo di funzionare. La riforma strutturale, la riforma di metodo, per ora è lontana. Una science-based-policy, tanto per fare un esempio adatto all’Autrice, appare culturalmente utopistica. Tutto ciò che avviene di ulteriore rispetto alla ripetizione degli schemi del potere è dovuto al contributo umano che offrono le singole persone che lo popolano. È un classico delle istituzioni italiane: ma non è sufficiente.

Nell’anno del referendum per la riforma strutturale del Parlamento la discussione si è spostata su questioni importanti – come la tenuta di un assetto di governo – ma relativamente minori rispetto al tema costituzionale. In realtà, la discussione sulla riforma del Parlamento si dovrebbe concentrare sul cambiamento di metodo nell’informazione, nella deliberazione e nella decisione: cioè un cambiamento che aumenti la qualità dei dati dai quali gli eletti partono per poi sviluppare un sistema di valutazione delle alternative che produca la possibilità di scegliere tra le migliori decisioni possibili. Una policy basata sulla scienza, almeno per alcune questioni, sarebbe possibile.

ps. Una scienziata di enorme qualità non ha avuto modo di aiutare a migliorare il metodo con il quale l’Italia decide il proprio destino. E abbandona il paese. Il suo libro è un contributo di intelligenza. Ma lascia un sapore amaro. Potrà essere, prima o poi, un’esperienza dalla quale chi resta saprà imparare.

Articoli Correlati

  • 06/07/2016 Ilaria Capua, perché.. In molti sanno la storia. Ilaria Capua, grande virologa divenuta scienziata globale con la scelta di offrire apertamente una scoperta che avrebbe potuto sfruttare per profitto in quanto serviva a ...
  • 04/08/2016 John Banville. La musica segreta. Una storia decisiva. La rivoluzione di Copernico La storia di Copernico che racconta John Banville è un gesto di bravura narrativa, storica e interpretativa. Nicolaus Koppernigk è nel suo oscuro paese a combattere per la propria identità e a vinc...
  • 22/02/2009 BookBlogging – L’imprenditore di Schumpeter Joseph Schumpeter va riletto ogni tanto come si rilegge un classico narratore di miti, o almeno uno scopritore di archetipi fondamentali. Il problema di Schumpeter non è la definizione di imprendit...
  • 09/10/2011 Libri – JOHN BROCKMAN, EDGE – Cultura e mente: la rete delle reti neurodigitali Edge è un fantastico gruppo di persone che riflettono sul futuro che stiamo costruendo. E si manifesta in un sito ricchissimo di lezioni, dibattiti e saggi che vanno a esplorare le dimensioni più ...
  • 31/07/2012 L’informazione di Luciano Floridi Luciano Floridi ha scritto "La rivoluzione dell'informazione" un paio d'anni fa per l'Oxford University Press. Ora è arrivata la traduzione italiana di Codice (Wikipedia, Philosophy of information)...
  • 20/11/2016 Contro Fakebook, per il next journalism Vale la pena di ricordare oggi il libro di Bill Kovach e Tom Rosenstiel: Blur. How to know what's true in the age of information overload. È un manuale dedicato ad aumentare la consapevolezza dei g...

1 Commento su “Onorevole lei. Ilaria Capua: L’Abbecedario di Montecitorio

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>