Ippolita. «L’ideologia inscritta nell’ergonomia del servizio»

anime_elettricheIl nuovo libro di Ippolita, Anime Elettriche, è una bella lettura. Per i cultori di “digital humanities” è una sfida a proseguire nella ricerca di una dimensione ulteriore, successiva ovviamente alla vecchia distinzione tra le dimensioni umanistica e scientifica, ma anche successiva alla loro collaborazione cosiddetta interdisciplinare. Qui si tratta proprio di una disciplina simbiotica e complementare. Basta leggere questo passo per rendersi conto delle conseguenze:

“Indagheremo le tecniche con cui i social network commerciali ricostruiscono l’unità somato-psichica dell’individuo a partire da una copia estrapolata dai dati che ogni giorno riversiamo sulle piattaforme di condivisione confessionali. Vedremo come e perché siamo portati spontaneamente a creare un doppio, simulacro di sintesi e alter ego, nel quale specchiarci come in una versione ben riuscita di noi stessi. Ma il gemello digitale ci supera, sfugge alle nostre velleità di controllo emotivo e narrativo. La sua genesi infatti non è autonoma: lo creiamo sulla base dell’ideologia inscritta nell’ergonomia del servizio, ovvero seguendo le regole implicite secondo cui è stata progettata idealmente l’interazione umano-macchina.”

Vedi le importanti recensioni di Francesco Monico su Nòva100 e Marco Dotti su Vita.

  • 05/09/2017 Martin Ford. Come lavorare sul suo “futuro senza lavoro” Un altro libro sullo sviluppo senza lavoro si affaccia all'attenzione. Martin Ford, imprenditore del software, scrive "Il futuro senza lavoro. Come prepararsi alla rivoluzione economica in arrivo"....
  • 08/05/2012 Letture. Intelligenza collettiva ed evoluzione della specie Le biografie individuali e le relazioni con gli altri si intrecciano indissolubilmente. Oscilliamo tra il sentirci autori solitari della nostra vita e rotelle di meccanismi impersonali e superumani...
  • 01/05/2017 Design come ricerca di senso Un compendio di storia del design all'italiana e una bella, sintetica interpretazione del ruolo che il design sta assumendo in prospettiva. Il libro di Alberto Bassi, Design contemporaneo. Istruzio...
  • 22/09/2015 Antonio Casilli e i lavoratori del web Dominique Cardon e Antonio Casilli scrivono Qu'est-ce que le Digital Labor? (Ina). E Antonio Casilli ne parla in un'intervista per Libération. L'idea è chiara. Le attività che le persone svolgon...
  • 24/10/2016 Chi scrive la mia autobiografia Dedicato a chi non lo trovava: è in libreria la nuova versione di Homo Pluralis, Essere umani nell'era tecnologica. Non c'è una prefazione alla nuova edizione. C'è una postfazione che prosegue l...
  • 19/10/2017 Intelligenze più o meno artificiali Una delle scoperte che molti osservatori neofiti - come la maggior parte di noi - dell'intelligenza artificiale hanno fatto in questi ultimi tempi è che una gran parte delle cose che i computer san...

1 Commento su “Ippolita. «L’ideologia inscritta nell’ergonomia del servizio»

Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *