Petrolio in mare

Petrolio in mare

Il petrolio che è finito nel mare ligure non è il primo caso in cui il rischio ambientale dovuto all’estrazione e lavorazione degli idrocarburi diventa un disastro effettivo. La settimana scorsa gli italiani hanno deciso di lasciare le trivelle al loro posto fino a esaurimento dei giacimenti confidando nel sistema di gestione del rischio messo a punto dalle imprese e dalle autorità. Il caso ligure non è un esempio confortante.

(Il rispetto per tutti coloro che stanno lavorando e soffrendo per il disastro accaduto in Liguria è grande. Queste parole sgorgano dall’emozione. Tentando di incanalarla in un ragionamento).

Di fronte al caso della Liguria e in seguito alla scelta del governo di prendersi la responsabilità di chiedere agli italiani di lasciare le trivelle al loro posto ci si aspetta un cambio di passo sulla gestione ambientale e sui rischi delle lavorazioni più pericolose. Anche perché qui non stiamo parlando soltanto delle estrazioni entro le 12 miglia: stiamo parlando di tutto il sistema di trattamento del petrolio e derivati in Italia. Un’epopea ingegneristica e aziendale, in passato: oggi un’industria da rivedere alle fondamenta, in vista del suo tendenziale superamento.

Vengono in mente alcune considerazioni (probabilmente davvero naif):
1. Predisposizione di sistemi di risposta all’emergenza più efficienti: non può essere tutto affidato all’eroico volontarismo delle squadre che intervengono a guaio fatto. A questo proposito, l’IIT e la DirectaPlus da tempo dicono che il grafene può essere usato per creare spugne in grado di assorbire il petrolio e non l’acqua da usare nei casi di emergenza come questo. Vogliamo approfondire la questione?
2. Chiarimento delle responsabilità: il presidente della Regione, il Sindaco, il governo, le aziende, i sistemi di monitoraggio e controllo, l’informazione alla cittadinanza. Tenere tutto nascosto fino al prossimo disastro non è una buona politica.
3. Piano stategico: affrontare il futuro del petrolio e preparare il sistema industriale a superarlo, deviando una parte consistente dei profitti immediati che ancora evidentemente si fanno con questa materia prima verso le conseguenze del suo superamento.

Ihmo.

ps. Per chi si chiede a che cosa possa servire il ministro dello Sviluppo economico, queste idee potrebbero servire come parziale risposta?

  • 11/04/2016 Perché è sbagliata la campagna per l’astensione sulle trivelle C'è un referendum. Gli elettori sono chiamati da dare un parere, con un "sì" o con un "no". La risposta con più voti, vince. La democrazia ha funzionato. Andremo a votare per il referendum sulle r...
  • 05/08/2016 Immigrazione. Dati e decisioni Una ricerca di Pew (Number of Refugees to Europe Surges to Record 1.3 Million in 2015) racconta con i numeri l'immigrazione in Europa. Le proporzioni tra le popolazioni locali e il numero di...
  • 05/03/2018 L’inflazione dei sensi Tutti si sono accorti che la popolazione soffre perché nella grande trasformazione contemporanea è tanto accelerata da rendere difficile coltivare un senso di prospettiva stabile e confortante. Ave...
  • 05/12/2016 Proporzionali dentro L'equilibrio dei poteri teorizzato da Montesquieu nel Settecento e divenuto il fondamento delle costituzioni dei paesi occidentali che hanno seguito le orme degli Stati Uniti non è mai arrivato app...
  • 18/04/2017 Ducati, lire, piccoli… Il dibattito sull’euro avviato da Zingales sul Sole 24 ore Ovviamente, non può essere il mio compito quello di contribuire al dibattito sulla permanenza dell'Italia nell'euro avviato da Luigi Zingales sul Sole 24 Ore. Ma sono affascinato dalle domande che ...
  • 25/03/2017 Il metodo democratico. La governance di internet. La credibilità dei politici Non è una grande scoperta. I politici faticano a essere credibili. Da una parte ce la mettono tutta per disperdere il loro capitale di credibilità, adottando una serie di comportamenti criticabili,...
Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *