Le statistiche dell’Italia digitale sono un richiamo all’umiltà

dati-digitale-europa

Ancora una volta le statistiche sulla posizione dell’Italia nell’Europa digitale dicono che siamo indietro, che stiamo perdendo tempo, che abbiamo molto da recuperare: insomma che non cogliamo tutto il potenziale innovativo delle tecnologie digitali e restiamo arretrati nel contesto continentale: Quanto è digitale il tuo paese? Dati recenti mostrano la necessità di intervenire per sbloccare il potenziale dell’Europa.

E’ chiaro che tutte le spacconate e fanfaronate che ogni tanto vengono rilanciate da certi politici per incoraggiare gli italiani si rivoltano contro di loro quando poi vengono fuori questi dati. Sembra banale, ma sarebbe meglio lavorare sul serio e poi dichiararsi contenti quando si è raggiunto un obiettivo. Perché altrimenti si rischia cinismo, scoraggiamento, disinteresse verso l’innovazione, quella vera.

Articoli Correlati

  • 21/01/2017 La classe dirigente sfiduciata Il concetto stesso di classe dirigente è travolto dalla disperante distanza che si coglie in occidente tra le aspettative e la realtà. È la conseguenza della grande trasformazione che genera ti...
  • 07/07/2016 Dati e critica dell’infosfera italiana Un gruppo di ricerca dell'università Suor Orsola Benincasa ha raccolto una quantità di dati sull'infosfera italiana e sul modo degli italiani di informarsi. E li ha classificati secondo uno sch...
  • 14/04/2017 Chantal Saint-Blancat. La diaspora degli scienziati italiani Chantal Saint-Blancat scrive un libro da leggere intitolato Ricercare altrove. Fuga dei cervelli, circolazione dei talenti, opportunità (il Mulino 2017). Contesta l'idea semplicistica che il "merca...
  • 03/04/2017 Xylella. Anche il CMCC ci sta lavorando Anche il CMCC sta lavorando ad alcuni progetti che devono servire per prevenire e ridurre l'impatto della Xylella fastidiosa sulla coltivazione degli olivi. Modellistica dell'olivo, studio del ...
  • 24/04/2017 Unctad sente aria di sfiducia La conferenza dell'Onu sul commercio e lo sviluppo (Unctad) segnala come una recente survey di CIGI e Ipsos registri una maggiore consapevolezza e preoccupazione per la privacy online e che un 49% ...
  • 20/05/2013 Dedicato al marketing: una summa di spunti per guardare avanti Steven van Belleghem è un autore ordinato e divertente che si occupa di quello che i "mercati" diventano quando ci rendiamo conto che sono "conversazioni". In queste slide ha raccolto una vera e pr...

2 Commenti su “Le statistiche dell’Italia digitale sono un richiamo all’umiltà

  1. “Italy is part of the catching up[2] cluster of countries because, although it still performs worse than the EU as a whole, it has developed fast over the last year and got closer to the EU average” => Fonte: http://europa.eu/rapid/press-release_MEMO-16-385_en.htm

    Se poi vai a disaggregare, scopri che il (leggero) catching up è guidato proprio dal settore pubblico, in particolare dalla disponibilità di servizi pubblici online. In particolare, l’Italia è al sesto posto sui 28 paesi per open data, guadagnando tre posizioni rispetto al 2015. Secondo il rapporto, il problema numero uno dell’Italia digitale è che la ggente non usa Internet. proprio il tuo settore, quello delle notizie diffuse con canali digitali, ha una delle maglie più nere: 26esimi su 28 paesi, in discesa sia nel ranking che come percentuale di persone che leggono notizie su Internet. Stiamo dicendo che le notizie online, in Italia, si leggono MENO che in passato. https://ec.europa.eu/digital-single-market/en/scoreboard/italy

    L’umiltà è sempre una buona cosa. Ma non sono molto sicuro che da questi dati si possa trarre la conclusione che ne trai tu. Aggiungici che i dati stessi non è che siano solidissimi; quelli del 2013 li abbiamo rimessi a posto noi nel corso di un hackathon di Spaghetti Open Data, e l’aria che avevano era che li avessero fatti fare a qualche stagista che passava di lì. Certo, sono passati tre anni e spero adesso siano migliorati.

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>