Appunti per Master Unesco

brescia Pensando a come spiegare il lavoro che serve per promuovere in modo nuovo un bene riconosciuto come patrimonio dell’Unesco è venuto fuori un insieme di punti che riassumo per i frequentatori del Master organizzato a Trento da TSM.

Ci si fa un programma, che si realizza con un progetto, che trova risorse se si condivide un’idea di progresso, che genera una prospettiva comune che tende verso una nuova prosperità.

E il programma deve servire il tempo degli utenti, richiamandone l’attenzione e ottenendo un riconoscimento di rilevanza. Con una piattaforma abilitante, capace di ispirare l’immaginazione e si superare la concorrenza di tutti gli altri servizi analoghi. Per ottenere feedback che dimostrino la capacità del servizio di mobilitare le persone, raccontando storie affascinanti o capaci di ingaggiare e, nella migliore delle ipotesi, che entrino nella grande narrazione della contemporaneità.

Non sono obiettivi troppo astratti. Anzi. Il patrimonio Unesco deve riuscire a raggiungere una funzione nella grande narrazione mondiale. Un ghiacciaio deve raccontare il cambiamento climatico, un luogo delle antiche civiltà mediorientali deve entrare nella tematica globale della salvaguardia della memoria nell’ambito della grande guerra avviata dai nuovi eserciti che avanzano in questi tempi difficili in quelle terre.

Molti auguri agli studenti del master. Persone che hanno reagito a queste schematiche indicazioni con un atteggiamento così proattivo e partecipe che penso avranno grande successo.

E tra poco: Homo pluralis – Trento, Palazzo Geremia, Sala Falconetto | Via Belanzani 20

Il Master WORLD NATURAL HERITAGE MANAGEMENT – Conoscenza e gestione dei Beni naturali iscritti  nella Lista del Patrimonio Mondiale  UNESCO (Dolomiti e altri siti montani) organizzato dalla Provincia autonoma di Trento, in collaborazione con la step-Scuola per il governo del territorio e del paesaggio e l’Universita degli Studi di Torino, propone un ciclo di tre incontri MasterInvita per affrontare e discutere alcuni dei temi piu rilevanti per sostenere l’affermazione di una cultura della vivibilita e del paesaggio nella civilta planetaria.

Da quando dispongono della competenza simbolica gli esseri umani traducono i luoghi in paesaggi della propria vita. Lo fanno in forme tradizionali e allo stesso tempo inventando nuove soluzioni. Negli ultimi tempi l’immaginario  virtuale svolge una funzione decisiva nella creazione degli spazi vitali. Il ciclo di incontri MasterInvita 2015 intende tirare un filo per connettere le forme tradizionali degli spazi della vita umana con le esperienze virtuali nelle quali si ridefiniscono i codici e le prassi per abitare i paesaggi della nostra vita.

Il ciclo Master Invita  e organizzato in collaborazione con la Fondazione Dolomiti  Dolomiten Dolomites Dolomitis UNESCO e in partnership con il Comune di Trento – Servizio Cultura, turismo e politiche giovanili.”

  • 20/08/2017 Il lavoro del futuro. Una ricerca. (Vuoi contribuire?) Il Sole 24 Ore sta da tempo conducendo una campagna di sensibilizzazione sulla necessità di operare nuove policy per aumentare l'accesso al lavoro, specialmente dei giovani, e per migliorare le pol...
  • 15/02/2015 Orgoglio docente «No school can be better than those who work in it» dice l'Economist. Scuole con insegnanti che non ci credono più, società che non valorizzano e rispettano gli educatori, sistemi pubblici che hann...
  • 01/10/2017 Il lavoro del futuro e l’ecosistema La grande azienda espelle manodopera. Ma non necessariamente riduce l'occupazione. Questa apparente contraddizione si scioglie se la grande azienda si trasforma in una piattaforma che alimenta un e...
  • 25/02/2016 Lo stato digitale: si aggiusta un po’ alla volta o si rifà tutto da capo? Ci si domandava giusto questo, qualche giorno fa: Ma voi come rifareste lo stato digitale? Una domanda aperta: una domanda strategica, latente, fondamentale; mentre comincia una nuova fase di rilan...
  • 20/08/2016 La Guerra Fredda si è trasformata nella Guerra Digitale. Le spie sono ovunque. E non si sa chi vince E il gruppo di spie digitali Shadow Brokers ha messo in vendita all'asta online molti file che dovevano restare segreti, comprese alcune cyberarmi. A quanto pare, gli Shadow Brokers si fanno così v...
  • 10/09/2017 Ecologia dei media. A Camogli Un programma notevole. Orientato a fare ricerca intorno alle conseguenze culturali della comunicazione digitale. Il festival di Camogli si conclude oggi. Ho parlato ecologia dei media. Ho tent...
Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *