Big Data: the book

Nel 2000 il 75% delle informazioni era raccolto sulla carta, sulla plastica magnetica, su altri supporti analogici e solo il 25% era in digitale. Nel 2013, l’analogico è ridotto al 2% mentre il 98% delle informazioni è registrato in digitale. Lo dice Martin Hilbert, Annenberg School for Communication and Journalism, della università della Califonia del Sud.

SchonbergerCukierBIGDATAesec.indd Mayer-Schönberger Viktor e Cukier Kenneth citano questi numeri nel loro Big Data, un libro che offre un panorama completo di uno dei cambiamenti più profondi che si sta verificando nel sistema della conoscenza contemporanea. Se ne parlava anche su Nòva. E ieri, al Festival della letteratura, se n’è avuto un assaggio raccontato da Mayer-Schönberger davanti a una platea straordinariamente attenta e numerosa.

Si tratta di un cambiamento nella pragmatica della conoscenza. I dati sono più numerosi, facili da trovare e meno costosi da archiviare. La fine della scarsità dei dati non riduce il rispetto del loro significato e non annulla la necessità di una profonda consapevolezza epistemologica. Ma certamente favorisce una pratica della sperimentazione matematica alla ricerca di pattern emergenti e correlazioni, piuttosto che un ricorso all’approccio basato sui campioni statistici, le ipotesi causali a priori, le teorie in attesa di verifica. «Meno why e più what» sintetizza Mayer-Schönberger.

Si tratta di un cambiamento economico, perché lo sfruttamento dei giacimenti di dati è un grande valore per le mega compagnie che li raccolgono ma anche per le startup che ne individuano nuovi utilizzi.

Ed è un cambiamento etico-politico, perché rende necessario ed evidente il bisogno di nuovi meccanismi a tutela della privacy, dice Mayer-Schönberger, perché impone maggiore consapevolezza della possibilità di nuove forme di indagine da parte dei servizi segreti o degli esperti di marketing, perché cambia le modalità sulla base delle quali si decide insieme: meno ideologicamente e più empiricamente.

Le storie contenute nel libro sono importanti, divertenti, affascinanti. Ma il dato dei dati è chiaro: la digitalizzazione è avvenuta. E non se ne andrà. Prenderne atto è il primo passo per affrontare i problemi conseguenti e cogliere le opportunità emergenti.

Vedi anche i seguenti paper:
The danger of big data: social media as computational social science
A MATLAB Toolbox for Browsing, Exploring, and Viewing Large Datasets
Distributed Parallel Architecture for “Big Data”

Articoli Correlati

  • 18/12/2013 Data Journalism Slideshow Guido Romeo ha tenuto la sua lezione alla Data Journalism School organizzata con Istat e Ahref. Ecco le slide, via Fabio Malagnino e Futurize. Imparare a fare data journalism sta diventando un desi...
  • 23/04/2015 Libertà e sicurezza: dibattuti come opposti, ricostruiti come simbiotici La presentazione del problema, in questi tempi, è semplice: se la società vuole più sicurezza - contro il terrorismo o contro il crimine che usa la rete per svilupparsi - occorre che rinunci a ...
  • 10/04/2015 Link sullo storytelling a base di dati Ecco alcuni link per vedere esempi e strumenti per lo storytelling e il giornalismo a base di dati, dedicati agli studenti del master Big Data di Pisa. Jeff Pettiross Data journalism Popul...
  • 04/03/2015 Forte piano banda larga. Alla prova del futuro Il piano per portare l'Italia nel mondo sviluppato e decentemente connesso con la banda ultralarga è passato al Consiglio dei Ministri di ieri, rimandando l'idea del servizio universale a 30mega. I...
  • 05/09/2009 Data mining attivo Si scopre che le Poste Italiane, come del resto pare la Telecom Italia, sono interessate a sviluppare prodotti da offrire alle aziende, con sistemi di raccolta di dati sui consumatori basati sull'u...
  • 25/04/2014 Big Data: cambiamento delle osservazioni e continuità dell’epistemologia Una bella discussione sull'epistemologia dei Big Data è stata riassunta dall'Economist. Si fa riferimento, per esempio, alla hubris dei superentusiasti che - come Wired - hanno parlato di "fine...

4 Commenti su “Big Data: the book

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>