Cittadini reattivi. Messaggio da Castellanza. Zone industriali da bonificare

Rosy Battaglia ha avviato Cittadini reattivi per raccogliere informazioni sulle zone industriali da bonificare e diffondere la consapevolezza di uno dei temi più importanti della costruzione di un ambiente post-industriale sensato e vivibile. Se n’è parlato ieri a Perugia.

E subito sono arrivate le prime segnalazioni di cittadini che reagiscono e attivamente contribuiscono a diffondere per lo meno segnali da approfondire. Come è il caso della popolazione preoccupata per l’insediamento di un inceneritore di rifiuti tossici farmaceutici tra Busto, Castellanza, Legnano e Olgiate Olona.

Assemblea popolare
Informazione online
Legnano News
Varese News

Il caso va segnalato di per se. E offre spunti di riflessione. Per prendere coscienza dell’ampiezza ecosistemica del tema dell’innovazione nell’informazione.

1. I cittadini che rifiutano un insediamento che considerano pericoloso hanno tutte le ragioni di riunirsi, protestare, far sapere le proprie posizioni. E quindi il sistema dell’informazione si attrezza per la partecipazione dei cittadini alla circolazione dell’informazione.
2. L’informazione deve circolare sulle loro attività. Ma deve andare anche a fondo sulla reale nocività del progetto. La trasparenza dell’informazione in questo caso è un diritto. Ed è un dovere cercare di arrivare a informazioni accurate, legali, indipendenti e complete, per costruire un terreno comune sul quale la popolazione e le amministrazioni possono scegliere consapevolmente (i traffici riservati tra amministratori, proprietari terrieri, addetti all’assegnazione di permessi, ecc ecc, non sono il modo giusto per togliere di mezzo i sospetti e tranquillizzare la popolazione).
3. La ricerca deve trovare una strada per ridurre al minimo i rifiuti tossici farmaceutici modificando il design e il processo produttivo industriale dei farmaci. Su questo l’informazione deve cercare, interrogare, trovare ogni possibile soluzione sperimentata. È informazione di mutuo soccorso: fare tesoro dell’esperienza ovunque sia generata per migliorare i processi. Perché alla fine il tema ecologico si risolverà riducendo i rifiuti, gli sprechi, i materiali di risulta non utilizzati nella produzione, almeno tanto quanto si risolverà cercando fonti di energia rinnovabili.

La strada del rinnovamento dell’informazione è lunga. Impegnativa. E molto importante.

Articoli Correlati

  • 14/11/2011 John Paton John Paton ha la responsabilità di una delle maggiori catene di giornali americana. E pensa che la deve condurre a fare il suo business essenzialmente in versione digitale. La storia va letta per l...
  • 12/06/2010 Giornali equilibrati Dice l'Economist che l'annunciata morte dei giornali non è più così imminente. Aumentare il prezzo di copertina e ridurre i costi consente a molti editori americani di ritrovare un equilibrio econo...
  • 20/02/2013 Riprogettazione della statistica Quello che facciamo, decidiamo, speriamo, dipende da quello che sappiamo su come stanno le cose. E una delle fonti più importanti e la statistica. È tempo di cambiarla. Per cambiare noi stessi. Il...
  • 28/06/2015 Un articolo è una molecola. Le frasi sono atomi. È il giornalismo strutturato È uno stile di giornalismo che serve a scrivere storie che si aggiornano continuamente e consentono di riconoscere i fatti più documentati da quelli meno solidi. O almeno sembrerebbe. Non si scrive...
  • 23/10/2010 Giornali di qualità Mettendo insieme giornali e qualità si scopre che il problema è anche di punto di vista. Che cos'è un giornale di qualità, supposto che ormai sappiamo che il giornale non è la sua carta? Dipende in...
  • 04/11/2010 La prima e l’ultima pagina I siti dei giornali sono visitati nella maggior parte dei casi per vedere le pagine che raccolgono i titoli. Una frazione abbastanza piccola di quei titoli induce davvero a cliccare per leggere l'a...

4 Commenti su “Cittadini reattivi. Messaggio da Castellanza. Zone industriali da bonificare

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>