Giornalismo innovatore, università e intelligenza collettiva

Come osserva Guido Vetere, l’intelligenza collettiva non è garanzia di intelligenza individuale. Per coltivarla, dice, occorrono buoni libri ed esperienze profonde. Come può succedere all’università? Come talvolta accade leggendo i giornali? Anche, probabilmente. Purché università e giornali si adeguino alla contemporaneità.

Ma a queste domande e a questo adeguamento potranno contribuire i protagonisti dell’antico regime?

La domanda ha spinto Giuseppe Granieri a scrivere un post che ne discute le implicazioni. Si direbbe che la risposta non possa che essere sì, in teoria, visto che l’esperienza ha importanza. Il problema è quanto queste persone sono capaci di riorientarsi dalla difesa del passato alla costruzione del futuro, nella consapevolezza della grande trasformazione che stiamo attraversando. Un fatto è certo: il risultato storico della riforma di giornali, libri, università e altri luoghi generativi della conoscenza sarà inevitabilmente una sintesi di esperienza e innovazione. Ma la sintesi sarà tanto più efficace e profonda per l’evoluzione culturale quanto più riusciremo a partecipare all’evoluzione più che subirla: e per questo ci vuole umiltà e generosità, prima di tutto da parte proprio di quei professionisti che si sono formati nell’antico regime.

In un mondo di macerie culturali, la ricostruzione ha bisogno di tutti.

E quindi riprendiamo un tema avviato tempo fa:
Informazione di mutuo soccorso
Informazione di mutuo soccorso: i temi
Fidarsi sui licenziamenti economici: informazione di mutuo soccorso
Pensieri automatici sui licenziamenti: informazione di mutuo soccorso
Informazione di mutuo soccorso e sistemi anti-bufala
Notizie imprecise, incomplete, sbagliate. FactChecking.it comincia a prendere forma

  • 26/04/2013 Trasparenza è opportunità. #Ijf13 Ernesto Belisario mostra come le regole sulla trasparenza dei dati della pubblica amministrazione stiano evolvendo in modo tale da favorire chi fa informazione ma con qualche confusione normativa. ...
  • 16/10/2015 L’essenziale Essenziale. Una parola che è un programma: togliere tutto quello che non conta e tenere quello che davvero è importante. Una ricerca per riconoscere l'essenziale, quando riesce, porta a una sorta d...
  • 28/05/2015 La rete doveva ridurre le asimmetrie informative. Attualmente non ci riesce. Ubiquitous Commons servono a riequilibrare La rete doveva aumentare il potere di accesso all'informazione di tutti e ridurre la concentrazione del sapere. Per un po' di tempo ci è riuscita. E certi risultati sono straordinari. Si è formato ...
  • 08/04/2014 Modesto contributo per una visione di lungo termine nel sistema “scuola, università, ricerca” Stefania Giannini, ieri, alla presentazione italiana di Horizon 2020, ha detto che il suo scopo è portare il Miur a pensare per il lungo termine. È un’affermazione di grande importanza: fondamental...
  • 19/05/2010 Obama oPad Bella discussione. Metilparaben si preoccupa di un'involuzione antitecnologica di Obama. Luca Nicotra invita a leggere tutto il discorso del presidente americano. E osserva che le sue opinioni si c...
  • 22/11/2010 Il Daily su iPad… L'entusiasmo di Murdoch per il suo nuovo giornale nazionale elettronico americano, The Daily, che si potrà leggere solo comprandolo sull'iPad è motivato o no? (Nytimes)Il ragionamento di Murdoch è ...
Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *