Notizie imprecise, incomplete, sbagliate. FactChecking.it comincia a prendere forma

Notizie imprecise, incomplete, sbagliate. Circolano sui media e solo i più esperti le riconoscono. Altre sono curiose o dubbie e non si sa se sono anche davvero documentate. Altre sono false e gli interessati vogliono rettificarle.

Per sapere se le notizie che circolano sui media sono affidabili, ci si può civicamente dare una mano. Chi ha dubbi su una notizia può chiedere agli altri che ne sanno di più. Chi è esperto o ha tempo di fare qualche verifica sulle notizie dubbie o sbagliate può pubblicare le correzioni. In molti modi. Anche usando Factchecking.it, la piattaforma civica fatta dalla Fondazione Ahref (con la quale collaboro).

Factchecking comincia a prendere forma. Naturalmente è merito di chi la usa. Anche l’interfaccia è migliorata. E il Corriere della Sera chiede ai suoi lettori di aiutare i giornalisti a prendersi cura di ciò che pubblica, segnalando di tanto in tanto l’opportunità di usare appunto il FachChecking. Niente di tutto questo avviene allo scopo di fare un profitto monetario, ovviamente, ma la speranza è che crei valore civico.

Non è un’attività leggera e facile, la verifica delle notizie. Ma può essere resa più agevole da una piattaforma che tenta di servire proprio a questo scopo. Di certo, più persone la useranno più sarà interessante. Come tutte le tecnologie di rete, ha valore soprattutto grazie ai suoi utilizzatori.

  • 05/09/2011 Ahref propone Timu: per fare squadra nell’informazione civile Sarebbe bello se ci fosse un modo per condividere informazioni senza cedere i contenuti alle piattaforme che usiamo, se l'indirizzo sul quale pubblichiamo restasse di nostra proprietà, se il metodo...
  • 25/06/2010 Domande: Fondazione Ahref Chi ha visto cose nuove eccellenti nel mondo dei social media? Ha voglia di segnalarle? E che cosa sta succedendo ai blog? Stiamo attraversando una fase di stanca? O è solo l'approssimarsi dell'est...
  • 20/11/2016 Contro Fakebook, per il next journalism Vale la pena di ricordare oggi il libro di Bill Kovach e Tom Rosenstiel: Blur. How to know what's true in the age of information overload. È un manuale dedicato ad aumentare la consapevolezza dei g...
  • 30/08/2011 Economia delle news Stefano Quintarelli ha scritto un importante post per rispondere alla domanda: i giornali (quotidiani) possono sopravvivere solo con internet? La sua risposta è "no", "dipende", in realtà pochi. Mo...
  • 14/03/2016 Le responsabilità dei media per la democrazia e la repubblica. Come possiamo migliorare? L'intervista di Marco Rubio sulla frattura democratica americana è soltanto l'ultimo di una serie di fatti che dimostrano come la democrazia e la repubblica siano di fronte a una crisi profonda, de...
  • 19/01/2017 «Making journalism great again» Jack Shafer, su Politico, scrive, giocando sullo slogan principale del nuovo presidente che è stato eletto negli Stati Uniti: «Trump Is Making Journalism Great Again». Perché la connessione tra...

1 Commento su “Notizie imprecise, incomplete, sbagliate. FactChecking.it comincia a prendere forma

Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *