Feminist Futurist Manifesto – Sarah Kember su Ada

Esplorando Ada, un giornale dedicato a temi di genere, media e tecnologia, si incontra una quantità di ricerche importanti, tra le quali questa di Sarah Kember sulla relazione tra femminismo e tecnologia. Si avverte la preoccupazione dell’autrice nei confronti di una cultura che non sembra riuscire a difendersi dall’avanzare di una pratica della vita quotidiana meccanizzata e commercializzata. Kember dichiara la sua convinzione che le metodologie femministe siano fatte per intervenire e reinventare e fare la differenza nei processi che sembrano andare avanti in automatico.

E in effetti la cultura della ricostruzione dopo i disastri generati da fenomeni considerati inarrestabili – l’esempio classico è la guerra – è storicamente un portato pratico fondamentalmente femminile, a partire dall’educazione e dalla riorganizzazione della città. Il problema oggi è come questa cultura affronta l’esempio meno classico della crisi finanziaria che come la guerra sembra lasciare dietro di se le macerie di sistemi tutti da ricostruire.

I fenomeni che appaiono inarrestabili o indipendenti dalla capacità di intervento di ciascuno non lo sono in teoria e cessano di esserlo in pratica nel momento in cui si allarga la consapevolezza.

Articoli Correlati

  • 21/02/2013 Il fuoco mancante della prospettiva Parlando con il presidente dell'Istat, Enrico Giovannini, ieri, ho ascoltato il suo entusiasmo per gli sviluppi dell'economia della felicità. Il filone di ricerca economico che cerca di ritrovare u...
  • 30/04/2014 Cultura è innovazione Cultura è innovazione. È probabilmente la questione decisiva per lo sviluppo italiano. Del resto, l'incrocio dei due temi è straordinariamente generativo. Ci sono centinaia di definizioni del co...
  • 14/11/2011 Dopo trent’anni – Dalle macerie alla ricostruzione Lunedì densamente simbolico. La fine un periodo storico. Un nuovo inizio. All'Institute for the Future dicono sempre che per guardare avanti di qualche anno, occorre ricostruire la storia di qualch...
  • 10/05/2010 Narrazione e prospettiva Stasera ce la raccontiamo con Giuseppe Genna a Oilproject. La narrazione è una parola chiave. Ma raccontare la narrazione è superdifficile. Soprattutto quando ci sei in mezzo.Anche perché come sapp...
  • 22/05/2012 Medicina come business ed economia dell’infelicità La medicina cura le malattie o migliora le prestazioni e le condizioni di vita delle persone? L'esplorazione dei confini tra queste due possibilità genera ambiguità che la società ha bisogno di sci...
  • 19/11/2010 La qualità della vita non è decrescita economica C'è un equivoco talvolta nel dibattito che riguarda il nuovo paradigma economico che emerge dalle discussioni su temi legati alla condizione post-industriale, all'economia della conoscenza, all'eco...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>