Enrico Giovannini – Il senso della conoscenza pubblica

Dal 4 agosto del 2008, Enrico Giovannini è presidente dell’Istat. Dice: «Ero a Parigi, a fare il lavoro più bello che possa desiderare. Ma sono tornato in Italia per l’Istat: vuol dire che credo all’Italia…».

Incontrare Giovannini è un piacere per chiunque abbia a cuore il senso della repubblica, di ciò che abbiamo in comune come cittadini, compresa la conoscenza. La sua Istat si è certamente rivitalizzata in termini di ricerca statistica, organizzazione interna, contributo ai media, accessibilità dei dati e innovatività delle iniziative. Il censimento online, 8 milioni di persone che hanno risposto via web, è stata la più grande operazione su internet della storia italiana. Ma a sentirlo parlare, si sente che il suo piacere intellettuale e sentimentale è soprattuto concentrato sul fatto che il censimento è stato un momento nel quale le persone che vivono in Italia si sono sentite insieme.

Ieri sera nel corso di una cena organizzata a Roma in suo onore, Giovannini ha dato un’immagine di quello che vede intorno a sé attraverso i dati (riassumo drasticamente):
1. L’Italia è ufficialmente in recessione
2. L’inflazione è ancora elevata ma si dovrebbe stabilizzare
3. I salari sono fermi
4. La flessibilità non è il problema centrale per chi entra nel mercato del lavoro (sa che la flessibilità è una condizione necessaria)
5. Gli italiani, intervistati su ciò che serve per il benessere, dopo la salute citano “un lavoro per i figli”.

La prospettiva dei figli è il perno di una riforma del sistema italiano. La conservazione delle abitudini attuali sembra forse necessaria proprio ad assistere i figli che non riescono ad entrare nel lavoro. Ma, dice Giovannini (se non riassumo male): si dovrebbero aiutare i ragazzi e le loro famiglie a investire sulle prospettive di lavoro dei figli, non solo sui loro livelli di consumo.

Il sito che si occupa delle rilevazioni intorno al Benessere equo e sostenibile, realizzato dall’Istato e dal Cnel: Misure del Benessere.

Articoli Correlati

  • 27/05/2009 Fiat voluntas Merkel Sarebbe bello capire esattamente che cosa succede nell'industria dell'automobile. Ma non è facile, perché la sostanza del dibattito sul progetto Fiat-Crysler-Opel è che i fatti nuovissimi avvengono...
  • 08/02/2015 EXPOST Si è anche cercato di capire che cosa resterà dell'EXPO allo Hangar Bicocca, sabato 7 febbraio, dove c'è stato un bello show di ottimismo sulla prossima esposizione universale di Milano. L'ex presi...
  • 19/02/2014 Opera digitale tra regole e mercato. Prosperetti, Nicita. Copyright all’Isimm Il tema del copyright nell'epoca di internet sta finalmente decollando per entrare in un nuovo contesto concettuale. Non più soltanto questioni di principio e "muro contro muro", ma innovazione, ad...
  • 30/11/2012 Notizie imprecise, incomplete, sbagliate. FactChecking.it comincia a prendere forma Notizie imprecise, incomplete, sbagliate. Circolano sui media e solo i più esperti le riconoscono. Altre sono curiose o dubbie e non si sa se sono anche davvero documentate. Altre sono false e gli ...
  • 25/11/2014 Appunti a valle dell’Igf Italia 2014 La governance di internet ha bisogno di un aggiornamento. Lo fanno le compagnie private che ormai governano la gran parte del traffico? O lo fanno i governi sulla base delle loro sensibilità e dell...
  • 29/09/2011 Perché gli italiani non si ribellano. Che altro possono fare… Vorrei dar conto di una discussione che si sta sviluppando intorno a un tema emozionante. Grazie per tutti i commenti che sono stati proposti su questo blog, su Twitter, su Facebook, su Google+. Mi...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>