Enrico Giovannini – Il senso della conoscenza pubblica

Dal 4 agosto del 2008, Enrico Giovannini è presidente dell’Istat. Dice: «Ero a Parigi, a fare il lavoro più bello che possa desiderare. Ma sono tornato in Italia per l’Istat: vuol dire che credo all’Italia…».

Incontrare Giovannini è un piacere per chiunque abbia a cuore il senso della repubblica, di ciò che abbiamo in comune come cittadini, compresa la conoscenza. La sua Istat si è certamente rivitalizzata in termini di ricerca statistica, organizzazione interna, contributo ai media, accessibilità dei dati e innovatività delle iniziative. Il censimento online, 8 milioni di persone che hanno risposto via web, è stata la più grande operazione su internet della storia italiana. Ma a sentirlo parlare, si sente che il suo piacere intellettuale e sentimentale è soprattuto concentrato sul fatto che il censimento è stato un momento nel quale le persone che vivono in Italia si sono sentite insieme.

Ieri sera nel corso di una cena organizzata a Roma in suo onore, Giovannini ha dato un’immagine di quello che vede intorno a sé attraverso i dati (riassumo drasticamente):
1. L’Italia è ufficialmente in recessione
2. L’inflazione è ancora elevata ma si dovrebbe stabilizzare
3. I salari sono fermi
4. La flessibilità non è il problema centrale per chi entra nel mercato del lavoro (sa che la flessibilità è una condizione necessaria)
5. Gli italiani, intervistati su ciò che serve per il benessere, dopo la salute citano “un lavoro per i figli”.

La prospettiva dei figli è il perno di una riforma del sistema italiano. La conservazione delle abitudini attuali sembra forse necessaria proprio ad assistere i figli che non riescono ad entrare nel lavoro. Ma, dice Giovannini (se non riassumo male): si dovrebbero aiutare i ragazzi e le loro famiglie a investire sulle prospettive di lavoro dei figli, non solo sui loro livelli di consumo.

Il sito che si occupa delle rilevazioni intorno al Benessere equo e sostenibile, realizzato dall’Istato e dal Cnel: Misure del Benessere.

  • 20/09/2010 Il sindaco del web Domani alle 18:30, a Roma, c'è Naveen Salvadurai, co-fondatore di Foursquare, Dina Kaplan, co-fondatore di Blip.Tv. Si parla dei media sociali e della geolocalizzazione. Ci sono anche Luca Conti e ...
  • 27/05/2009 Fiat voluntas Merkel Sarebbe bello capire esattamente che cosa succede nell'industria dell'automobile. Ma non è facile, perché la sostanza del dibattito sul progetto Fiat-Crysler-Opel è che i fatti nuovissimi avvengono...
  • 08/02/2015 EXPOST Si è anche cercato di capire che cosa resterà dell'EXPO allo Hangar Bicocca, sabato 7 febbraio, dove c'è stato un bello show di ottimismo sulla prossima esposizione universale di Milano. L'ex presi...
  • 31/03/2018 Il reddito universale di cittadinanza non si fa senza un pensiero. Joi Ito da leggere Chi sia interessato al reddito universale di cittadinanza dovrebbe leggere Joi Ito. Il direttore del Media Lab all'Mit fa una ricognizione razionale del tema e si mostra possibilista sulla sperimen...
  • 30/11/2012 Notizie imprecise, incomplete, sbagliate. FactChecking.it comincia a prendere forma Notizie imprecise, incomplete, sbagliate. Circolano sui media e solo i più esperti le riconoscono. Altre sono curiose o dubbie e non si sa se sono anche davvero documentate. Altre sono false e gli ...
  • 19/02/2014 Opera digitale tra regole e mercato. Prosperetti, Nicita. Copyright all’Isimm Il tema del copyright nell'epoca di internet sta finalmente decollando per entrare in un nuovo contesto concettuale. Non più soltanto questioni di principio e "muro contro muro", ma innovazione, ad...
Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *