Mario Monti. Downsizing expectations: un bagno di realtà

Dal punto di vista della comunicazione politica, il principale risultato dell’ultima settimana è stato un cambio di registro nel fondamentale rapporto tra aspettative e realtà. Il che è sano. E fa bene a tutti.

Il tono del discorso, nel corso della gran parte del primo decennio del terzo millennio, almeno in Italia, è stato orientato a innalzare costantemente le aspettative, a mantenerle alte con una quantità di frasi dense di promesse di benessere materiale, a solleticare i più bassi istinti le più immediate voglie, sollecitando la convinzione che si potessero soddisfare facilmente. Oppure era la costruzione di problemi esagerati, la generazione di paure fittizie, con annessa promessa di soluzione: il caso dell’induzione alla paura dello straniero e della violenza con annessa promessa di maggiore sicurezza, è stato provato da Ilvo Diamanti (citato anche da Michele Polo in Notizie Spa) e ha avuto una straordinaria efficacia. Era la logica della pubblicità. E si rivolgeva ai cittadini come se fossero consumatori.

In tutto questo, era strategico il controllo dell’informazione. Se l’informazione avvalorava una descrizione della realtà corrispondente all’analisi implicita nella “pubblicità” politica, manteneva credibile chi formulava le promesse e sollecitava le aspettative.

Chi vive male, ma ha grandi aspettative e le connette alla presenza di un certo politico, sopporta e crede. La fiction dell’informazione era la storia fittizia in cui la gente viveva. Il sistema di potere restava saldo.

Ma quando la distanza tra aspettative e realtà diventa troppo grande, si genera un’insoddisfazione e una disperazione insopportabile.

L’informazione sulla realtà è arrivata attraverso canali che non erano sotto il controllo del potere. I mercati finanziari. L’Europa. Le reali esperienze quotidiane di milioni di italiani preoccupati da una realtà economica del tutto diversa da quella dipinta dall’informazione ufficiale voluta dal potere.

Il nuovo governo e lo stile del nuovo premier, Mario Monti, hanno prima di tutto avuto l’effetto di abbassare le aspettative rivolgendosi a un pubblico che a quelle aspettative non credeva ormai più. La sua credibilità è stata generata dalla corrispondenza tra la realtà e le aspettative che si potevano ritenere realistiche. L’insoddisfazione per la situazione si è sciolta, almeno un poco e per un poco, nella soddisfazione di veder riconosciute le reali condizioni nelle quali le persone vivono. Le nuove aspettative sono ora più vicine alla possibilità di raggiungerle.

Si guarda improvvisamente alla condizione precedente come si guarda a un sogno, o a un incubo: emozionante ma finito. E si apre una nuova giornata: il primo sentimento è l’emozione che si prova riconoscendo la realtà intorno a noi e le concrete cose da fare subito. Tra poco ci saranno anche le noie, le preoccupazioni e i drammi della vita vera. Si affronteranno con uno spirito più vivo e una mente più lucida. L’ipnosi è finita.

Ma manca ancora una prospettiva. Se non sappiamo bene che cosa faremo domani, perché lo faremo, rischiamo di riaddormentarci e riascoltare sirene e ipnotizzatori.

Bene il downsizing delle aspettative. Ora la roadmap.

Vedi anche:
Sviluppo è modernizzazione
On the roadmap
Dalle macerie alla ricostruzione
Una roadmap per gli italiani

Articoli Correlati

  • 27/08/2010 Wikileaks e trasparenza Da quando Wikileaks ha pubblicato i documenti sull'Afghanistan insieme a Spiegel, Guardian e New York Times, una grande discussione si è sviluppata intorno alle questioni fondamentali della traspar...
  • 30/09/2013 Dopo l’urgenza Se c'è una strategia nella conduzione ventennale della politica di destra in Italia è la concentrazione sulla visione delle elezioni e del conteggio dei voti come unico aspetto che conta. Il che im...
  • 03/04/2013 La scuola può essere cambiata In Italia, 9 milioni di persone vanno a scuola ogni giorno. E' una parte enorme della società. Con il suo funzionamento influenza in modo diretto le vite di milioni di famiglie. In modo indiretto i...
  • 13/02/2011 La letteratura e la piazza Su TehranAvenue un pezzo dedicato valore della letteratura che accompagna la crescita della consapevolezza di un popolo che cerca la sua libertà. Dalla Cecoslovacchia all'Iran. Come nel Risorgiment...
  • 21/02/2012 L’oro del XXI secolo I dati sono una grande ricchezza nell'epoca della conoscenza. E conoscerli meglio è vitale. A partire da chi fa informazione. Un contributo all'educazione ai dati arriva dal primo corso della Data ...
  • 29/05/2009 Felicità condizionata. Festival di Trento Oggi a Trento, il Nobel James Heckman parla di identità. Mario Platero sul Sole lo intervista chiedendogli tra l'altro che cosa pensi dell'economia della felicità. Lui risponde interessato al tema ...

2 Commenti su “Mario Monti. Downsizing expectations: un bagno di realtà

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>