Chiose al fango

Sul Fatto si legge (e si vede in video) che il ministro dell’economia dichiara di non rubare agli italiani. E aggiunge che il suo lavoro si svolge prevalentemente all’estero.

(La segnalazione è frutto di un estremo tentativo di sorridere bonariamente. Ma contemporaneamente ci si accorge che il sorriso è troppo amaro. Verrebbe voglia di satira se non fosse che del fango non se ne può più. E neppure se ne può più dei motivi per i quali tanta gente ci sguazza, nel fango.)

Articoli Correlati

  • 02/01/2011 Svegliati iPhone! Chi ieri sera avesse puntato l'iPhone come sveglia, oggi si sarebbe alzato tardi. La sveglia dell'iPhone non funziona più come al solito: è un baco del sistema. Cupertino promette di rimediare pres...
  • 29/07/2010 La privacy non è il motivo della legge anti-intercettazioni Se il governo italiano fosse molto interessato alla privacy, l'Italia sarebbe tra i paesi che richiedono regole più stringenti alle aziende che raccolgono in rete dati sulle abitudini e le opinioni...
  • 12/02/2012 Corruzione tra privati Oggi sul Corriere, il direttore tornava a ricordare il fatto che in Italia il reato di corruzione tra privati non esiste. Mentre in effetti quel tipo di corruzione esiste eccome. Con effetti devast...
  • 28/03/2009 Unico popolo unico governo Ci si chiede che cosa voglia dire la frase: «siamo l'unico governo possibile oggi in Italia». Soprattutto accanto alla frase: «Popolo ha un significato costituzionale. La Costituzione dà il potere ...
  • 08/10/2010 Stuxnet, allarme sbiadito Se n'è parlato come della prima cyberarma che uno stato occidentale ha usato per attaccare un obiettivo strategico nemico, un centro nucleare iraniano. Ma non ci sono evidenze che Stuxnet fosse eff...
  • 04/02/2012 Basta saperlo… Gmail legge la posta Basta saperlo. Si diceva tempo fa che può stupire, ma Gmail legge algoritmicamente la posta per migliorare il servizio. E gli utenti che lo sanno possono anche essere d'accordo. Ma, appunto, l'impo...

1 Commento su “Chiose al fango

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>