Data commons

Man mano che alcune megapiattaforme concentrano la generazione e il possesso di dati utili a comprendere il comportamento umano e non solo – Google, Facebook, Illumina, ecc – le probabilità di generazione di nuova conoscenza vengono a loro volta privatizzate. Con i soldi che fanno, queste aziende possono anche pagare scienziati di ogni disciplina e farli lavorare sia per pubblicare sia per privatizzare i risultati della ricerca che fanno. La costruzione di grandi commons dei dati, unificando i dati di strutture più settoriali ma comunque in grado di generarne, a partire dalle pubbliche amministrazioni ma non solo, diventa necessaria anche per mantenere la qualità pubblica della scienza. Ma prima di arrivare a questo ragionamento, vale la pena di seguire le osservazioni di Katie Metzler (LSE)

Articoli Correlati

  • 15/06/2015 Nuovi dataset dell’Ocse sulla distribuzione della ricchezza Questa è davvero soltanto una segnalazione. Ma poiché non si fa che discutere di distribuzione (o di concentrazione) della ricchezza vale la pena di sapere che l'Ocse ha distribuito un sistema di d...
  • 09/04/2016 La cura plurale   Salvatore Iaconesi e Oriana Persico hanno costruito uno spazio di meditazione sulla malattia e la cura, la morte e la vita, l'ospedalizzazione e la socializzazione. Dove si vede che ciò...
  • 21/01/2017 La classe dirigente sfiduciata Il concetto stesso di classe dirigente è travolto dalla disperante distanza che si coglie in occidente tra le aspettative e la realtà. È la conseguenza della grande trasformazione che genera ti...
  • 20/07/2014 L’oscurantismo, la ricerca, i diritti umani. E la Commissione alla Camera per i principi dell’Internet Bill of Rights Vale la pena di dedicare attenzione ai lavori della "Commissione di studio promossa dalla Presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini, per elaborare principi e linee guida in tema di garan...
  • 10/08/2013 McAfee: polarizzazione capitale e lavoro L'economista Andrew McAfee discute sulla relazione tra macchine e lavoro a TED. E il suo discorso vale la pena di essere seguito. Perché si risolve non nel luddismo ma nella consapevolezza del fatt...
  • 03/04/2017 Xylella. Anche il CMCC ci sta lavorando Anche il CMCC sta lavorando ad alcuni progetti che devono servire per prevenire e ridurre l'impatto della Xylella fastidiosa sulla coltivazione degli olivi. Modellistica dell'olivo, studio del ...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>