Home » News » Data commons
News ricerche

Data commons

Man mano che alcune megapiattaforme concentrano la generazione e il possesso di dati utili a comprendere il comportamento umano e non solo – Google, Facebook, Illumina, ecc – le probabilità di generazione di nuova conoscenza vengono a loro volta privatizzate. Con i soldi che fanno, queste aziende possono anche pagare scienziati di ogni disciplina e farli lavorare sia per pubblicare sia per privatizzare i risultati della ricerca che fanno. La costruzione di grandi commons dei dati, unificando i dati di strutture più settoriali ma comunque in grado di generarne, a partire dalle pubbliche amministrazioni ma non solo, diventa necessaria anche per mantenere la qualità pubblica della scienza. Ma prima di arrivare a questo ragionamento, vale la pena di seguire le osservazioni di Katie Metzler (LSE)

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video