Power law. E altre leggi scientifiche che dovremmo conoscere meglio secondo Edge

Quest’anno la mia risposta alla domanda di Edge è stata dedicata alla power law, una regolarità statistica che emerge nei sistemi complessi a rete e che mostra una sorta di tendenza alla polarizzazione.

La domanda di Edge di quest’anno è stata concentrata sulla ricerca delle conoscenze scientifiche che dovrebbero essere meglio conosciute. Ne ho scritto su Nòva100:

La scienza è il modo più affidabile per generare conoscenza. È la convinzione della comunità di Edge che ogni anno, da vent’anni, si ritrova intorno al suo storico animatore John Brockman per rispondere a una grande domanda capace di interpretare la contemporaneità. In questo periodo, però, la conoscenza empiricamente provata col metodo scientifico è immersa in una quantità di informazioni di qualità varia e di provenienza imprecisata che sembrano mettere in discussione la credibilità di qualunque convinzione e di ogni consenso intorno all’esperienza pratica della realtà. Sicché ci si può chiedere: la conoscenza scientifica è abbastanza conosciuta? E soprattutto il metodo scientifico è abbastanza riconosciuto come il più affidabile? Per questo, probabilmente, Brockman ha chiesto alla sua comunità di scienziati, ricercatori, intellettuali e interpreti creativi di rispondere a una domanda apparentemente semplice: «Quale concetto scientifico dovrebbe essere più diffusamente conosciuto?». (L’articolo prosegue su Nòva100.)

Categorie:

Articoli Correlati

  • 06/03/2017 Una gabbia dorata Se un servizio online è tanto facile da usare, gratuito, utile, che tutti se ne servono sempre di più, significa che ha intercettato un bisogno e lo ha soddisfatto. Però, una volta che tutti adotti...
  • 03/01/2016 Edge 2016. Quali notizie [scientifiche] lo saranno a lungo?  La domanda che Edge propone ogni anno alla sua rete di ricercatori è un appuntamento con la curiosità disinteressata, la bellezza dell'intelligenza, la vitalità della cultura. John Brockman la pens...
  • 13/01/2013 Edge: la domanda annuale 2013. E’, forse, una risposta all’Economist John Brockman anima di Edge presenta oggi la domanda annuale 2013: di che cosa dovremmo preoccuparci? C'è qualcosa di intrinsecamente umano nella preoccupazione: si tratta forse di una conseguenza ...
  • 23/12/2016 Piattaforme per il factchecking e l’analisi dei fake Polygree conta sulla comunità per valutare la qualità dell'informazione. Questa è la spiega: I vaccini fanno male? C’è veramente mercurio nei tonni? Le energie rinnovabili potranno un giorno s...
  • 11/06/2015 Da Snowden a Cook Edward Snowden ha raccolto i suoi pensieri in un articolo per il New York Times che mostrava quanta strada abbiano fatto le informazioni che ha reso note sulla sorveglianza di massa operata dai ser...
  • 05/02/2017 Che cosa possiamo fare Ecco alcuni articoli recenti che riguardano la questione pratica di che cosa si possa fare di fronte alla montante confusione imperante nell'ecologia dei media che rende difficile sapere come stann...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>