Home » News » Italia scende in classifica sulla banda larga
News perplessità

Italia scende in classifica sulla banda larga

La rincorsa annunciata sulla banda larga italiana non si è ancora concretizzata secondo i dati Akamai:

“Anche per questo trimestre, tutti i paesi EMEA coinvolti nello studio mostrano una crescita esponenziale segnalando variazioni a doppia e tripla cifra anno su anno. L’Italia, in realtà non sta andando benissimo: a fronte di una media di oltre il 20% del totale, registra solo il 8% delle connessioni uguali o superiori ai 15 Mbps. Nella classifica mondiale scende dalla 48esima alla 51esima posizione, mentre a livello EMEA scende alla 28esima (era 27esima nel Q2 2016) con un aumento del 138% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (Q3 2015). Nel nostro paese, Telecom Italia e Fastweb hanno annunciato una partnership per la costruzione di una rete fiber to home con un investimento di 1,2 miliardi di euro per raggiungere 3 milioni di abitazioni in 29 città. Implementazione che dovrebbe essere completata entro il 2020.”

Per questo genere di cose che richiedono tempi lunghi e intelligenti quanto grandi investimenti, vale la pena di abbassare i toni della comunicazione, per non esagerare le aspettative, e lavorare in modo tale da intestare il merito non a un unico centro di potere ma a tutta l’Italia che contribuisce nel tempo alla modernizzazione infrastrutturale. Vista storicamente la durata dei governi, insomma, le opere che durano più di loro dovrebbero essere fatte per gli italiani e non per coloro che le annunciano. Altrimenti non si fanno mai. Imho.

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video