Italia scende in classifica sulla banda larga

La rincorsa annunciata sulla banda larga italiana non si è ancora concretizzata secondo i dati Akamai:

“Anche per questo trimestre, tutti i paesi EMEA coinvolti nello studio mostrano una crescita esponenziale segnalando variazioni a doppia e tripla cifra anno su anno. L’Italia, in realtà non sta andando benissimo: a fronte di una media di oltre il 20% del totale, registra solo il 8% delle connessioni uguali o superiori ai 15 Mbps. Nella classifica mondiale scende dalla 48esima alla 51esima posizione, mentre a livello EMEA scende alla 28esima (era 27esima nel Q2 2016) con un aumento del 138% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (Q3 2015). Nel nostro paese, Telecom Italia e Fastweb hanno annunciato una partnership per la costruzione di una rete fiber to home con un investimento di 1,2 miliardi di euro per raggiungere 3 milioni di abitazioni in 29 città. Implementazione che dovrebbe essere completata entro il 2020.”

Per questo genere di cose che richiedono tempi lunghi e intelligenti quanto grandi investimenti, vale la pena di abbassare i toni della comunicazione, per non esagerare le aspettative, e lavorare in modo tale da intestare il merito non a un unico centro di potere ma a tutta l’Italia che contribuisce nel tempo alla modernizzazione infrastrutturale. Vista storicamente la durata dei governi, insomma, le opere che durano più di loro dovrebbero essere fatte per gli italiani e non per coloro che le annunciano. Altrimenti non si fanno mai. Imho.

Articoli Correlati

  • 08/12/2011 Esauriti dalla (necessaria) regolamentazione delle telecomunicazioni Ancora una volta ci si trova davanti a una decisione che lo Stato deve prendere sulle regole che governano le telecomunicazioni. Si tratta della forma che avrà la concorrenza nel caso si faccia la...
  • 05/02/2016 Semplici parole sull’informazione senza critica. Vale per i food media e tutti gli altri Un articolo di Chris Schonberger e Justin Bolois parla dei food media. Ma vale per tutti i sistemi di informazione, in un modo o in un altro, che abbiano nella pubblicità e nelle relazioni con le p...
  • 16/12/2009 Il senso delle misure Dice il ministro Maroni che sono allo studio "misure" per limitare l'uso violento di internet. Gli hanno già risposto altri politici: le norme ci sono già, vanno fatte rispettare. Introdurre norme ...
  • 29/03/2015 Poggiani e poi Alessandra Poggiani si dimette dall'Agid e si candida in Veneto. Le motivazioni personali non si discutono. Le spiegazioni pubbliche si accavallano. E contraddicono. «Ho ritenuto che la par...
  • 31/03/2016 Dove va la Telecom Italia? Mentre arriva il nuovo ad Flavio Cattaneo che risponde al raider Vincent Bolloré, resta il presidente Giuseppe Recchi che sa parlare con tutti compreso il governo italiano e che è stato presidente ...
  • 29/11/2011 Dov’è l’Agenda digitale del governo? Con la scelta dei sottosegretari si è conclusa la formazione del nuovo governo (Sole). E non c'è nessuno cui sia stato affidato il compito di gestire l'agenda digitale italiana. È una sorpresa. Non...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>