Istat: la “fruizione” della cultura nel contesto digitale

books

Oggi, nel quadro del grande convegno dell’Istat – La Società italiana e le grandi crisi economiche 1929-2016 – c’è anche un convegno sulla qualità della cultura. Tra le 14:00 e le 17:00 alla Facoltà di Economia della Sapienza Università di Roma, Via del Castro Laurenziano, 9.

Questa crisi non è un periodo che termina con il ritorno alla crescita. Questo periodo è un periodo di trasformazione che termina quando ci saremo adattati. Nella dinamica culturale questo adattamento parte dalla presa di coscienza dei cambiamenti strutturali che sono intervenuti. L’avvento del digitale non è il futuro ma il passato. Il 98% dell’informazione registrata, nel mondo, oggi, secondo Martin Hilbert è registrata in formato digitale. Questo ha cambiato l’equilibrio tra le risorse: non è più scarso lo spazio per pubblicare, ma il tempo, l’attenzione, la rilevanza. La crisi del discernimento è provata, la disinformazione è studiata, la crescita delle eco-chamber è definita. Se emerge un bisogno crescente di qualità dell’informazione, quale può essere il percorso per soddisfarlo? Forse non si tratta “fruire” della cultura: ma di vivere appieno la dimensione culturale.

Ecco il programma:

LA FRUIZIONE DI CULTURA TRA VECCHIE E NUOVE TECNOLOGIE
Chair: Saverio Gazzelloni | Istat

Tra il lusco e il brusco
Alberto Abruzzese | Università IULM di Milano

Metamorfosi negli apprendimenti
Roberto Maragliano | Università degli studi Roma Tre

Stili di fruizione culturale in Italia. Il contributo informativo delle indagini Istat
Isabella Mingo | Sapienza Università di Roma

Libri e lettura fra carta e digitale
Gino Roncaglia | Università della Tuscia

La lettura di libri tra passato e presente
Miria Savioli | Istat

Alla ricerca della qualità
Luca De Biase | Il Sole 24 ore

La tv italiana e l’on demand: lo sbarco dei grandi player internazionali ed i nuovi equilibri del settore audiovisivo
Stefano Zuliani | Esperto di audiovisivi

Vedi anche:
Qualità dell’informazione come progetto
Idee che rimbalzano da quindici anni. E che possono essere ormai mature: da internet delle cose a qualità dell’informazione
L’editoria di fronte al picco dell’attenzione. Il nuovo modello richiede qualità e tecnologia

Articoli Correlati

  • 29/05/2016 Videogiochi a Pistoia Oggi a Pistoia per il magnifico festival dell'antropologia contemporanea: Dialoghi sull'uomo. Questi sono gli appunti per un intervento sui videogiochi nell'infosfera: I videogiochi sono i gioch...
  • 18/08/2016 Meglio wifi o 3G? Risposta ovvia Una ricerca di OpenSignal mostra lo stato delle connessioni mobili nel mondo. L'Italia ha una posizione medio-alta in classifica sotto molti profili. Più medio che alta. La Corea del Sud è inarriva...
  • 21/01/2017 La classe dirigente sfiduciata Il concetto stesso di classe dirigente è travolto dalla disperante distanza che si coglie in occidente tra le aspettative e la realtà. È la conseguenza della grande trasformazione che genera ti...
  • 16/07/2015 Le ipotesi ostinate Interessante sintesi di esperienza sull'evoluzione dei modi di lavorare e di parecchie altre dinamiche sociali su Segnali di Futuro. Per esempio: Ipotesi 3: Lavoro e civismo non sono più ...
  • 16/08/2016 Un libro al giorno, leva il medico di torno. Dicono a Yale. La dieta mediatica sana ha effetto Avni Bavishi, Martin D. Slade, Becca R. Levy di Yale hanno pubblicato "A chapter a day: Association of book reading with longevity" un articolo (a pagamento) che dà conto della loro ricerca sulla r...
  • 19/01/2015 Edge 2015 e le macchine pensanti La domanda di Edge di quest'anno è: che cosa pensi delle macchine che pensano? Domanda che tenta di impostare la discussione in modo da superare il pregiudizio (tecnocentrico o luddista). E che ha ...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>