Home » News » Istat: la “fruizione” della cultura nel contesto digitale
News partecipazione ricerche

Istat: la “fruizione” della cultura nel contesto digitale

books

Oggi, nel quadro del grande convegno dell’Istat – La Società italiana e le grandi crisi economiche 1929-2016 – c’è anche un convegno sulla qualità della cultura. Tra le 14:00 e le 17:00 alla Facoltà di Economia della Sapienza Università di Roma, Via del Castro Laurenziano, 9.

Questa crisi non è un periodo che termina con il ritorno alla crescita. Questo periodo è un periodo di trasformazione che termina quando ci saremo adattati. Nella dinamica culturale questo adattamento parte dalla presa di coscienza dei cambiamenti strutturali che sono intervenuti. L’avvento del digitale non è il futuro ma il passato. Il 98% dell’informazione registrata, nel mondo, oggi, secondo Martin Hilbert è registrata in formato digitale. Questo ha cambiato l’equilibrio tra le risorse: non è più scarso lo spazio per pubblicare, ma il tempo, l’attenzione, la rilevanza. La crisi del discernimento è provata, la disinformazione è studiata, la crescita delle eco-chamber è definita. Se emerge un bisogno crescente di qualità dell’informazione, quale può essere il percorso per soddisfarlo? Forse non si tratta “fruire” della cultura: ma di vivere appieno la dimensione culturale.

Ecco il programma:

LA FRUIZIONE DI CULTURA TRA VECCHIE E NUOVE TECNOLOGIE
Chair: Saverio Gazzelloni | Istat

Tra il lusco e il brusco
Alberto Abruzzese | Università IULM di Milano

Metamorfosi negli apprendimenti
Roberto Maragliano | Università degli studi Roma Tre

Stili di fruizione culturale in Italia. Il contributo informativo delle indagini Istat
Isabella Mingo | Sapienza Università di Roma

Libri e lettura fra carta e digitale
Gino Roncaglia | Università della Tuscia

La lettura di libri tra passato e presente
Miria Savioli | Istat

Alla ricerca della qualità
Luca De Biase | Il Sole 24 ore

La tv italiana e l’on demand: lo sbarco dei grandi player internazionali ed i nuovi equilibri del settore audiovisivo
Stefano Zuliani | Esperto di audiovisivi

Vedi anche:
Qualità dell’informazione come progetto
Idee che rimbalzano da quindici anni. E che possono essere ormai mature: da internet delle cose a qualità dell’informazione
L’editoria di fronte al picco dell’attenzione. Il nuovo modello richiede qualità e tecnologia

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video