Khaled Fouad Allam e il senso

Khaled Fouad Allam scrive un saggio da leggere. La sua bella cultura aperta ai diversi punti di vista arricchisce per tutto il suo “Jihadista della porta accanto“. Compresi alcuni passaggi sulla realtà dell’infosfera: il senso della storia serve al senso del futuro. Ecco alcuni passaggi.

libro-allam«Internet, nell’uso che ne fanno i militanti dell’islam politico, consiste in una strategia della manipolazione del consenso. Ma questo consenso è reso possibile perché, negli anni passati, le stesse televisioni satellitari hanno preparato il terreno a un cambiamento di vedute delle popolazioni. La rete radicalizza un terreno già fertile a questo fenomeno».

«Ma internet non è soltanto uno strumento tecnologico in sé. Agisce, ad esempio, sulle modalità attraverso cui si definisce un concetto, si evidenzia una problematica. Semplicemente perché, essendo una rete fra le reti, inventa una modalità di linguaggio digitale, elettronico, che mette a confronto l’oralità con la scrittura, modificando così tutte le tecniche d’approccio».

«Fu Barthes, nella celebre lezione inaugurale al Collège de France, il 7 gennaio 1977 ad affermare: “La lingua come performance di ogni linguaggio, non è né reazionaria né progressista; è semplicemente fascista; il fascismo infatti non è impedire di dire ma obbligare a dire”. Filippo La Porta, in un suo studio, mette bene in evidenza che l’affermazione di Roland Barthes, in realtà, partiva da un’intuizione del linguista Roman Jakobson (…). Jakobson lo ha dimostrato, un idioma viene definito meno da ciò che permette di dire che da ciò che obbliga a dire”. Il linguista russo aveva infatti scritto che “le lingue differiscono essenzialmente in ciò che devono esprimere e non in ciò che possono esprimere”».

Articoli Correlati

  • 11/10/2015 Martel e l’eterogeneità della rete È davvero superata l'epoca della globalizzazione per via internettiana. Quella annunciata, sbagliando dalla giornalista dell'Economist Frances Cairncross nel suo libro Death of distance nel lontano...
  • 18/04/2017 Guest post. “Come saremo” recensito da Elena Lamberti. Grazie! Elena Lamberti, grande esperta di ecologia dei media, è stata così gentile da partecipare alla presentazione di Come saremo al Festival del giornalismo di Perugia. E con l'occasione ha riflettuto s...
  • 08/10/2017 Due scenari per il lavoro del futuro Sono passati quasi vent’anni dalla pubblicazione de “Il lavoro nell’epoca della fine del lavoro” di Ulrich Beck. Il sottotitolo dell’edizione italiana curata da Einaudi era “Tramonto delle sicurezz...
  • 23/08/2017 Media ecology. Una definizione di ecologia del media. Di Lance Strate Lance Strate, della Fordham University, ha scritto la voce "media ecology" per la nuova International Encyclopedia of Communication Theory and Philosophy. Ecco un breve riassunto. L'ecologia dei...
  • 19/06/2015 L’analogia tra Hofstadter e Sander Un libro meraviglioso. Da esplorare. Che mette di buon umore per la sua intelligenza sopraffina, l'umiltà, l'ironia dei ricercatori. Douglas Hofstadter e Emmanuel Sander hanno scritto due libri ...
  • 14/06/2015 Design per l’innovazione sociale Il libro di Ezio Manzini, "Design, When Everybody Designs. An Introduction for Social Innovation" (Mit Press 2015), è una grande visione che incoraggia chi si sta impegnando nella ridefinizione del...

1 Commento su “Khaled Fouad Allam e il senso

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>