Perché le città potrebbero liberarsi dalle automobili

La città è un acceleratore dell’innovazione, da sempre, ma se cresce male può frenare ogni cambiamento. Un tema centrale, senza troppe sorprese alla fine, è il sistema dei collegamenti.

Abbiamo vissuto cinquant’anni di riorganizzazione delle città intorno alle auto. In Italia è stato particolarmente insensato. Ma in molte città del mondo ci si è accorti che è tempo di rifare le città per i pedoni e le bici. Ecco una presentazione di Alexander Ståhle per raccogliere gli argomenti contro l’automobile in città. Una citazione (slide 15) vale la pena di essere notata: «una città sviluppata non è una città nella quale i poveri vanno in automobile, ma una città nella quale i ricchi si muovono usando i mezzi pubblici». (La presentazione è ottima. Peraltro c’è anche una foto che si fa notare per un aspetto paradossale…).

(Non è paradossale la foto – la slide numero 20 – con la scala mobile per andare alla palestra a fare “steps”? Ne parlava Vivek giusto una settimana fa, circa).

Nel frattempo tra auto che si guidano da sole, applicazioni che riorganizzano i passaggi a pagamento facendo infuriare i taxisti, carsharing e tutte le nuove idee per il trasporto pubblico la struttura delle prossimità in città sta per cambiare radicalmente. È un bene.

Comments

One Comment so far. Leave a comment below.
  1. zil,

    Sapete che soltanto il 54% dei viaggiatori europei allaccia le cinture quando siede sui sedili posteriori dell’auto, nonostante il codice della strada lo imponga? L’ho scoperto sull’ultimo numero di Focus!

Add Your Comments

Disclaimer
Your email is never published nor shared.
Required
Required
Tips

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <ol> <ul> <li> <strong>

Ready?