L’India secondo Vivek Wadhwa

Vivek Wadhwa, Singularity University e Stanford, ha scritto un pezzo sulla nuova India che potrebbe emergere dalle elezioni che hanno cambiato radicalmente la politica della gigantesca democrazia asiatica. E ci dà il permesso di tradurlo.

Come dimostra il terremoto politico appena avvenuto, gli Indiani non sopportano più un governo inerte e corrotto. Vogliono responsabilità, istruzione migliore, prosperità. E le vogliono subito.

Le soluzioni sostenute dalla tecnologia sono la sola strada che il nuovo governo può percorrere per migliorare rapidamente le condizioni della sua popolazione. I grandiosi programmi governativi e il welfare avrebbero bisogno di troppo tempo. Decine di milioni di bambini ricevono un’educazione inferiore a uno standard accettabile o non ne ricevono affatto. Ci vorranno anni per addestrare nuovi insegnanti e costruire scuole: in quel modo una intera generazione sarebbe perduta. La sola soluzione pratica è utilizzare insegnanti digitali con l’aiuto delle Ngo in modo che le comunità possano migliorare le loro condizioni rapidamente.

Può sembrare il sogno utopistico di un professore di Silicon Valley. Ma potrebbe essere una realtà. Le linee fisse erano un tempo scarse, inefficienti e troppo costose. Oggi, l’India ha uno dei sistemi di connessione migliori e meno costosi del mondo. E un miliardo di telefoni cellulari.

Opportunità importanti si aprono grazie all’evoluzione dei telefonini in slartphone, che offrono accesso a internet e alle applicazioni, mentre i tablet diventano poco costosi come i telefoni. Quasi tutta l’India oggi ha reti 3G e 4G dal prezzo accettabile. Questo significa che le masse indiane avranno presto accesso agli stessi strumenti e alle medesime conoscenze che oggi sono disponibili all’élite di Silicon Valley. Possono guardare i video su YouTube, visitare siti web, scaricare apps e connettersi a persone in tutto il mondo. Possono trovare soluzioni collaborative in rete e accelerare la trasformazione sociale.

Per migliorare il suo sistema educativo l’Uruguay ha avviato nel 2008 un ambizioso programma per dare un laptop a ogni bambino. Secondo Miguel Brechner, che è responsabile del progetto, internet e il computer si è mutato da privilegio in diritto. Ha consentito a tutti i bambini di avere una educazione di base, anche in regioni dove gli insegnanti scarseggiano. I bambini in Uruguay scrivono software e creano apps. Questo e di più potrebbe accadere in India.

Il progetto Aakash, in India, ha avuto un avvio veloce ma ha portato alla produzione di tablet poco costosi che sono usati dai bambini a Silicon Valley. I bambini americani amano molto i tablet fatti in India. Questi tablet che hanno la potenza dell’iPad originario possono essere prodotti in grandi quantità in India per meno di 3000 rupie, secondo Datawind, che produce i tablet Aakash originali. I prezzi continueranno a scendere e le funzionalità a migliorare. Ci sono migliaia di apps disponibili in grado di insegnare materie come storia, geografia, musica, matematica, scienza. L’insegnante digitale del futuro può offrire un’educazione di qualità uguale per i ricchi e per i poveri.

La popolazione indiana può anche aiutare a combattere la corruzione. Per facilitare la documentazione e la denuncia della corruzione, hanno bisogno del sostegno del governo, con soluzioni gestite da privati come Ipadabribe.com e di apps per smartphone. L’e-government deve essere implementato a livello statale e regionale. Tutte le gare di appalto e acquisto pubbliche, i bilanci pubblici, i controlli, devono essere trasparenti e disponibili immediatamente per il pubblico via internet. Il welfare dovrebbe essere distribuito direttamente ai beneficiari attraverso i loro numeri Aadhar usando sistemi sicuri. Compagnie come la Quantta di Kolkate usano analisi sofisticate dei dati per trovare modelli e tendenze nei comportamenti commerciali. Le loro tecnologie possono essere adattate per il monitoraggio dei dati pubblici e denunciare corruzione e abusi. La chiave è l’automazione dei processi di acquisto pubblici, tagliando fuori tutti i passaggi intermedi nei quali si annida la corruzione; ridurre la burocrazia; eliminare le asimmetrie informative.

Migliorando la tecnologia si può anche migliorare la sanità pubblica. Le principali cause di malattia in India sono collegate a virus che si trovano nell’acqua. Una tecnologia che viene dal Cile può aiutare a risolvere il problema. L’Advanced Innovation Center ha sviluppato un sistema che converte l’acqua in uno stato di plasma ed elimina i contenuti microbiologici. È stata provata dalla principale autorità americana, la Nsf International, e ha superato i più severi standard della Nsf uccidendo il 100% dei batteri e dei virus. Le unità di questi sistemi di pulizia dell’acqua che consumano meno energia di un asciugacapelli costano 500 dollari se prodotti in larga scala. La tecnologia verrà distribuita in Sudamerica quest’anno e potrebbe essere portata anche in India.

Del resto, quello che manca in India è la conoscenza della prevenzione e della cura delle malattie. Usando smartphone e tablet, tutti possono ricevere informazioni sulla medicina, visitare forum di discussione sulla salute, imparare da altri che hanno gli stessi sintomi. Gli abitanti dei villaggi in zone remote dell’India possono cercare aiuto dai dottori che si trovano in qualunque parte del mondo.

La tecnologia ha abbattuto le barriere e le stesse innovazioni che stanno spingendo l’America sono disponibili per l’India. Il nuovo governo deve dare priorità all’infrastruttura tecnologica per reinventare l’India.

Trackbacks

One Trackback

Add Your Comments

Disclaimer
Your email is never published nor shared.
Required
Required
Tips

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <ol> <ul> <li> <strong>

Ready?