Salute, bugie, propaganda e qualità dell’informazione

Salvo Di Grazia scrive Medbunker, blog di informazione sulla salute. Il suo libro “Salute e bugie” esce in tempo per cogliere ancora nell’aria la vicenda Stamina. Il libro è una miniera di casi, inchieste e fatti.

libro-digrazia

La qualità dell’informazione sulla salute e la medicina è un valore di primaria importanza, ovviamente. Ma in un paese predisposto a credere ai “maghi” e nel quale per trent’anni ha affidato alla chiacchiera televisiva più che all’approfondimento scientifico la generazione di opinioni, si è creato un ottimo terreno di coltura per il business di vari ciarlatani che propongono le cure inutili o fasulle alle quali allude il sottotitolo di Di Grazia.

Se tutto è opinione e ogni pensiero viene valutato nella chiave dell’interesse o del fazionismo, anche le notizie critiche sulle cure più o meno estemporanee che vengono fuori appaiono semplicemente delle opinioni come le altre, anche se provengono da scienziati di valore mondiale. Se chi fa informazione non studia e non si fa un’idea propria, metodologicamente trasparente e indipendente, ma si limita a “sentire tutte le campane”, il pubblico tende a pensare che qualunque opinione in fondo valga quanto un’altra, oppure si schiera col suo “partito”. Se poi chi manipola l’informazione riesce a far credere che un’opinione è quella che è sostenuta dalla “pancia del popolo” i media “popolari” non si azzardano a contrastarla.

Temi ben noti in politica. E che però quando arrivano alla medicina diventano inaccettabili. Del resto, contaminando tutto di interesse e fazionismo, si finisce col generare depressione e sconcerto in qualuque materia. Il metodo con il quale si genera l’informazione è più importante dello schieramento al quale l’informazione fa piacere.

Articoli Correlati

  • 03/03/2012 L’equilibrio del copyright Il diritto d'autore è un monopolio concesso in deroga alla libera concorrenza per valorizzare il lavoro di chi crea nuova conoscenza e ha assunto le forme oggi note per motivi legati a un modello d...
  • 18/12/2011 Scrittori – Midnight in Paris Uno scrittore deve essere sincero con se stesso.Non importa tanto di che cosa scriva. Importa che la storia sia bella. Ed è bella se viene dalla vita vera e se i personaggi «mostrano coraggio e gr...
  • 06/02/2011 Libri per passione – Cervello, felicità, domani Alva Noë. Sulla scorta delle nuove opportunità tecnologiche che consentono di leggere l'attività cerebrale come mai in precedenza si era sognato di poter fare, la teoria della coscienza è stat...
  • 16/05/2010 BookBlogging – LIBERTA’ – De Caro, Lavazza, Sartori L'inquietante eterna domanda sul libero arbitrio. In chiave neuroscientifica.Da tempo immemorabile, qualcuno si domanda: "Se la divinità è onnisciente, dunque conosce anche ciò che ogni singolo ind...
  • 10/07/2011 Le piazze del sapere – Il deserto culturale e l’economia cognitiva «Il deserto culturale è, nel lungo periodo, fatale per il sistema-paese».Antonella Agnoli, progettista di spazi pubblici per la cultura: Le piazze del sapere. Biblioteche e libertà, Laterza 2009.«N...
  • 11/03/2012 Libri in assaggio – CREATE! – Mirko Pallera Mirko Pallera si è divertito a scrivere questo libro di provocazioni intellettuali e idee pratiche che va oltre il marketing virale e si addentra nelle sue premesse teoriche e antropologiche. Legge...

4 Commenti su “Salute, bugie, propaganda e qualità dell’informazione

  1. The problem with health information is much simpler: interested money affecting research through funding, news through advertising and doctors with trip to exotic conferences and other sleazy perks.

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>