Washington Trust

Una chiosa sulla lettera di Jeff Bezos sulla sua decisione di acquistare la Washington Post.

A un certo punto dice:

The values of The Post do not need changing. The paper’s duty will remain to its readers and not to the private interests of its owners. We will continue to follow the truth wherever it leads, and we’ll work hard not to make mistakes. When we do, we will own up to them quickly and completely.

E’ un passaggio che a mente fredda fa pensare a come si ascoltano e si interpretano frasi del genere in diversi contesti.

Fosse successo in Italia, per esempio, forse l’ascolto di una frase del genere verrebbe ammorbato di cinismo. E probabilmente non senza motivo.

Sicché perderemmo la bellezza e l’eleganza di una affermazione fondamentale sui valori del giornalismo, l’ingenuità di ritenerli possibili, la speranza di poterli affermare e sviluppare. Senza questi momenti in cui si ha fiducia, non si può innovare ciò che va innovato e distinguerlo da ciò che deve restare.

E’ bello sapere però che da qualche parte nel mondo anche un miliardario può scrivere una frase del genere ed essere ritenuto innocente fino alla prova del contrario. Sapendo che quando dovesse arrivare, quella prova del contrario, la fiducia in lui sarebbe irrimediabilmente compromessa. Sapendo dunque che lui, proprio lui, si prende una responsabilità: e rischia i suoi soldi, la sua credibilità, la sua reputazione. Nessuno, in America, è tanto sciocco da non vedere il rischio che Bezos si prende su tutta la linea. Ma molti, almeno all’inizio, gli offrono un giudizio aperto perché possa avere una chance di successo.

Articoli Correlati

  • 02/04/2011 Editoria: crisi particolare e trasformazione generale Ma come si fa a parlare di crisi dell'editoria se non cessano di nascere nuove iniziative intriganti che cercano di servire l'ecosistema dell'informazione? Vediamo come andrà The Daily Dot. Ne parl...
  • 08/11/2011 L’Accademia del mobile Tempo fa intervistando Jeff Bezos - Amazon - gli ricordavo il tempo in cui diceva che una cosa che cresce del 3.000% è destinata a essere grossa. Quella sua frase vagamente truista era del 1994. Ma...
  • 21/03/2012 Informazione di mutuo soccorso L'innovazione può essere di sinistra e di destra. La protezione del posto fisso è stata a lungo di sinistra ed è stata conquistata dai lavoratori al termine dell'epoca d'oro dell'industrializzazion...
  • 23/10/2010 Giornali di qualità Mettendo insieme giornali e qualità si scopre che il problema è anche di punto di vista. Che cos'è un giornale di qualità, supposto che ormai sappiamo che il giornale non è la sua carta? Dipende in...
  • 31/01/2011 Jeff Bezos Divertente, Jeff Bezos. Si sapeva, ma una verifica di persona non fa certo male. L'ho incontrato, insieme a Diego Piacentini, a Milano, dove era in visita pastorale, dopo l'apertura di Amazon.it (n...
  • 01/12/2009 Murdoch si contraddice (anzi, no) Murdoch si contraddice sempre su internet. Come si diceva. E lo fa notare Jeff con una bella lettura comparata di Murdoch 2005 e Murdoch 2009.Il fatto è che Murdoch non è molto interessato alle din...

3 Commenti su “Washington Trust

  1. E’ forse ancora più significativa per la libertà e pluralità dei media la scelta da parte di Amazon di supportare Web Apps nel suo app Store.

    http://techcrunch.com/2013/08/07/amazon-appstore-now-open-to-web-apps-with-one-click-in-app-purchases-in-tow/?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+Techcrunch+(TechCrunch)

    Diventa un importante passo che rende plausibile la possibilità che nei prossimi anni i cittadini possano accedere sulla TV pienamente e liberamente a siti e App Web di ultima generazione, in modo che si possa vedere anche nell’audiovisivo, quella disintermediazione che si é affermata nelle news testuali per mezzo dei Blog su PC e smartphone; ed evitare che nuovi gatekeeper si sostituiscano ai vecchi.

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>