Numeri per sentito dire

Ho registrato alcune suggestive statistiche che mi sono arrivate da persone autorevoli e che stimo, ma proprio perché riportate a voce velocemente non hanno una fonte. Quindi se per caso ci fosse qualche commentatore disposto ad aiutarmi a verificarle, sarei molto contento e grato.

Ecco queste statistiche senza numeri e in cerca di verifica.

Gli italiani vendono più mobili all’Ikea di quanti ne comprino dall’Ikea.

I biglietti del Louvre venduti a italiani costituiscono un fatturato più grande di tutto il fatturato di tutti i musei italiani.

Il Moma di New York ha più visitatori di tutti i musei italiani messi insieme.

L’Eataly di New York ha più visitatori del Moma.

Ripeto: le persone che mi hanno detto queste cose sono affidabili. Chissà se qualcuno conosce i numeri esatti e le fonti di queste suggestive informazioni..

Articoli Correlati

  • 10/06/2012 Il pubblico del web in Italia: più tempo e meno pagine I dati Audiweb di aprile segnalano come al solito crescita sostenuta in un contesto mediatico molto complicato. Ma un dato si conferma piuttosto interessante: il pubblico aumenta il tempo che passa...
  • 28/08/2013 Numeri sociali Questa infografica contiene qualche numero impressionante: più di un quarto del tempo che la gente passa online è su un social network; la coorte demografica che cresce di più su Twitter è 55-64 an...
  • 05/09/2011 Ahref propone Timu: per fare squadra nell’informazione civile Sarebbe bello se ci fosse un modo per condividere informazioni senza cedere i contenuti alle piattaforme che usiamo, se l'indirizzo sul quale pubblichiamo restasse di nostra proprietà, se il metodo...
  • 02/04/2013 Come prendersi il tempo per imparare qualcosa sulla gestione del tempo Non è che queste cose non si sappiano. Piccole cose, certo. Ma mi sono accorto che vale la pena di pensarci un attimo quando ho provato un'indicibile soddisfazione nel momento in cui ho cominciato ...
  • 27/08/2010 Wikileaks e trasparenza Da quando Wikileaks ha pubblicato i documenti sull'Afghanistan insieme a Spiegel, Guardian e New York Times, una grande discussione si è sviluppata intorno alle questioni fondamentali della traspar...
  • 05/01/2015 Contro la diffamazione: e contro una legge che fa confusione Ho firmato una petizione per chiedere ai parlamentari e al Capo dello Stato di fermare l'approvazione della nuova legge sulla diffamazione. Non mi importa molto delle sanzioni che cambiano: tolgono...

8 Commenti su “Numeri per sentito dire

  1. Il Moma di NY, stando a Wikipedia, ha 5 milioni di visitatori all’anno (la pagina in inglese dedicata al Moma riporta tuttavia 2,5 milioni all’anno), mentre il NT Times riporta 6 mil di visitatori per l’edizione 2011 di Eataly e 7 mil per quella del 2012.
    Quanto all’affermazione secondo cui il Moma attrarrebbe più visitatori di tutti i musei italiani messi assieme è sicuramente errata se è vero la Galleria degli Uffizi, sempre secondo Wikipedia, viene visitata da circa 2,9 mil di persone ogni anno e Palazzo Ducale ne ospita 2,3 (sempre da Wikipedia).
    I dati pubblicati su Wikipedia sono reperiti da The Art Newspaper, specificatamente dal report “Exhibition&museum attendance figures 2011″, consultabile qui.

  2. “Il Moma di New York ha più visitatori di tutti i musei italiani messi insieme.”

    Indagine veloce con google:

    Da qui:
    http://www.statistica.beniculturali.it/Visitatori_e_introiti_musei_11.htm sembrerebbe che i visitatori dei musei italiani nel 2011 siano stati quasi 11 milioni (http://www.statistica.beniculturali.it/rilevazioni/musei/Anno%202011/MUSEI_TAVOLA1_2011.xls)

    Da qui http://www.bloomberg.com/news/2012-01-12/moma-attendance-falls-met-museum-rises-driven-by-blockbusters.html sembra che il Moma non abbia superato i 3,5 milioni / anno.

    Piergiorgio

  3. 1) Su IKEA: alla pagina ufficiale del gruppo http://www.ikea.com/ms/en_US/about_ikea/facts_and_figures/ i dati 2009 dicono che le vendite in Italia sono pari al 7% (del fatturato), mentre gli acquisti da fornitori italiani sono pari all’8% (del totale degli acquisti).
    2) Su Eataly New York. Secondo Joseph Bastianich, uno degli investitori insieme allo chef Batali (http://www.nytimes.com/2012/08/29/dining/eataly-exceeds-revenue-predictions.html) sono 7 milioni i visitatori nel secondo anno di attività (dati 2011/2012). Secondo l’inchiesta di The Art Newspaper – http://www.theartnewspaper.com/attfig/attfig11.pdf (pag. 37) – il MOMA nel 2011 ha registrato 2.814.746 visitatori.
    3) Il dato 2011 sul MOMA ci permette anche di smentire che esso abbia più visitatori di tutti i musei italiani messi insieme. Infatti nel 2011, secondo i dati ufficiali SISTAN – http://www.statistica.beniculturali.it/ – i musei vaticani da soli (primo museo italiano) fanno contare 5.078.004 visitatori nel 2011.
    4) Secondo i dati del ministero dei Beni Culturali, nel 2011, a fronte di circa 40 milioni di visitatori, i 424 istituti statali (tra quelli a pagamento e quelli gratuiti) hanno realizzato circa 110 milioni di euro lordi (al lordo dell’eventuale aggio spettante al concessionario del servizio biglietteria, ove presente). L’agenzia Bloomberg (http://www.bloomberg.com/news/2013-04-03/france-names-jean-luc-martinez-as-new-chief-of-louvre.html) invece ci informa che il Louvre nel 2011 ha generato 94 milioni di euro di fatturato ai quali si aggiungono 116 milioni di euro di sovvenzioni statali (quindi le entrate sono meno di quelle del totale dei musei italiani, anche se di poco). Questo dato serve anche a smentire che i biglietti del Louvre venduti a italiani costituiscono un fatturato più grande di tutto il fatturato di tutti i musei italiani.

    Per concludere, durata della ricerca: 30 minuti. Ma ho saltato la merenda ;)

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>