Mozilla: per internet come bene comune

La storia di internet è segnata in modo fondamentale dal fatto che il protocollo ip, il codice che gestisce l’ipertesto e altre tecnologie di base della rete sono neutrali rispetto ai dati che vi girano e sono di pubblico dominio, non proprietari.

Ma tra le grandi innovazioni che internet ha consentito, in parte, ci sono quelle disegnate dalle grandi piattaforme private. Il che è più che legittimo.

Il problema è che qualcuno può altrettanto legittimamente preoccuparsi che il successo inarrestabile di alcune di queste piattaforme private arrivi a occupare quasi completamente la rete e la consapevolezza degli utenti. Rendendo meno attenti gli internettiani nei confronti della neutralità e della manutenzione dell’internet come bene comune.

Mozilla è leader tra le molte iniziative non profit che si propongono di coltivare e manutenere la dimensione di internet come bene comune. La sua strategia innovativa consiste nel produrre tecnologie che “seguono” quelle dei privati ma le riproducono in formato aperto, neutrale e non proprietario. Lo spiega Aza Raskin in The future of Mozilla: fast second follow.

Articoli Correlati

  • 15/02/2015 Orgoglio docente «No school can be better than those who work in it» dice l'Economist. Scuole con insegnanti che non ci credono più, società che non valorizzano e rispettano gli educatori, sistemi pubblici che hann...
  • 17/04/2013 Augmented graphics Invece di aggiungere didascalie e informazioni a ciò che vede la fotocamera del cellulare o del tablet, come nell'augmented reality, l'idea di Marco Marchesi e del gruppo guidato dal professor Brun...
  • 08/09/2009 Enginepistemologia Guido Vetere discute sulle conseguenze della dichiarazione di Erick Schmidt, il capo di Google, secondo la quale il motore di ricerca deve passare dalle parole ai significati per consentire agli ut...
  • 02/03/2012 Il cuore all’università – Anvur, valutazione della ricerca, reclutamento dei professori e futuro della conoscenza Non so a quanti succeda, come è successo a me, di lasciare all'università un pezzo di cuore. È stato un periodo di grandissima libertà intellettuale, di intensa vita creativa, di scontri culturali,...
  • 01/11/2011 Stasera, Evgeny Morozov Evgeny Morozov è stasera a Genova, al Festival della Scienza, per presentare la versione italiana del suo libro "L'ingenuità della Rete".Più che di ingenuità della Rete si parla di ingenuità degli ...
  • 11/03/2011 L’infinito loop dell’anonimato Su Slate una discussione sull'anonimato dei commenti ai giornali online.Da quando c'è la rete, c'è anche questo dibattito. Fin dai tempi di The Well. È chiaro che l'anonimato favorisce l'emergere d...

2 Commenti su “Mozilla: per internet come bene comune

  1. Quello che vuole fare Mozilla e’ esattamente quello che vuole catalizzare il nostro progetto dell’Open Media Park e connesso Open Media District, con proposta di legge:
    http://www.openmediaforum.it/campagna-open-tv-open-mobile/

    Non solo e’ nell’interesse dei cittadini e del bene comune, ma lo e’ di ogni editore e produttore di contenuti italiano, e di ogni cittadino che non voglia ogni contenuto via Internet filtrato e approvato da un provider di App Store proprietari (Apple, Google, Samsung, etc.)

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>