Jack Dorsey a 60 minutes. Come un simpatico introverso può riuscire a farsi conoscere

Jack Dorsey si lascia intervistare da Lara Logan di 60 minutes. Jack Dorsey appare schivo e riservato, ben poco propenso ad imporre aggressivamente il suo punto di vista. Piuttosto preferisce fare. E in effetti ha fatto. Già programmatore, è diventato imprenditore contribuendo a progettare e in parte scrivere il primo codice che è servito a costruire Twitter, usato nel 2012 da mezzo miliardo di persone per scambiarsi messaggi di 140 caratteri: circa 340 milioni di messaggi al giorno.

Il programma è bello. Ritrova una persona solitaria che ama sognare, pensare, immaginare. Sembra volersi aprire un po’ di più del solito e, passeggiando con l’intervistatrice, osserva il movimento della gente a New York e se ne esce con un pensiero che probabilmente ha coltivato nelle sue solitarie contemplazioni: «È meraviglioso come tutte queste persone si muovano in modo coordinato». Da bambino gli piacevano i treni e le mappe. Ascoltava i messaggi brevi dei servizi di emergenza della sua città, St Louis. Sembra nato per fare quello che fa.

[hang2column width="600"][/hang2column]

Articoli Correlati

1 Commento su “Jack Dorsey a 60 minutes. Come un simpatico introverso può riuscire a farsi conoscere

  1. La persona riflessiva non è mai invasiva, coglie il mondo standoci dentro e, ne esce solamente per nutrirsi in creativa solitudine.

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>