Collaborazione tra scienziati e cittadini: insegnamenti per ogni tipo di ricerca

Kate Jones pubblica su Research Blogs un ottimo articolo con molti esempi di lavoro scientifico svolto in collaborazione tra scienziati e cittadini. Si tratta di iniziative caratterizzate da un metodo di lavoro scientificamente controllato, un ambiente di lavoro predisposto dai professionisti della ricerca, un tema chiaro e comprensibile; i cittadini sono chiamati a raccogliere dati, oppure a scegliere dati significativi all’interno di insiemi molto grandi di dati, o a elaborare dati in modo più intelligente di quanto possano fare i computer; gli scienziati ottengono informazioni importanti a costo limitato e con qualità elevata, restituiscono feedback e motivazione, lanciano ricerche nuove e coinvolgenti.

È chiaro che questo metodo può essere adottato da qualunque altra organizzazione che si occupa di ricerca, anche se meno scientifica, purché sia importante per i cittadini che decidono di dare una mano. Giornalismo, sociologia, analisi di big data, sono compresi tra queste forme di ricerca che potrebbero essere svolte con i cittadini. Purché si segua il metodo indicato.

Ecco alcuni esempi ricordati da Jones, tutti frutto dell’iniziativa di centri di ricerca riconosciuti e capaci di coinvolgere i cittadini:

iBats, un sistema per il monitoraggio della vita dei pipistrelli a base di tablet e smartphones
WideNoise, un’app per raccogliere dati sull’inquinamento acustico
Mappiness, un’app per registrare dati sul benessere in relazione a fenomeni come appunto l’inquinamento acustico
Zooniverse, per contribuire a fare osservazioni sensate a partire da grandi quantità di dati come quelli che emergono dalle immagini fornite dai telescopi o dalle registrazioni di rumori di animali (700mila partecipanti)
iNaturalist, per registrare fenomeni naturali e condividerli
Instant Wild, per cercare qualcosa in grandi quantità di immagini raccolte automaticamente

ProPublica e altri importanti centri di ricerca sull’attualità, del tipo di quelli che una volta avremmo chiamato “giornali”, hanno dimostrato che, se ben organizzato, il lavoro può essere svolto fruttuosamente in collaborazione con quello che una volta avremmo chiamato “pubblico”.

  • 08/07/2015 #smuoviamolaricerca sulla SLA Un'iniziativa da sostenere: #smuoviamolaricerca sulla SLA: tutti assieme per sconfiggere la malattia Parte il crowdfunding, la raccolta fondi di due mesi (7 luglio - 7 settembre 2015), per aiut...
  • 12/03/2016 In che ecosistema vive il giornalismo Le ultime notizie non sono sorprendenti. In un mercato maturo e in contrazione le imprese si consolidano. E l'Espresso si è presa la Stampa che a sua volta aveva conquistato il Secolo XIX. Molti so...
  • 06/01/2015 Arte alla frontiera della ricerca di senso dove è più difficile trovarne Con Art Central Hong Kong cerca di diventare uno dei grandi poli nel mondo dell'arte. La città è probabilmente il luogo nel quale l'evoluzione del sistema cinese può accelerare. L'arte è una forma ...
  • 20/02/2013 La rivoluzione dei fatti documentati Mario Tedeschini Lalli e Giuseppe Granieri hanno scambiato alcune battute dense di consapevolezza sul nuovo giornalismo toccando anche la questione che in breve potrebbe essere riassunta nella form...
  • 10/08/2012 Giornalisti tra curatori e scrittori Sulla Columbia Journalism Review, un pezzo di Ann Friedman dedicato a discutere le differenze e a favorire una collaborazione tra curatori e giornalisti (via @gg). E tende a fare vedere una forma d...
  • 06/12/2012 Università nel vortice internettiano Il rapporto tra formazione e lavoro sta cambiando. IL rapporto tra ricerca e generazione di valore sta diventando sempre più importante. Il disorientamento dei giovani è purtroppo crescente, come l...
Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *