I termini delle condizioni: la volontà di chi comanda sulle nostre piattaforme

Non sono molti quelli che leggono attentamente i termini e le condizioni d’uso del software e delle piattaforme che usano anche tutti i giorni. Anzi sono pochissimi (Apogeo). Quelle pagine sono di solito lunghissime e pensate per ridurre al minimo le responsabilità dei fornitori. Ma talvolta una lettura rende più consapevoli di quello che si sta usando.

Il caso Huffington Post analizzato da Emiliano Barbagallo per Ahref è istruttivo. L’analisi è impegnativa ma i risultati dimostrano che ne vale la pena. L’aggregatore infatti, nel suo “accordo con l’utente”, si attribuisce diritti molto estesi sulle informazioni riguardanti le attività degli utenti anche quando non stanno usando il suo prodotto e sul loro sistema di relazioni sociali. Tutto esplicito e trasparente, ovviamente.

Varrebbe la pena di fare un lavoro comparativo tra questi documenti per aumentare la consapevolezza di chi usa internet sulle regole che – anche quando non le leggono – accettano navigando sulle loro piattaforme e siti preferiti. Le piattaforme internazionali si adattano naturalmente alle varie condizioni locali ma riescono a ritagliarsi spazi di vera e propria sovranità, sia nello spazio (tra una nazione e l’altra) sia nel tempo (tra un’innovazione tecnica e un’innovazione normativa).

La quantità di parole usate in questi termini e condizioni è tanto grande che se anche contengono tutte le informazioni necessarie queste vengono coperte dal rumore e dalla scarsità di tempo e attenzione degli utenti. Il lavoro cominciato ad Ahref è solo un primo contributo a un compito che diventerà sempre più importante: conoscere la volontà di chi comanda sulle nostre piattaforme. Perché su quella volontà gli utenti possono influire, se ne sono consapevoli.

Articoli Correlati

  • 27/06/2011 La superiorità dell’aperto Questo è un insieme di appunti nato da una discussione letta online su web, apps ed editoria.Massimo ha ragione. In generale vincono i sistemi che sviluppano un effetto-rete e in generale i sistemi...
  • 03/06/2010 Sviluppo e informazione, a Trento Informazioni, scelte e sviluppo. Al Festival dell'Economia di Trento. Sappiamo quanto sia reale e importante che la relazione tra i termini della questione sollevata dal titolo del Festival di ques...
  • 28/01/2010 iPad, i giornali sono applicazioni Dove si vendono i giornali per l'iPad? Che cosa sono i giornali, secondo chi ha progettato la nuova tavoletta? Che opportunità hanno gli editori di giornali e i giornalisti adesso? L'iPad si c...
  • 21/03/2011 Piccoli annunci Ultime battute della preparazione della nuova Vita Nòva. Gli articoli sono impaginati per l'iPad e si scambiano via web. Design, testi multimediali, software. I particolari da ascoltare, vedere, le...
  • 07/06/2011 Sul prossimo futuro di Nòva Ogni cambiamento suscita timori e ravviva speranze. Vale anche per Nòva. I timori sono comprensibili. Ma le speranze non devono essere tradite. Le notizie diffuse oggi dal Post sul cambiamento alla...
  • 20/07/2010 ItalyLeaks: la luce dell’ombra Mettiamo in chiaro le proporzioni. La maggioranza degli italiani ottiene notizie solo dal Tg, dice il Censis. Significa che le notizie che si trovano sui giornali e su internet sono note a una mino...

2 Commenti su “I termini delle condizioni: la volontà di chi comanda sulle nostre piattaforme

  1. Proprio ieri sera a Glee dicevano che c’e8 sepmre un inizio e una fine, ma l’importante e8 quello che sta nel mezzo. Ok, non sono stati i primi a dirlo, ma e8 di ieri sera e mi sembrava la frase adatta al tuo post. Quando arriveremo alla fine, guarderemo indietro e vedremo la maggior parte delle cose che abbiamo fatto e vissuto. Qualcuna magari ci sfuggire0, ma l’importante e8 averle vissute nel momento in cui sono avvenute.Perf2, ovviamente, questo, non serve a fermare il tempo. La sensazione che vada troppo veloce e che non basti mai a fare tutto, rimane.

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>