Alfabetizzazione informatica, libertà umana e il Frankenstein della finanza

L’alfabetizzazione è stata nell’epoca industriale un fondamentale obiettivo della politica nazionale. La scuola ha costruito il senso del servizio pubblico e ha favorito la crescita di società coese, dunque capaci di svilupparsi coerentemente con la prospettiva chiarissima di quel periodo storico. Oggi che la prospettiva è meno chiara anche l’alfabetizzazione è passata, purtroppo, in secondo piano: perché la struttura nazionale perde centralità rispetto alle dinamiche sovranazionali, perché l’industrializzazione non è più la prospettiva economica dei paesi occidentali (anche se l’industria ne è ancora, come del resto l’agricoltura, una colonna portante) e perché l’epoca della conoscenza richiede capacità e linguaggi diversificati. La società di minoranze nella quale viviamo è anche una società dispersa in una quantità di linguaggi e di saperi non abbastanza “interoperabili”.

Secondo Michell Zappa l’alfabetizzazione ai linguaggi informatici potrebbe diventare il nuovo centro aggregante dei saperi nella società che affronta il cambiamento in atto. I benefici per Zappa sono legati sia alle skill necessarie alle vicende professionali, sia alla libertà umana nei confronti degli strumenti che si vanno costruendo:

“Our best minds are being applied to developing systems whose actions we no longer understand and we are rapidly becoming a species developing tools whose output we do not understand”.

Zappa pensa alla finanza algoritmica: una sorta di Frankenstein che sembra essere andato oltre il controllo degli umani. (Pezzo raggiunto con mz via Giuseppe Granieri).

Articoli Correlati

  • 26/07/2014 Il codice è codice, la legge è software: la cultura digitale è un diritto Questo post è un po' lungo... L’approccio Lawrence Lessig ha avuto l’intuizione fondamentale. Con il libro “Code and other laws of cyberspace” e l’articolo per Harvard Magazine “Code is law” ...
  • 03/09/2015 La controversa relazione tra proprietà intellettuale e crescita economica L'Ocse ha rilasciato uno studio sul contributo della proprietà intellettuale alla formazione del capitale e alla crescita nelle economie sviluppate. Scoprendo che la quantità di capitale basato sul...
  • 08/04/2013 ImparaDigitale Su TuttoScuola una recensione della riuscitissima manifestazione di Bergamo, organizzata venerdì scorso da ImparaDigitale (Vedi anche Studenti.it). E' dalle competenze e dalle passioni dei ...
  • 03/07/2014 Il postumano è umano? Nella discussione sul post-umano si aggiunge il contributo del numero 361 di Aut-Aut intitolato, in una sorta di gioco di parole, al passaggio dell'attenzione dalla "condizione postmoderna" alla "c...
  • 25/09/2010 Molti modelli per imprese sociali Ci sono molti modelli di impresa sociale. Sono accomunati - forse - dal fatto che hanno poco bisogno di capitale finanziario e dunque poco bisogno di profitto per ripagarlo. Hanno molto capitale so...
  • 29/12/2011 Libri – RENZO PIANO – La responsabilità dell’architetto Quando stava arrivando il Duemila, a pochi giorni dal più importante capodanno degli ultimi mille anni, Renzo Piano ammetteva di essersi sentito imbrogliato. Perché nel corso della sua vita si era ...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>