Discutibili discussioni sui tablet

Matt Rosoff ipotizza che la vicenda dei tablet sia una bufala. Che si tratti di una sorta di curiosità passeggera capitata agli amanti degli iPhone e che rientrerà presto nei ranghi: niente era post pc, secondo lui. O almeno questa è l’ipotesi.

I dati che porta a sostegno della tesi sono piuttosto poveri. L’analisi è però da prendere in considerazione. L’eccesso di effetto-moda può dare impressioni sbagliate. Ma il problema è se prende a funzionare l’effetto-rete: cioè se la nuova tecnologia si diffonde abbastanza sa diventare un vero generatore di valore per gli utenti.

E questo essenzialmente dipende dalla qualità delle applicazioni che vengono scritte apposta per i tablet.

I megatrend in proposito non lasciano molti dubbi. Oltre alla quantità di software nato per girare sui tablet, c’è la crescita interessante dell’html5, i nuovi modelli di business e di comportamento emergenti, il piacere a quanto pare scoperto nella lettura di storie lunghe e libri con i tablet, i giochi e le mappe… Il computer sul divano e non più solo sulla scrivania. E le sempre nuove invenzioni che serviranno a connettere senza fili quasi tutto facilmente come quelle della Apple. Senza dimenticare la gestualità touch che sta prendendo piede al posto di quella del mouse.

Come ogni innovazione piuttosto profonda anche i tablet devono conquistare il loro effetto-rete. Che può avere bisogno di un effetto-moda per partire (o in altri casi di un’ideologia, o di un ordine aziendale)… Ma che stia prendendo un posto nella vita digitale, si direbbe piuttosto evidente. Da qui a dire che i pc sono finiti, però, ce ne corre. E non si vede perché lo si dovrebbe dire. Sono semplicemente spiazzati: non sono più il centro della scena. Sono in rete. E’ la conseguenza di internet, specie nella sua versione mobile.

Internet fissa col pc, però, va salvaguardata: è ancora il territorio più libero e neutrale (i gestori mobili non riconoscono la net neutrality). E’ quindi probabilmente il territorio dal quale possono nascere le innovazioni più fantasiose e radicali. Imho.

Articoli Correlati

  • 05/07/2010 Tablet e libri: la velocità della lettura Jakob Nielsen, uno dei massimi esperti di usabilità, riporta i risultati di uno studio secondo il quale si leggerebbe più lentamente su iPad e Kindle di quanto non si legga sui libri di carta.Molti...
  • 05/11/2012 Tablet ad alta quota Apple ha perso un po' di quota di mercato nei tablet - nel terzo trimestre 2012 - ed è restata di una virgola al di sopra della metà delle vendite globali (Tnw). Ma nei tre giorni successivi all'us...
  • 20/01/2015 Edicola italiana è una sfida che gli editori lanciano a sé stessi Edicola italiana è una sfida che gli editori lanciano a sé stessi. Funzionerà soprattutto se gli editori riusciranno a comprenderne le potenzialità innovative nel vasto e poco esplorato mondo della...
  • 22/12/2011 Il movimento che cambia la rete Chart: Computing Devices - Yearly SalesTags: Powered By: iCharts | create, share, and embed interactive charts onlineSecondo Gartner (via PracticalEcommerce), il numero di strumenti di acces...
  • 09/09/2014 Apple, Google, tecnologie di rete, valore aggiunto… E' difficile tenere a lungo in piedi un modello di business che faccia elevati margini di profitto a meno che non si sia un monopolista. Ci sono molti modi per avere un monopolio e non tutti sono s...
  • 16/05/2011 Sostiene Enrico Per Enrico Beltramini il dopo-Facebook è già cominciato. Sembra strano pensarlo, visto che Fb ha conquistato tipo il 25% del tempo passato in rete, 5-600 milioni di utenti nel mondo, una capitalizz...

2 Commenti su “Discutibili discussioni sui tablet

  1. Il tablet sconta sicuramente un fattore moda ed avrebbe seguito il destino delle tante ondate di e-reader che si sono succedute se non fosse per due aspetti sostanziali:
    una rivoluzione per l’utente finale nel modo di fruire di un computer dato dall’interfaccia “multi-touch”
    una rivoluzione per chi sviluppa visto che cambia radicalmente il modo di fare business con la produzione di software (open source, bye bye!)
    L’effetto rete arriverà a breve ora che anche Android sta prendendo piede. Che tra l’altro immagino sostituirà Chrome OS visto che il prototipo Cr-48 non è altro che un tablet senza touch e con la tastiera.
    Resta da capire che atteggiamento terrà il grande escluso di Redmond che finora è stato alla porta ad osservare.

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>