Applausi per Luca Sofri

More about Un grande paeseApplausi per Luca Sofri. Il suo libro è coraggioso, divertente, veloce, intenso e profondo.

Sì, non è che parli dell’Italia tra vent’anni. Parla di noi che la stiamo preparando. Con quello che vorremmo diventare. Verrebbe da aggiungere “con quello che facciamo per diventarlo”. E invita a fare quello che è giusto. E a non aver paura: il progetto è culturale, può avere solo un orizzonte di vent’anni, in questo suo movimento lento, come quello dell’educazione, è rivoluzionario. Una rivoluzione lenta che si deve svolgere pensando velocemente, ogni giorno. Già oggi.
Il libro di Luca Sofri accompagna nei vicoli che conosce meglio della città dell’etica semplice e umana, ma non cessa di ricordare che solo passando per quei vicoli si può conoscere a fondo il senso, il sapore e la dinamica del posto in cui viviamo.
Luca abbatte con buon senso i luoghi comuni che stanno alla radice del libertinismo che ha preso il posto del liberalismo, senza quasi mai doverne citare i tratti più volgari. “Sii te stesso”. “Non accetto lezioni”. “Predicare bene e razzolare male”. Si prodiga per rafforzare l’energia di chi sente di volersi impegnare per quello che è giusto ma è frenato da un cinismo del quale ha perso di vista l’origine ma del quale pensa di poter riconoscere la causa. Si avventura nella critica fondamentale: la democrazia non è il voto del popolo, specie se il popolo è ignorante e disinformato…
Leggendo il libro di Luca si scoprono tante parole che si pensava di poter dire, ma che per pudore si tacevano: e Luca spiega perché quel pudore è frutto dello stesso equivoco che ha fatto grande il modo di pensare più piccolo e meschino che domina l’Italia contemporanea e la sta facendo a pezzi. E’ bello da leggere il libro di Luca Sofri. In un pomeriggio di sabato, può prendere il posto di molti altri impegni. Ma ne rafforza di più importanti. Di quelli ai quali vale la pena di dedicare la vita.

Articoli Correlati

  • 14/02/2009 Sostiene Schiavone «Avvertiamo così che, insieme al futuro, stiamo perdendo il passato, e con lui, il senso della storia. (...). Il presente rimane indistintamente solo, fermo in se stesso, avvolto nell'ombra, prigio...
  • 22/01/2012 Libri – TOO BIG TO KNOW – David Weinberger Il nuovo libro di David Weinberger, Too Big To Know, è di quelli che ti fanno venire l'impellente bisogno di parlarne già mentre lo si sta leggendo. Perché parte da un'intuizione che raccoglie le ...
  • 10/07/2011 Le piazze del sapere – Il deserto culturale e l’economia cognitiva «Il deserto culturale è, nel lungo periodo, fatale per il sistema-paese».Antonella Agnoli, progettista di spazi pubblici per la cultura: Le piazze del sapere. Biblioteche e libertà, Laterza 2009.«N...
  • 26/04/2009 “Cambiare il mondo”/3. Oltre lo scenario di crisi I nostri politici dicono che la crisi è quasi risolta. Anche perché sanno che il primo fattore che può agire a favore del suo superamento è il recupero di una certa fiducia nel futuro. Se si ha fid...
  • 10/04/2009 Nostalgia.edu Gli studenti arrivano all'università americana già dotati di indirizzo di mail fornita da un'azienda privata. Quindi le università stanno pensando di smettere di investire nelle piattaforme necessa...
  • 01/09/2012 Dante. La vita nella Commedia Siate autori della vostra vita, dicono i saggi. Ma la Commedia di Dante è talmente gigantesca che la sua vita può apparire come un'opera minore, qualcosa che va nelle note. Marco Santagata dimo...

2 Commenti su “Applausi per Luca Sofri

  1. wow, che bella recensione – fa venire voglia di leggerlo: dev’essere davvero un bel libro, di quelli che ti (ri)danno la voglia di mobilitarti… o farlo ancora di più!
    Grazie Luca (DB), buona Pasqua e.. a presto!

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>