RDF – il web semantico non è per niente morto

Tim Berners-Lee, grande eroe dell’epopea del web, ha detto un paio d’anni fa che il web semantico è quasi pronto per diventare una tecnologia popolare. E il Resource Description Framework (RDF) comincia a essere organizzato in modo tale da consentire di prevedere presto strumenti autoriali che consentano di aggiungere metadati fondamentali in modo facile e pratico alle pagine web, mentre l’insieme del movimento del web semantico diventa sempre più standard e comprensibile. Lo spiegano, realisti ma ottimisti, Lisa Goddard e Gillian Byrne.

Tim Berners-Lee è sicuro che il web non è morto.

Articoli Correlati

  • 31/07/2016 La sicurezza del software si può valutare. I bachi possono essere dovunque. E Microsoft… Peiter Zatko, hacker conoscito come “Mudge”, ha messo a punto un sistema per valutare la sicurezza intrinseca in un software. Potrebbe rendere possibile quello che un paio d'anni fa era stato propo...
  • 23/09/2011 Crescita e debito: piccolo grimaldello Una piccola idea che viene dall'esperienza di chi ha fondato qualche azienda e qualche volta ha dovuto chiuderla pur avendo un fatturato doppio dei costi: gli utili restavano sulla carta perché il ...
  • 16/11/2011 Monti e Passera: sviluppo è modernizzazione Uno dei messaggi contenuti nella scelta dei ministri del professor Mario Monti è l'idea secondo la quale lo sviluppo economico italiano coincide con la modernizzazione delle infrastrutture.Certo, c...
  • 16/02/2011 Lo spazio dei libri brevi sull’ebook Una storia lunga circa 70 pagine, in un giornale sarebbe imponente e come libro appare troppo breve. Ma una storia di una settantina di pagine, venduta a un dollaro, potrebbe essere un nuovo format...
  • 15/11/2011 On the roadmap Quello che conta non è la meta, ma il percorso. Jack Kerouac non è forse un eroe popolare tra i ragazzi del nuovo millennio, non tanto, almeno, quanto era un mito per i ragazzi della metà del secol...
  • 05/02/2010 Impariamo a giocare come i computer Garry Kasparov, campione di scacchi, racconta come vede cambiare il suo gioco dopo l'avvento dei computer. Ero con lui - insieme a molti altri - mentre a New York nel 1997 si batteva contro Deep Bl...

4 Commenti su “RDF – il web semantico non è per niente morto

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>