I tempi di Los Angeles

Il Los Angeles Times è in profonda crisi. E tenta di salvarsi collegando la pubblicità alle storie, in particolare di entertainment, in modo sempre più invasivo, dice Francis Reynolds. Eppure, commenta, LA Times dovrebbe salvaguardare il più possibile la sua credibilità in particolare per le storie di entertainment: perché forse nel tempo quella sarà la sua strada principale. Come la politica americana lo è diventata per il Washington Post. Una sorta di concentrazione sulla core competence… E’ un’analisi non insensata, in effetti.

Articoli Correlati

  • 14/12/2009 Come si verifica una fonte online? Come si capisce quale di questi due (uno e due) comunicati stampa usciti online è quello vero e quale quello falso? Wsj dice il secondo. Jeff Jarvis dice il primo: "Wall St. Journal still hasn't c...
  • 16/06/2010 Non si dice “bavaglio” in Islanda L'Islanda ha appena approvato la legge IMMI (Icelandic Modern Media Initiative) che protegge le fonti delle storie giornalistiche in modo più stringente. E diventa il paradiso della libertà di espr...
  • 04/02/2013 Pubblicità sulla stampa: -17,7% nel 2012 Da Prima i dati Osservatorio FCP sulla pubblicità nei quotidiani e periodici di carta. Il totale è diminuito del 17,7% nel 2012 rispetto al 2011. I quotidiani hanno registrato un -16,2% a fattu...
  • 27/06/2013 Nòva Nòva. Da progettare… Il direttore del Sole 24 Ore, Roberto Napoletano, ha deciso di investire sul tema dell'innovazione. E mi ha chiesto di tornare a occuparmi di Nòva. Una riflessione è necessaria. Nòva è una possi...
  • 25/04/2011 Un giornale come se fosse un gioco Un vecchio articolo sulla vita quotidiana in una casa di produzione di videogiochi prende la forma di un gioco da esplorare. E' una ricerca teoricamente molto chiara: creare un nuovo format per le ...
  • 03/06/2009 Lsdi – Intervista su Circulate Lsdi intervista Martin Langeveld per capire qualcosa di più di Circulate, il previsto aggregatore di notizie che dovrebbe ravvivare il business degli editori tradizionali.ps. Un'integrazione sul te...

1 Commento su “I tempi di Los Angeles

  1. Inizio a sospettare che internet sia diventata solo una scusa per giustificare il declino di quotidiani blasonati come il Los Angeles Times e Co. In crisi è il giornalismo, forse perchè non è più consentito di raccontare le notizie senza condizionamenti.
    Saluti

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>