Alla ricerca della ricerca

Non tutto è così. Ma tanto, troppo è così. Ricercatori dedicati al loro lavoro, senza supporto economico da parte delle istituzioni che dovrebbero sostenere la ricerca. Proprio quella ricerca che farà la differenza nella economia della conoscenza. Baroni, privilegiati, persone senza visione, burocrati senza senso del merito, sistemi di valutazione che non sanno valutare e premiare: la ricerca si può fermare, nonostante la dedizione dei singoli ricercatori.

Anche gli artigiani, oggi, non sono un ritorno al passato. Ma funzionano usando tecniche che vengono dalla ricerca più avanzata.

Con storie come quella di Rita Clementi ci facciamo molto male. Altro che buco della serratura.

Articoli Correlati

  • 31/03/2010 Psicopatia al potere La psicopatia è un "disturbo antisociale della personalità". Via Raj Patel, si legge che l'Associazione americana di psichiatria definisce gli psicopatici come coloro che presentano almeno tre dei ...
  • 12/04/2010 Sentenza Google: come previsto… Google come si ricorderà è stata condannata dal tribunale di Milano. E oggi sono uscite le motivazioni della sentenza. Che come si era capito erano tutte concentrate sul fatto che Google avrebbe do...
  • 24/06/2015 Trialoghi europei. Il Parlamento può salvare la net neutrality Il Parlamento è l'istituzione che più chiaramente e fortemente ha difeso la net neutrality in Europa. I rappresentanti eletti dei cittadini europei hanno votato con coerenza per diverse volte a fav...
  • 08/06/2009 Pirati del parlamento E dunque, dalla Svezia arrivano i pirati nel parlamento europeo. Divertente. Peccato non si riesca a dimenticare quel pezzo di Register dove si parlava di affiliazioni vagamente troppo di destra ne...
  • 24/03/2014 Veneto, Crimea, Scozia… Stati in difficoltà: diverse logiche ma un’unica ricerca di senso La tensione indipendentista diffusa nel Veneto non è irrilevante. I dati raccolti da Ilvo Diamanti e pubblicati sulla Repubblica indicano l'esistenza di un tema molto sentito in una popolazione fru...
  • 10/02/2010 Ricerca Alcuni - moltissimi - italiani sono ottimi ricercatori. Ma l'Italia non fa di tutto per accoglierli come meritano: perché sono tra i grandi generatori di valore dell'economia della conoscenza.Il ca...

5 Commenti su “Alla ricerca della ricerca

  1. Chisura dell’articolo: “È sufficiente, anche in Italia, incrementare gli stanziamenti? Purtroppo no. Se il malcostume non verrà interrotto, se chi è colpevole non sarà rimosso, se non si faranno emergere i migliori, gli onesti, dare più soldi avrebbe come unica con seguenza quella di potenziare le lobby che usano le Università e gli enti di ricerca come feu do privato e che così facendo distruggono la ricerca”.
    Da chi dipende questa radicata forma di conservazione autofaga? Quello che non si riesce a concepire è come mai un argomento del genere non assuma ragno di agenda costante, tutti i giorni.
    La responsabilità più grande è dei media, non dei politici e neanche dei cittadini che poco ne saprebbero.
    Ho ascoltato una ricercatrice, un paio di mesi fa, che parlando d’innovazione non sapeva neanche distinguere la differenza tra scienza di base e applicata. E presentava risultati per un finanziamento (già approvato) che per la genericità stridevano con il fine per cui era stata finanziata. Molto giovane e bella però.
    Perché nessuno vuole fare emergere questa indecenza è raccapricciante. Poi ci sarà sempre chi esortirà ammonendo di non fare per ogni erba un fascio.

  2. Giusto, ma quando i ministri della ricerca di tutti gli schierameni hanno provato a fare qualcosa, qualsiasi cosa, si è scatenato il putiferio, con i baroni che manovravano gli utili idioti in nome della “libertà della ricerca”. La situazione è come quella degli aiuti ai Paesi africani: si devono dare soldi che vengono poi gestiti (eufemismo) da dittatori e oligarchie corrotte ? Aumentare gli stanziamenti vuol dire solo inrassare i baroni. Si dovrebbero far fuori tutti i baroni prima: “vaste programme”, avrebbe detto De Gaulle.

  3. Paragone calzante. Diciamo anche che nella riforma non erano previste le questioni attinenti ai meccanismi di erogazione dei finanziamenti per la valutazione dei progetti. C’erano i tagli di spesa fatti su criteri generici, soprattutto nelle spese di funzionamento. Ben vengano anche quelle Marco, ma non prima di intervenire sui criteri di ripartizione delle spese per investimenti, non solo quelle di gestione, sicuramente distorte e da correggere.
    Se dai un occhiata all’art. 3 e 3-ter della legge 180 non c’è alcun riferimento se non a vecchie disposizioni decotte. Solo belle parole insomma, qualità, efficienza e efficacia che nessuno si permette a indicare come.

  4. Italy vs. Rest of the World

    Image via Wikipedia
    Reading the blog of Luca De Biase [the director of Nova24] I found this interesting link to a letter that an Italian medical researcher wrote to Napolitano, the President of the Italian Republic.
    Although I agree that not eve…

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>