Cosmetica e futuro. Non e’ viale dell’Astrologia

Cosmetica e futuro. Non e’ viale dell’Astrologia

La crisi economica attuale è partita dalla bolla finanziaria (costruita su mercati degli immobili e del petrolio, si è tradotta in un blocco del credito, ha generato una frenata dei consumi di beni durevoli e adesso comincia a influenzare l’occupazione. Gli economisti e gli imprenditori che ne hanno parlato ieri nel corso di un convegno sulla crisi economica e l’innovazione culturale necessaria ad affrontarla, organizzato dalla Unipro alla Luiss: la diagnosi è sconcertante. Più che ai dati finanziari o a quelli reali, per interpretare la crisi occorre guardare ai dati psicologici. A quanto pare, una gran parte della crisi e la massima parte delle soluzioni sono nel dominio delle idee (dalle quali tutto parte) piuttosto che in quello dei fatti (che da esse discendono): fiducia, visione, innovazione culturale.

Si ha l’impressione che questa crisi non sia come le altre. È grave perché ha distrutto la fiducia di tutti. Lo dicono in modo diverso gli economisti Luca Paolazzi (centro studi Confindustria) e Daniele Tirelli (Popai). E la via d’uscita è la ricostruzione della fiducia. Lo testimoniano gli imprenditori Giovanni Rana, Andrea Illy, Edoardo Garrone, Andrea Pontremoli. La ragione economica va alimentata di pensieri innovativi che derivano da ogni disciplina perché in fondo l’economia è le persone che la realizzano, insegna Pier Luigi Celli, amministratore delegato e direttore generale dell’università Luiss.
In un contesto come questo, si deve aborrire l’irrazionalismo oscurantista delle analisi come quella che ha condotto qualcuno a dare dei “corvi” agli economisti che prevedono recessione. Come se viale dell’Astronomia, dove ha sede tra l’altro il centro studi Confindustria, si fosse trasformato in viale dell’Astrologia.
Ma, cercando proprio nell’empirismo e nella ragione gli strumenti di interpretazione, occorre tener presente che le persone non agiscono in modo razionale e calcolatore: sono piuttosto condotte da una complessità di motivazioni, pensieri, valutazioni, preoccupazioni, paure, speranze, illusioni, che conducono a comportamenti capaci di influenzare profondamente l’economia. Quello che occorre è un racconto sintetico capace di interpretare una prospettiva credibile attraverso la quale le persone possano sapere a che cosa dedicare la propria vita e perché.
Se ci sappiamo raccontare in modo credibile il senso di quello che facciamo arriviamo al centro della risposta alla crisi.
Il paradigma economicistico è finito. L’ìnnovazione necessaria è prima di tutto culturale. Se al tempo dell’industrializzazione i genitori sapevano con certezza che i loro figli sarebbero potuti star meglio di loro, oggi non è più così: perché il racconto della prospettiva si è spezzato, non è più credibile. La società, l’economia e la cultura, nei paesi ricchi, chiedono un nuovo racconto del futuro. La mancanza di questo racconto è una causa di forte sofferenza, incertezza, paura. Sfiducia.
Fino a che i modelli economicisti, incarnati dai grandi banchieri di Wall Street e della City, funzionavano, le persone potevano almeno illudersi di vivere in un sistema duro ma efficiente e credibile. Il fallimento della Lehman Brothers è il simbolo della fine della credibilità di quel sistema. È ora di avere un nuovo e più credibile racconto. Che dimostri come la nostra società possa investire al fine di salvaguardare il diritto di ciascuno a cercare la felicità.
Che tutto questo sia stato discusso in questi termini al convegno delle aziende che si occupano di cosmetica – un convegno di altissima qualità coordinato da Gabriele Gabrielli e concluso da Fabio Franchina – dimostra che i discorsi di sostanza stanno penetrando in profondità. E rafforza la fiducia che questa ricerca porterà verso una nuova e più umana visione del mondo.
  • 22/07/2012 Living architecture: Rachel Armstrong, tra l’altro, parla delle protocellule per rafforzare Venezia Mentre la nozione di smart city si accavalla con lo sviluppo impetuoso delle opportunità offerte dai media digitali per migliorare la vita urbana, sta accelerando la riflessione sulle conseguenze d...
  • 22/05/2009 Studenti innovatori Prosegue il corso del Master in giornalismo dello Iulm. E la scoperta è notevole: i ragazzi non si lasciano intimidire dalle difficoltà della crisi. E' come se la crisi dei giornali avesse reso più...
  • 25/07/2011 Html5: standard in fieri Matteo Brunati reagisce a un post precedente con un contributo importante e che vorrei sottolineare. Quindi lo ripubblico qui: "Ciao Luca, occhio che mi pare ci sia molta e forse troppa confusione ...
  • 08/09/2016 Coraggio secondo Apple È la parola della serata di ieri. Viste le reazioni alla presentazione dei nuovi prodotti della Apple - che ha dato conto della tradizionale eccellenza tecnologica dell'azienda e della sua solita m...
  • 19/11/2015 Giornalisti innovatori Paper pubblicato da "Problemi dell’Informazione", anno 2009, numero 3-4. Il giornale non è la sua carta di Luca De Biase L’ecosistema dell’informazione I quotidiani cartacei tradizionali s...
  • 19/10/2017 Intelligenze più o meno artificiali Una delle scoperte che molti osservatori neofiti - come la maggior parte di noi - dell'intelligenza artificiale hanno fatto in questi ultimi tempi è che una gran parte delle cose che i computer san...
Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *