Il lavoro della conoscenza

Mentre si gli elettori italiani riflettono sui quesiti referendari per emendare, eventualmente, le recenti riforme del mercato del lavoro, il significato stesso di “lavoro” cambia. E la società si trova a fronteggiare le conseguenze, immaginate e reali, di epocali cambiamenti tecnologici, geopolitici, ambientali, con gli strumenti sviluppati nell’epoca industriale: strumenti adatti a un contesto nel quale c’era una chiara differenza tra tempo del lavoro e tempo libero, tra formazione ed esercizio della professione, tra ricerca e tecnologia. La nuova condizione, sostanzialmente, è conseguenza del fatto che nell’epoca della conoscenza, il valore si concentra sull’immateriale – ricerca, design, organizzazione, informazione, immagine, senso – mentre i prodotti materiali, ne sono, per così dire, i mezzi di trasporto e comunicazione: sicché l’occupazione di chi genera il valore coinvolge il suo cervello, la sua cultura, le sue relazioni sociali, il suo rapporto con l’ambiente, il suo gusto e la sua visione del futuro; se la generazione di valore è nella conoscenza di chi lo produce, il lavoro diventa l’espressione di sé ed è più difficile distinguerlo da ciò che non è lavoro. Per chi genera valore in questo modo, l’ozio intellettualmente creativo e il tempo occupato per la professione fanno parte della stessa sostanza. Per gli occupati che sono nella produzione di beni materiali, il rischio è che la concorrenza delle macchine diventi sempre più difficile da battere. Ma se queste ipotesi sono realistiche, il modo con il quale la società si prepara a gestire il futuro appare piuttosto inadeguato: educazione, ricerca, qualità della vita, dovrebbero essere i primi ambiti di investimento; la misurazione del successo dovrebbe essere radicalmente diversa dal Pil; la tradizione dovrebbe essere considerata parte integrante del processo innovativo. La prossima settimana, sarà presentato e discusso, a Roma, lo studio “Lavoro 2025”, voluto dal gruppo parlamentare M5S e realizzato con il metodo Delphi dal sociologo Domenico De Masi (al quale chi scrive ha dato un contributo). Ma è necessario che il dibattito in materia si allarghi drasticamente. In nome del problema più grande: quel 30% di giovani che hanno terminato gli studi ma non hanno trovato un lavoro. Il che è fonte di paura, infelicità, incertezza, rabbia, scontento, conservazione.

Articolo pubblicato su Nòva il 15 gennaio 2017

Categorie:

Articoli Correlati

  • 05/02/2017 Che cosa possiamo fare Ecco alcuni articoli recenti che riguardano la questione pratica di che cosa si possa fare di fronte alla montante confusione imperante nell'ecologia dei media che rende difficile sapere come stann...
  • 11/12/2016 Il coraggio di studiare il futuro Sarà per fatalismo, o per cinismo, ma gli studi sul futuro, in Italia, sono meno diffusi che altrove. Ma la mancanza di un Institute for the future, in Italia, non diminuisce la necessità di guarda...
  • 06/03/2017 Una gabbia dorata Se un servizio online è tanto facile da usare, gratuito, utile, che tutti se ne servono sempre di più, significa che ha intercettato un bisogno e lo ha soddisfatto. Però, una volta che tutti adotti...
  • 23/11/2016 Lena Groeger: design della discriminazione Lena Groeger si domanda se i valori dei designer si riflettano sulle loro opere (ProPublica). La sua survey è tutta da leggere. Va da Snapchat alla struttura degli ospedali o delle scuole. E conclu...
  • 23/12/2016 Piattaforme per il factchecking e l’analisi dei fake Polygree conta sulla comunità per valutare la qualità dell'informazione. Questa è la spiega: I vaccini fanno male? C’è veramente mercurio nei tonni? Le energie rinnovabili potranno un giorno s...
  • 15/03/2017 Esempi di iniziative civiche Per chi sia interessato ai media civici e alle risposte che la società può sviluppare per rispondere alla crisi della coesione sociale intorno a progetti orientati al bene comune, mentre tanti parl...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>