Lena Groeger: design della discriminazione

Lena Groeger si domanda se i valori dei designer si riflettano sulle loro opere (ProPublica). La sua survey è tutta da leggere. Va da Snapchat alla struttura degli ospedali o delle scuole. E conclude:

It’s likely that as long as humans and their institutions hold prejudices and bias, their designs will reflect them. But some progress is possible. Two decades ago architect Ronald Mace imagined a new standard, in which anything humans make — a new piece of technology, a public park, a household product — is usable by everyone. He called this idea “universal design.” Today it’s an enforceable legal standard in Norway. One way to help us get there? Make sure the design process itself is also accessible to all.

Categorie:

Articoli Correlati

  • 15/03/2017 Letture “civiche” da non perdere Tra una newsletter e l'altra leggo tante cose che voglio ricordare. Forse può far piacere ai lettori che le condivida. Libertà di associazione su internet C'è una relazione tra i protocolli che...
  • 05/02/2017 Il giusto posto della scienza Michael Crow e altri scrivono: The rightful place of science: politics. Un libro intenso sull'impegno necessario per superare questa fare si oscurantismo confusionario e politicamente - oltre che f...
  • 23/01/2017 Il lavoro della conoscenza Mentre si gli elettori italiani riflettono sui quesiti referendari per emendare, eventualmente, le recenti riforme del mercato del lavoro, il significato stesso di “lavoro” cambia. E la società si ...
  • 23/12/2016 Piattaforme per il factchecking e l’analisi dei fake Polygree conta sulla comunità per valutare la qualità dell'informazione. Questa è la spiega: I vaccini fanno male? C’è veramente mercurio nei tonni? Le energie rinnovabili potranno un giorno s...
  • 23/01/2017 Power law. E altre leggi scientifiche che dovremmo conoscere meglio secondo Edge Quest'anno la mia risposta alla domanda di Edge è stata dedicata alla power law, una regolarità statistica che emerge nei sistemi complessi a rete e che mostra una sorta di tendenza alla polarizzaz...
  • 06/03/2017 Una gabbia dorata Se un servizio online è tanto facile da usare, gratuito, utile, che tutti se ne servono sempre di più, significa che ha intercettato un bisogno e lo ha soddisfatto. Però, una volta che tutti adotti...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>