Pratiche anticompetitive di Uber

Uber si presenta come una sorta di campione della concorrenza. Ma non accetta che qualcuno compari i suoi prezzi con quelli dei competitori. È successo a Boston che una startup, chiamata Urbanhail, abbia creato un servizio che compara di prezzi delle corse di Uber, Lyft, taxi e altri servizi. Insomma: il classico sistema pro-competizione. Ma Uber non è d’accordo.

Uber ha fatto sapere che usare i dati di Uber per questo scopo era contro i termini di servizio. Lo stesso Chris Messina è intervenuto per avvertire Urbanhail. Che non si è fermata. E quindi Uber ha deciso di impedirle di vedere i dati sui prezzi delle corse.

Come altre ricerche hanno dimostrato, i prezzi delle corse di Uber non seguono direttamente la relazione tra domanda e offerta. E questo metteva in discussione che Uber fosse un vero e proprio mercato delle corse in auto. Ma ora Uber impedisce la comparazione dei prezzi con i concorrenti. E, se la ricostruzione di questa vicenda si dimostrerà corretta, questo mette in discussione che Uber sia pro-competizione anche dal punto di vista dell’immagine (Boston.com)

Vedi anche:
Uber, on demand economy: asimmetrie informative e controllo dei lavoratori
The Visible Hand of Uber: A Need for Regulation
The Secrets Of Uber’s Mysterious Surge Pricing Algorithm, Revealed

Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *