Home » News » Pratiche anticompetitive di Uber
News perplessità

Pratiche anticompetitive di Uber

Uber si presenta come una sorta di campione della concorrenza. Ma non accetta che qualcuno compari i suoi prezzi con quelli dei competitori. È successo a Boston che una startup, chiamata Urbanhail, abbia creato un servizio che compara di prezzi delle corse di Uber, Lyft, taxi e altri servizi. Insomma: il classico sistema pro-competizione. Ma Uber non è d’accordo.

Uber ha fatto sapere che usare i dati di Uber per questo scopo era contro i termini di servizio. Lo stesso Chris Messina è intervenuto per avvertire Urbanhail. Che non si è fermata. E quindi Uber ha deciso di impedirle di vedere i dati sui prezzi delle corse.

Come altre ricerche hanno dimostrato, i prezzi delle corse di Uber non seguono direttamente la relazione tra domanda e offerta. E questo metteva in discussione che Uber fosse un vero e proprio mercato delle corse in auto. Ma ora Uber impedisce la comparazione dei prezzi con i concorrenti. E, se la ricostruzione di questa vicenda si dimostrerà corretta, questo mette in discussione che Uber sia pro-competizione anche dal punto di vista dell’immagine (Boston.com)

Vedi anche:
Uber, on demand economy: asimmetrie informative e controllo dei lavoratori
The Visible Hand of Uber: A Need for Regulation
The Secrets Of Uber’s Mysterious Surge Pricing Algorithm, Revealed

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video