Ogni tanto ci vuole un articolo sull’email

Nel 1995, vent’anni fa, solo un terzo degli abitanti degli Stati Uniti aveva un computer. E solo 100mila italiani avevano un accesso a internet.

Oggi tre miliardi di persone sono nell’infosfera, un ambiente arricchito da informazioni digitali alle quali le persone accedono con protesi digitali che si portano sempre appresso e che lasciano sempre accese, sicché molte cose che fanno ogni giorno – spostamenti, pagamenti, chiacchierate – sono registrate in digitale. Le piattaforme principali sono diventate proprietarie e l’interoperabilità è retrocessa.

Ma l’email è andata avanti.

L’email è interoperabile, non è proprietaria, è utilizzabile in modi molto diversi. Ed è tanta. La gente se ne lamenta come non mai. Ma il ritorno in termini di click dei link pubblicati con l’email è ancora più alto di quello che – in genere – ottengono i banner pubblicitari dei siti web. L’email è lavorativa, ma non solo. L’email è corta, lunga, percepita come personale anche quando è rivolta a moltissimi utenti. L’email non è tanto usata dai giovani, sostituita in molte occasioni da una quantità di app che fanno cose più precise: Facebook e Twitter, Whatsapp e Instagram, Wechat e Slack… Eppure, l’email continua e persevera.

Non cambierà. Casomai le piattaforme private che la offrono dovessero tentare di ridurne l’interoperabilità, perderebbero utenti. L’email è internet aperta e neutrale nella sua forma primordiale, anche se aggiornata dai servizi web e dalle app che la maggior parte della gente usa. Ma resta tanta e ingestibile per molti. Una bella idea che rispetti la sua originalità e personalità ma arrivi a renderla davvero più facile da usare sarebbe benvenuta: se non è ancora arrivata significa che non ci si è pensato ancora abbastanza bene. Imho.

Vedi:
The Triumph of Email
Why does one of the world’s most reviled technologies keep winning?

  • 28/01/2016 «Schiavi del digitale» Dice Arturo Di Corinto (Twitter) che il filosofo Maurizio Ferraris al convegno sulla privacy si è rivolto ai suoi ascoltatori definendoli «schiavi del digitale». E che la platea ha applaudito. L...
  • 05/10/2013 Nsa attacca Tor, ma riesce solo a intimorire Un articolo del Guardian da leggere prosegue la storia degli attacchi della Nsa agli utenti di internet. Con un particolare importante. Dice che la Nsa ha tentato in tutti i modi di vincere l'invio...
  • 13/05/2017 Le conseguenze dell’NSA “fanno piangere” gli ospedali Ospedali e non solo in tutto il mondo sono stati attaccati da un gruppo di ricattatori che hanno bloccato i computer e chiesto un riscatto per liberare le macchine. Secondo le ricostruzioni, i crim...
  • 30/12/2015 La sorprendente naiveté di Zuckerberg sulla questione indiana Mark Zuckerberg si sorprende candidamente del rifiuto indiano ad accettare il suo "dono" chiamato Free Basics, un tempo Internet.org (QZ) In breve: Zuck ha creato un'organizzazione che attraverso ...
  • 15/02/2017 Essere stati digitali Il rapporto tra il potere statale e il potere digitale si va confondendo nell'operatività quotidiana. Avviene in quel genere di spazi nei quali per esempio uno stato come la Russia può essere indic...
  • 12/11/2016 La realtà è una sola. Ma vista dalla mediasfera non sembra. È un problema La realtà è una sola. Per definizione. Ma per gli umani invischiati nel labirinto della mediasfera, dove applicano diversi modi per conoscerla, la realtà è un multiverso o, più pragmaticamente, un ...
Add Comment Register



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *