Home » News » Ogni tanto ci vuole un articolo sull’email
News perplessità

Ogni tanto ci vuole un articolo sull’email

Nel 1995, vent’anni fa, solo un terzo degli abitanti degli Stati Uniti aveva un computer. E solo 100mila italiani avevano un accesso a internet.

Oggi tre miliardi di persone sono nell’infosfera, un ambiente arricchito da informazioni digitali alle quali le persone accedono con protesi digitali che si portano sempre appresso e che lasciano sempre accese, sicché molte cose che fanno ogni giorno – spostamenti, pagamenti, chiacchierate – sono registrate in digitale. Le piattaforme principali sono diventate proprietarie e l’interoperabilità è retrocessa.

Ma l’email è andata avanti.

L’email è interoperabile, non è proprietaria, è utilizzabile in modi molto diversi. Ed è tanta. La gente se ne lamenta come non mai. Ma il ritorno in termini di click dei link pubblicati con l’email è ancora più alto di quello che – in genere – ottengono i banner pubblicitari dei siti web. L’email è lavorativa, ma non solo. L’email è corta, lunga, percepita come personale anche quando è rivolta a moltissimi utenti. L’email non è tanto usata dai giovani, sostituita in molte occasioni da una quantità di app che fanno cose più precise: Facebook e Twitter, Whatsapp e Instagram, Wechat e Slack… Eppure, l’email continua e persevera.

Non cambierà. Casomai le piattaforme private che la offrono dovessero tentare di ridurne l’interoperabilità, perderebbero utenti. L’email è internet aperta e neutrale nella sua forma primordiale, anche se aggiornata dai servizi web e dalle app che la maggior parte della gente usa. Ma resta tanta e ingestibile per molti. Una bella idea che rispetti la sua originalità e personalità ma arrivi a renderla davvero più facile da usare sarebbe benvenuta: se non è ancora arrivata significa che non ci si è pensato ancora abbastanza bene. Imho.

Vedi:
The Triumph of Email
Why does one of the world’s most reviled technologies keep winning?

Commenta

Clicca qui per inserire un commento

Luca De Biase

Knowledge and happiness economy Media and information ecology

Video