Che cos’è la “valutazione di impatto digitale”

Come si osservava nel post dell’altro giorno, la scorsa settimana sono uscite molte norme o proposte di norme molto controverse che riguardano internet. E il post si concludeva con la proposta di “valutazione di impatto digitale”. Che cosa vuol dire?

Essenzialmente, la web-tax, l’aumento dell’equo compenso, gli sgravi fiscali sui libri purché non digitali, le decisioni Agcom sul copyright, sono stati pensati per risolvere problemi importanti, come l’elusione fiscale e la salvaguardia del diritto d’autore. Ma hanno anche effetti collaterali. E’ possibile che gli effetti collaterali siano incoerenti con gli obiettivi che quelle misure perseguono? La discussione va avanti e in effetti quello che esce in molti blog è importante.

La proposta che facevo, sulla “valutazione di impatto digitale”, dovrebbe servire a tener conto in modo strutturale di considerazioni importanti prima di prendere una decisione che riguarda internet.

Le leggi che riguardano internet devono tener conto di tutti i loro effetti e non solo quelli diretti. Perché internet è come l’ecosistema nel quale tutti gli elementi sono collegati con tutti gli altri e le decisioni in un settore hanno effetti collaterali spesso controintuitivi.

Obbligare all’iva italiana gli italiani che comprano servizi online, rischia di mettere in difficoltà i nostri esportatori? Considerare il link come una sorta di sfruttamento del copyright altrui rischia di rendere meno rilevanti le opere soggette a copyright? L’instabilità normativa e la diversità della legge italiana rispetto agli altri paesi riduce la tranquillità di chi dovrebbe decidere di investire in Italia?

I problemi come l’elusione fiscale e la pirateria sono molto gravi e vanno risolti. Ma secondo molti osservatori non possono essere risolti da un solo paese, per giunta un paese arretrato. Andrebbero affrontati a livello almeno europeo.

Qualsiasi norma che riguardi internet dovrebbe essere pensata come si pensa una regola che riguarda l’ambiente. E come per l’ecosistema si fa la “valutazione di impatto ambientale”, per le norme su internet si dovrebbe prevedere una “valutazione di impatto digitale”. Cioè rispondere a domande di questo tipo:
1. persegue un obiettivo che si può raggiungere cambiando la regola solo in Italia oppure ha una dimensione internazionale?
2. le sue conseguenze dirette sono più grandi o più piccole dei suoi effetti collaterali?
3. le sue conseguenze dirette vanno nella stessa direzione dei suoi effetti collaterali?
4. tiene conto di tutti gli stakeholder o solo di quelli che si fanno sentire con voce più grossa?
5. migliora la vita dei cittadini, rende più chiaro il diritto, rende più difficile l’accesso e lo scambio delle conoscenze?

E’ la logica della governance multistakeholder che caratterizza le migliori decisioni che riguardano internet. E che può essere implementata con un buon sistema di consultazioni, oltre che ricorrendo a comitati di esperti indipendenti.

Articoli Correlati

  • 19/09/2012 Consultazione sui principi fondamentali di internet "In vista del prossimo Internet Governance Forum (IGF), il Ministero dell'Istruzione, Università' e Ricerca invita tutti i portatori di interesse ("stakeholder") a contribuire al dibattito su cinqu...
  • 11/02/2014 Agenda digitale, startup… Lamenti e passi avanti Dopo anni e anni di nulla di fatto, i due più recenti governi hanno realizzato qualche passo avanti sull'agenda digitale e le startup. Questo ha alimentato le aspettative, precedentemente compresse...
  • 02/12/2014 Economist e monopoli internet Con l'effetto-rete una piattaforma di successo su internet conquista naturalmente una posizione dominante. La prima questione dell'antitrust è assicurarsi che non ne abusi. La seconda questione è c...
  • 10/07/2009 La Bastiglia del silenzio Gilioli pensa che lo "sciopero del silenzio" dei blog previsto per il 14 luglio, data della presa della Bastiglia, debba andare avanti. E chiede agli altri blogger che cosa ne pensino.Io penso che ...
  • 16/07/2012 I temi emergenti nella riflessione sulle innovazioni possibili nella pratica politica Milo Yiannopoulos, direttore di Kernel, si domanda perché internet - che ha trasformato tante attività economiche e sociali - non abbia ancora cambiato la politica (vedi l'articolo). In realtà, qua...
  • 22/10/2009 Di passaggio sulle conversazioni Un post precedente (Attenti al loop) ha generato reazioni, soprattutto per l'idea di distinguere tra atteggiamenti competitivi e atteggiamenti collaborativi nell'ambito delle conversazioni. (Segnal...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>