Open Culture Atlas

Open Culture Atlas, mappa-agenda partecipata della cultura (a cominciare dal livello “editoria”), basata su OpenStreetMap è un progetto di Tropico del Libro, sito di informazione editoriale indipendente.

Comunicato:

CHI ~ Open Culture Atlas è una piattaforma di geolocalizzazione culturale pensata e realizzata da Tropico
del Libro, progetto di informazione indipendente che si cura di promuovere, valorizzare e connettere le
buone pratiche in campo editoriale e culturale.
Quattro gli strumenti con cui ha fin qui perseguito questo obiettivo: approfondimenti sull’attualità del
settore; directory ragionata del mondo editoriale; selezione etica di annunci di lavoro editoriale; community
social di riflessione condivisa.
Nato a fine 2011, Tropico del Libro ha avuto in quest’ultimo anno circa 200.000 visitatori unici, con una
media mensile di 20.000.

COSA ~ Con Open Culture Atlas puoi:
1) Inserire, trovare e promuovere eventi e luoghi di interesse editoriale e letterario (in Italia e presto in
Europa). A breve verrà aggiunta la possibilità di sostenerli, tramite crowdfunding o acquisto online.
2) Creare e attingere a un elenco aggiornabile di professionisti del settore (editoriale, per il momento)
con l’obiettivo di creare reti intorno a eventi, luoghi e obiettivi comuni attraverso un’agenda condivisa con
cui riuscire a incontrarsi e invitarsi più agevolmente.
…e presto potrai anche:
3) Offrire e cercare lavoro, bandi e partenariati in ambito editoriale, gratuitamente e con moderazione
“etica” dell’offerta secondo i criteri di non discriminazione, giusta retribuzione e contrattualizzazione.

COME ~ Open Culture Atlas è frutto dell’integrazione tra WordPress e OpenStreetMap, la “wiki-mappa
libera del mondo”, preferita ad altre mappe “tecnicamente” più efficienti e più facili da personalizzare.
Seguendo lo stesso spirito di cura condivisa e di investimento su “ciò che sa di buono”, Open Culture Atlas
invita alla partecipazione attiva la comunità di lettori e professionisti. Tutto si svolge sulla mappa, che
rimane sempre nello sfondo. Questo perché la visione non sia mai “parziale”, ma anzi ci siano continui
rimandi tra gli eventi, i luoghi e i professionisti (relazioni ora essenziali, ma che svilupperemo sempre più).
Open Culture Atlas è ad uso libero e gratuito e privo di pubblicità. Ricercheremo una sostenibilità
economica in più modi, compresi partenariati con alcuni scelti stakeholder, bandi e una percentuale sulla
vendita di prodotti culturali.
Il progetto è partecipato e “orizzontale” ma attraverso percorsi di lettura pensati a partire dalle informazioni
condivise Tropico del Libro darà maggiore visibilità a eventi, luoghi, progetti con sostenibilità culturale e
sociale.

PERCHÉ? ~ Uno dei principali ostacoli alla crescita culturale è la disgregazione delle iniziative. La
promozione della lettura è per la gran parte affidata a organizzazioni informali senza mezzi economici. La
conseguenza è che la loro azione rimane isolata, priva di efficacia.
Open Culture Atlas vuole costituire una base d’appoggio e volano di questa diffusa capacità
immaginativa, innescando una reale possibilità di benefico contagio.

QUANDO ~ Adesso, o mai più. Perché per la cultura occorre agire in fretta, tappandosi le orecchie alle
sirene della politica che promettono e non mantengono, o non possono mantenere.
Dopo un anno di lavoro, Open Culture Atlas nasce a mezzanotte del 29 ottobre 2013.

CON CHI ~ Con tutti quelli che capiranno lo spirito dell’iniziativa e sapranno condividerla.

CREDITS ~ Progettazione e redazione: Tropico del Libro. Sviluppo web: Massimo Ciccolini.

Articoli Correlati

  • 25/06/2010 Domande: Fondazione Ahref Chi ha visto cose nuove eccellenti nel mondo dei social media? Ha voglia di segnalarle? E che cosa sta succedendo ai blog? Stiamo attraversando una fase di stanca? O è solo l'approssimarsi dell'est...
  • 05/09/2009 Le idee e l’azione Molte riflessioni di grande qualità su internet e politica. Un intervento dal pubblico al Pd di Pesaro indica un bisogno latente. Dice l'intervenuto: ma il web ha una sua dinamica della comunicazio...
  • 06/08/2009 Pubblicità online in calo ma non troppo Idc registra che gli investimenti pubblicitari online sono calati nel mondo del 5% nel secondo trimestre del 2009. Le inserzioni collegate alle ricerche online sono calate solo del 3% (e su Google ...
  • 29/11/2016 Alberto Puliafito sul giornalismo Alberto Puliafito ha scritto un libro utile sul giornalismo nel contesto digitale. Veleggia su tutti i problemi con equilibrio, non si lascia andare a facili entusiasmi o a crisi depressive, descri...
  • 27/05/2009 Riadattamenti nei social media Impressioni basate soltanto sull'esperienza: l'entrata in campo di Facebook e di Twitter ha mei primi tempi messo in difficoltà i blog. L'attenzione dei blogger e l'accuratezza delle relazioni tra ...
  • 26/03/2012 La scienza e i media… Atomium Culture e Frankfurter Algemeine Zeitung organizzano a Francoforte un'importante confernza sulla relazione tra scienza e media con l'idea di discutere su come varia la accettabilità dell'inn...
Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>