Niente cambia perché tutto cambi

La politica politicante ha impedito a una giornata storica di esserlo fino in fondo. E il sistema di ricatti personalistici che ha bloccato il paese per molto tempo non è scomparso. Il voto di ieri non ha cambiato il quadro. Ma il contesto di significati nel quale si inserisce, invece, è effettivamente trasformato. Si è aperta la strada per una stagione nuova. Non è cambiata la forma, ma è cambiata la sostanza.

Stefano Rodotà scrive oggi un pezzo importante sulla Repubblica (non trovo il testo online). La sua proposta è quella di scrivere un’agenda di riforma che parta dalla legge elettorale e arrivi al ricentramento delle attività politiche nell’alveo delle istituzioni: «La politica non è morta ma rischia di essere coltivata fuori dai luoghi istituzionali» scrive. Ed è proprio vero. Salvo il “rischia” che appare piuttosto certo e verificato: la politica fatta in tv con istituzioni trasformate in luoghi usati per svolgere attività private non è un rischio ma una realtà, in molti casi, in Italia. E giustamente Rodotà sostiene che è ripartendo dalle istituzioni come luogo della politica che si possono affrontare i temi che contano: lavoro, diritti, beni comuni, rete di telecomunicazioni, rete idrica, diritto d’autore e pubblico dominio, eguaglianza sociale.

Le istituzioni sono il bene civico essenziale. La costituzione garantisce la repubblica, la cosa di tutti noi. E solo a partire dal rispetto di ciò che abbiamo in comune possiamo dividerci a discutere sulle scelte alternative che le diverse opinioni conducono a proporre.

I personalismi privatizzano la politica, snaturandola in profondità. Aprono la strada alla legittimazione della corruzione, dell’evasione fiscale, dell’illegalità. Abbattono la credibilità delle istituzioni riducendo al lumicino quello che i cittadini hanno in comune costringendoli a rintanarsi nelle opposte fazioni, che diventano mondi separati che vivono nello stesso territorio. Il risultato è il blocco delle decisioni, l’immutablità.

L’innovazione parte da un contesto di regole accettate e rispettate da tutti perché è questo che consente di progettare un’agenda per tutti i cittadini e che tutte le fazioni si impegnano a portare avanti. Il ciclo elettorale è troppo corto per consentire la realizzazione di progetti di ampio respiro, che hanno bisogno di tempo. Solo un progetto di lungo termine può avviare il paese a superare la sua crisi. E il solo progetto di lungo termine che si può realizzare è un progetto che viene rispettato da tutte le fazioni, in modo che sia portato avanti indipendentemente dal ciclo elettorale.

L’agenda digitale è parte integrante di questo progetto. Alcune sue componenti sono essenziali per l’uscita dalla crisi:
1. la filiera delle startup innovative con la sua capacità di generare crescita, occupazione e innovazione;
2. l’istruzione, la ricerca, l’alfabetizzazione digitale viste come investimento fondamentale nell’economia della conoscenza;
3. la modernizzazione della pubblica amministrazione come alimento della cittadinanza e facilitatore dell’efficienza;
4. la rete digitale come bene comune sul quale sviluppare le visioni, capacità, iniziative sociali e culturali;
5. il pubblico dominio come default della conoscenza che viene generata dalla popolazione e il diritto d’autore che supera la sua configurazione di feticcio della vecchia industria culturale e diventa elemento dell’ecosistema della conoscenza.

E così via. L’agenda digitale è uno schema adatto a sostenere un progetto di paese più sensato. Dalla crisi non si esce tornando come prima, ma trasformandosi. L’agenda digitale aiuta a definire alcuni passaggi. Che si inseriscono in un disegno ancora più grande: le parole usate nella strategia “Destinazione Italia” aiutano a vederne i contorni.

C’è un tempo per ricostrure. È arrivato. Forse.

Articoli Correlati

  • 05/05/2012 Vittorie per la rete aperta L'ultima notizia rimbalza da Berlino. Neelie Kroes ammette che ACTA non passerà, probabilmente, in Europa (NewEurope). E anche in Italia, al momento, prevale una visione ampia, libera e aperta dell...
  • 02/10/2013 Prospettiva Il discorso di Enrico Letta è stato bello, equilibrato e prospettico. E in effetti molti di noi hanno colto l'accenno alle startup e all'agenda digitale con vero conforto. Destinazione Italia, cita...
  • 02/04/2014 I nemici della rete hanno imparato dalla guerriglia: usano a loro favore la complessità facendo confusione Una volta la disinformazione si faceva mettendo in giro notizie false. Oggi si fa mettendo in giro proposte di legge e varie pseudodecisioni che, per quanto poco sostenibili o realizzabili o iperco...
  • 28/12/2012 Se nonostante tutto si vuole cambiare l’Italia: l’agenda-partecipanda per il paese Piccole chiose in merito ai precedenti post. I motivi per cui in Italia si fatica a cambiare sono forse più chiari del metodo con il quale si può comunque contribuire al cambiamento. Ma qualche con...
  • 18/07/2014 Al via commissione per Internet Bill of Rights Con grande emozione e una rinnovata attenzione al tema dei diritti e internet leggo questo comunicato e lo condivido. Camera dei Deputati- Ufficio stampa - Comunicato - 18 luglio 2014 BOLDRIN...
  • 08/03/2012 Tutto parte con la tv… Si riassumeva qualche giorno fa un articolo dell'Economist che parlava del ruolo della tv per i regimi che hanno un comportamento autoritario. Diceva l'Economist: «Tutto comincia con la televisione...

5 Commenti su “Niente cambia perché tutto cambi

  1. il cambiamento potrà avvenire solo dalla scuola e per questo che viene continuamente ridimensionata. Inutile far capire ai genitori la sua importanza: tutti ne parlano e nessuno interviene. L’interesse è che diventi privata e quindi che alimenti i diplomifici di asini senza cervello pensante

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>