Essere e condividere

Andrea Contino cita un pezzo di Callie Schweitzer, su Medium, e commenta. Siamo ciò che condividiamo. Il problema nasce dall’esperienza e da un dubbio eterno: quanto sono autentiche le persone che si presentano online? Quanto i loro racconti autobiografici sono coerenti, integri, sinceri? Quanto sono frenate e inibite nel caso debbano affrontare temi che coinvolgono il loro vero nome?

Tema eterno. Sul quale ciascuno risponde come sa. Antoine Compagnon, professore di letteratura al Collège de France, ha dedicato un corso all’autobiografia: il podcast è online ed è un godimento intellettuale impareggiabile. La coerenza è sempre una giustapposizione narrativa all’autobiografia, ma non per questo il risultato è necessariamente meno autentico. È un’interpretazione.

Basta non considerare il tema dell’autenticità in rete come separato dal contesto mediatico dominato per trent’anni dalla tv commerciale, nella quale l’inautentico era core business e la cui eredità culturale non cessa nel passaggio alla rete. Ci vuole del tempo. E ci vogliono domande importanti come queste.

Siamo individui insieme agli altri e la nostra identità dipende dal rapporto con gli altri. Le domande si moltiplicano. Siamo “moltitudine” dice Carlo Freccero nel suo nuovo libro, Televisione (Bollati Boringhieri). Stiamo cercando noi stessi nel nuovo contesto della rete. Con Sherry Turkle ci domandiamo quanto sia autentico un sentimento che proviamo per una macchina o con la sua mediazione. È una grande ricerca epocale. Tutta da vivere.

Articoli Correlati

  • 15/11/2012 Dalla scuola autoreferenziale all’educazione visionaria Antoine Compagnon, storico della letteratura al Collège de France, ha dedicato uno dei suoi corsi all’anno 1966 (da ascoltare il podcast). E ha magistralmente mostrato come le riforme della scuola ...
  • 15/10/2012 Sul business dell’editoria in digitale, questioni aperte da troppo tempo In un'intervista di qualche giorno fa a Lo spazio della politica, Andrea Santagata di Banzai offre alcuni spunti di riflessione importanti sull'editoria dell'informazione. Aiuta a fare un bilanc...
  • 21/03/2015 Monica Lewinsky parla a TED dell’industria della vergogna Monica Lewinsky è tornata. E prende la parola a TED per condividere la sua vergogna. E per considerare come oggi la vergogna sia diventata un'industria online con enormi sofferenze per le persone c...
  • 13/12/2010 Dilemma strategico per Google Se fosse vero che il motore di ricerca di Google favorisce certi siti piuttosto che altri in funzione degli interessi economici dell'ormai vasta azienda Google, se le persone se ne accorgessero e c...
  • 28/11/2012 Post Industrial Journalism. Anderson, Bell, Shirky C.W. Anderson, Emily Bell e Clay Shirky hanno terminato il loro grande rapporto sul giornalismo, la sua crisi, la sua trasformazione, il suo futuro. Che in una parola si sintetizza in: sopravvivere...
  • 18/03/2013 Formule editoriali – Mind games Non sarebbe divertente se si potessero mettere i ragionamenti sul business editoriale in formule semplici? Questo post è solo un gioco logico. Vediamo. Il vecchio modello editoriale (oP = old pu...

3 Commenti su “Essere e condividere

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>