Mandarli tutti a casa? Sì, ma uno alla volta

L’insoddisfazione palpabile di questa campagna elettorale, che fa crescere ogni giorno di più il voto M5S, che imbarazza i vecchi partiti, che induce tanta altra gente a sentirsi in un vicolo cieco, obbligata a votare senza entusiasmo e convinzione, potrebbe condurre a un tasso di astensione superiore al normale.

Il ragionamento sui possibili esiti del voto innervosisce. Molti pensano che il voto utile sia un voto obbligato. E sia più motivato dall’odio verso l’altra parte che dall’amore per la propria. Altri pensano di votare comunque un piccolo partito, per dare un segnale, ma con il rischio di disperderlo e di far vincere la parte avversa a quella che si preferisce. Il terrore che si arrivi a un parlamento ingovernabile è enorme.

Non votare sarebbe un errore e non influirebbe su nulla. Perché deciderebbe comunque chi va a votare.

La maggioranza degli italiani sicuramente vorrebbe un ricambio profondissimo e radicale. Ma come realizzarlo?

L’unica strada è mandarli tutti a casa. Ma uno alla volta. Scegliendo attentamente le priorità.

Vedi anche:
Li stiamo perdendo

Comments

3 Comments so far. Leave a comment below.
  1. Uno alla volta? E quanto tempo ci occorre…..

  2. Marco Verdecchia,

    Uno alla volta? Si rende a che punto è arrivata la crisi? L’Italia è malata di cancro all’ultimo stadio.

    E’ stata proprio la politica del togliere un pochino alla volta che alla fine ci ha portato a questo punto, alla crisi più grande che si ricordi dal dopoguerra.

  3. Andrea Ferrante,

    Sono tra quelli che fino a poco tempo fa erano sicuri del proprio voto, utile. Sinceramente più passa il tempo e più leggo i commenti dei vari politici, più mi vien voglia di tirare la “bomba” democratica del voto di protesta. È questa voglia cresce con il leggere la paura di questi politici all’idea dei “barbari stellati. È vero sono tutti inesperti, però sono anche giovani e con passione e soprattutto si sono spesi in prima persona. La mia voglia di premiarli cresce. Anche perché con l’idea, del tutto lecita e rispettabilissima di ” mandarli fuori un po’ per volta ” siamo al solito compromesso italico che avrà le gattopardiane conseguenze di non mutare nulla.

Add Your Comments

Disclaimer
Your email is never published nor shared.
Required
Required
Tips

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <ol> <ul> <li> <strong>

Ready?